Gli scorci più brutti di Roma: Largo Giovanni Battista Marzi e la facoltà di architettura di Roma Tre

1 Commento

 

foto centro storico 210

 

Ci sono luoghi brutti, spacciati per belli e affascinanti dalla retorica della “Grande bellezza” frutto del provincialismo culturale del mondo politico, accademico e culturale. Luoghi brutti smerciati per belli nel discorso pubblico dominante per illudere i romani che lo stato di degrado che affossa Roma, sia in qualche modo compensato e riequilibrato dall’immenso patrimonio artistico e architettonico diffuso sul territorio ed in particolare nella “città storica” divenuta l’unica zona meritevole di rispetto, mentre l’area decentrata e periferica, i quartieri della “città consolidata”sono percepiti come terra di nessuno, zona franca per incivili e maleducati, luogo senza valore e dignità estetica.

Abbiamo visto come persino luoghi iconici dell’immaginario turistico, siano immersi nel degrado più totale (vedi la Basilica di San Pietro dal lungotevere), immaginiamoci le tante strade o piazze oggettivamente brutte che costellano Roma dal centro alla periferia. Luoghi brutti vissuti come stupendi e perfetti, o comunque ritenuti non migliorabili né perfettibili. Alcuni di questi posseggono un certo fascino, un potenziale immaginifico rovinato da comportamenti incivili e irrispettosi del bene pubblico, assurdamente giustificati dall’intellettuale collettivo come libertà di espressione, creatività e democrazia.

Uno di questi è sicuramente l’ingresso al rione Testaccio provenendo dall’omonimo ponte, Largo Giovanni Battista Marzi.

foto centro storico 223

Crocevia di intellettuali e artisti reso celebre dal film di Jim Jarmush “Taxisti di notte”.

Qui nel giro di pochi metri si trovano la Città dell’Altra Economia, gli spazi espositivi del Macro-La Pelanda e la Scuola Popolare di Musica di Testaccio. Lasciamo a voi ogni commento sullo stato di deterioramento estetico e ambientale della prospettiva qui sotto.

 

 

foto centro storico 230

Vedete le due bandiere esposte in mezzo alle tags e alle affissioni abusive? 

foto centro storico 211

Ebbene sì, questo è l’ingresso della FACOLTA’ DI ARCHITETTURA DI ROMA TRE!

foto centro storico 226

Da non credersi: il luogo deputato alla formazione dei nuovi maestri del bello e dell’armonia delle forme, delle proporzioni e della simmetria, dell’ordine spaziale e della qualità urbana,  precipitato nel più agghiacciante squallore.

Saremo ingenui, superficiali e sempliciotti, ma che le nuove generazioni di architetti e urbanisti romani studino dentro a un involucro di tale disarmonia estetica, in un complesso d’interesse storico-architettonico tutelato dai beni culturali eppure sfregiato da scritte di ogni tipo non ribellandosi a questo stato di cose, ci pare francamente inaudito, allucinante, folle.

foto centro storico 207

Ogni giorno lo spazio riservato alla fermata dell’autobus è occupato dalle auto e motorini di chi lavora e studia in zona.

Immancabili gli orrendi graffiti vandalici e i cartelloni addosso alle mura perimetrali.

foto centro storico 233

foto centro storico 235

foto centro storico 241

Un paragone illuminante: sopra, lo storico murales artistico di Via Manuzio ormai decrepito e fatiscente: nessuno ha mai pensato di resturarlo.

foto centro storico 245

Di contro, le mura sono piene di graffiti che danneggiano l’integrità e l’unitarietà estetico-cromatica dei padiglioni.

foto centro storico 246

Chissà che cosa ne penseranno i docenti di Roma Tre…….

foto centro storico 252

La situazione di degrado dei marciapiedi che portano all’ingresso secondario della facoltà.

foto centro storico 253

 

foto centro storico 254

Queste le condizioni degli spazi esterni della facoltà di architettura di Roma Tre, fucina dei nuovi esperti di armonia urbana e bellezza architettonica.

Forse è inutile chiedersi se qualche studente o professore di Roma Tre, magari il rettore Mario Panizza, abbia mai denunciato alle autorità competenti le aggressioni dei vandali-writers e degli attacchini dei centri sociali, sollecitando il ripristino dello stato originario dei luoghi.

Provvederemo noi ad avvisare l’Ama e la sezione Pics della Polizia Locale. A corredo di ciò invitiamo a ragionare sull’indifferenza alle condizioni di sottosviluppo urbano in cui è relegata l’area del polo culturale di Testaccio, da parte dei soggetti interessati.

 

foto centro storico 239

 

 

Articoli correlati

1 Commento

  1. Anonimo

    Per non parlare del fatto che lungo la riva destra del tevere è pieno di baracche, accampamenti di fortuna e cumuli di rifiuti. Il tutto ben visibile dalla ciclabile posta sulla sponda opposta. Ho anche segnalato su iosegnalo ma non credo che sarà fatto qualcosa

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

E' proprio nei momenti di crisi come quello che sta vivendo adesso la giunta che un Sindaco spinge per atti concreti di buona amministrazione. @virginiaraggi cominci dalle bancarelle e dal Tavolo del Decoro. diarioromano.it/?p=31517

Il doppio fallimento del M5S a Roma: non solo la pessima capacità di governo ma soprattutto la scarsa trasparenza negli atti e nelle decisioni. L'apriscatole e gli streaming sono solo un ricordo. #DeVito diarioromano.it/?p=31495

Un articolo di @rep_roma ricorda quante bancarelle impallano i monumenti più belli di Roma. Una risposta da @virginiaraggi anche sul caldarrostaro di piazza di Spagna sarebbe utile. Ma forse oggi la Sindaca ha altro cui pensare #DeVito diarioromano.it/?p=31400

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.