Gente di Roma – L’uomo irragionevole

3 Commenti

UomoIrragionevole

 

È il 31 dicembre. Sto passeggiando nel Parco degli Acquedotti ed è semplicemente una bella giornata, non sembra la fine di un anno, non si sente la tristezza dell’ultimo giorno del 2015.

In giro pochissime persone, l’aria serena, si cammina assorti. Nessuno sembra particolarmente preoccupato del tempo che passa, del nuovo anno. Il cielo è limpido, le pietre antiche rassicurano e una silenziosa  bellezza ci conforta, nonostante tutto.

All’improvviso alzo la testa e in mezzo al verde vedo il rosa di un berretto. Lo indossa un uomo con una zappa in mano. Sta togliendo le erbacce… “Che impresa irragionevole in un parco così immenso” penso, colpita dalla sua determinazione.  
Più in là ci sono altre due persone e anche loro puliscono. Ma ce ne vorrebbero cento, mille.

Sono i volontari del Parco degli Acquedotti. Li saluto:
“Qui anche oggi?”
“Tutti i giorni, siamo qui tutti i giorni”, risponde l’uomo col berretto rosa.

Si chiama Luciano Di Vico e da sette anni, ininterrottamente, pulisce il parco.

Due giorni fa, al cinema, ho visto “The irrational man” il nuovo film di Woody Allen.
Guardo Luciano e ripenso al film. Woody Allen cita George Bernard Shaw: “L’uomo ragionevole si adatta alle condizioni che lo circondano. Quello irragionevole adatta a sé le condizioni circostanti. Ogni progresso dipende dall’uomo irragionevole”.
Ecco, mi dico, Luciano Di Vico un vero “uomo irragionevole”. E porta un berretto rosa.

Gli chiedo se posso fotografarlo e parlare di lui nella mia rubrica “Gente di Roma”. Perché è a persone come lui che questa città deve molto, al loro inarrestabile entusiasmo.
“Si”- risponde. “Siamo finiti anche sul New York Times. Una giornalista americana è stata con noi per tre giorni e ha scritto un bell’articolo!”
Lo ringrazio, parliamo ancora un po’. Poi me ne vado: “Allora buon anno!”

Mentre mi allontano cerco sull’i-phone l’articolo di cui mi ha parlato. Lo trovo, (eccolo, anche per voi) e una strana idea mi segue fino a casa: Woody Allen che legge il New York Times e, colpito dalla caparbietà di Luciano De Vico, esclama: “Oh, those Romans, wonderful irrational men!”

 

 

Foto di Giovanna Iorio

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Anonimo

    Complimenti, un articolo molto ben scritto!

  2. Elisa

    Che meraviglioso esempio di senso civico.
    Grazie al giornalista per l’articolo

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

L’incapacità fatta azienda di trasporto pubblico. Neanche a gestire delle navette sostitutive sono in grado. twitter.com/mercuriopsi/st…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.