Giovani: ma qualcuno se ne occupa?

Nessun commento

Quest’oggi apro la pagina romana di Repubblica e trovo il titolone sull’ennesima rissa tra giovani, questa volta nei pressi di una discoteca a Tor Bella Monaca.

TBM

Poi apro facebook e trovo quest’altro:

SPiV

Ovviamente non posso non collegare le due cose e pensare che se ci fosse un’offerta culturale del tipo di quella rivendicata dai ragazzi dell’America, in molte parti di Roma i ragazzi avrebbero un’alternativa alla discoteca e alla movida con annessi abusi di alcool e droghe.

Si potrà anche non essere d’accordo con alcuni metodi adottati da questi ragazzi, quando ad esempio si presero un cinema di proprietà privata chiuso da 14 anni e lo fecero rinascere con proiezioni gratuite ed eventi a cui accorse il miglior cinema italiano. Si può legittimamente pretendere che anche per loro debba valere la normale legalità e che quindi se vogliono organizzare eventi culturali debbono seguire i percorsi previsti. Ma dove sono questi benedetti percorsi?

Quando il Sindaco Marino ha incontrato i ragazzi gli propose addirittura di mettere a frutto le loro idee in tante parti della periferia romana che di offerta culturale sono allo zero più assoluto. Dove sono finiti questi bei propositi?

Se, legittimamente, non si vogliono più utilizzare le idee di questi ragazzi, si può sapere qual è l’iniziativa dell’amministrazione comunale per dare alternative valide ai giovani rispetto all’andarsi ad intruppare in luoghi degradati, pericolosi e buoni solo per chi ci lucra senza scrupoli?

Non sfugge infatti che se da una parte il Comune nulla fa di positivo per i giovani, dall’altra molto fa, nel senso di non muovere mai un’unghia, per incentivare il consumo di alcool nei minorenni, dato che non è dato di sapere di un solo locale di somministrazione che usi rifiutare bevande alcoliche ai minorenni.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Pazzesco! La situazione ha da tempo superato il limite del ridicolo ed il governo nazionale non può più far finta di niente con un’amica.ne della capitale così bloccata. Almeno salterà qualche testa questa volta @virginiaraggi? twitter.com/MercurioPsi/st…

C'è una norma per i ristoranti che nessuno controlla mai. Ad un numero di coperti deve corrispondere una certa grandezza della cucina. Serve a garantire la qualità dei piatti serviti. E se in tavolini in strada aumentano i coperti abusivamente che succede? diarioromano.it/?p=30350

Sotto la galleria Turbigo a Termini c'è un mondo di emarginazione che non si risolve mettendo la testa sotto la sabbia. Oltre 30 persone che vanno aiutate e spostate diarioromano.it/?p=30222

Storia di ordinaria follia da sosta selvaggia. Una Smart blocca un intero quadrante del centro. E non ci sono carri attrezzi per rimuoverla. @EnricoStefano @LindaMeleo diarioromano.it/?p=30213

Video diario
  • Qualcuno fermi Coia!

    Nell'ultima commissione commercio il Presidente ha espresso una posizione opposta a quella che fu del M5S nel 2014: qual è la linea dei 5S?

  • I fischi per fiaschi del PUMS

    I numeri in libertà sul PUMS sarebbero stati frutto di errori di Roma Servizi per la Mobilità. Nessuna rettifica ufficiale però è ancora giunta

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.