Gente di Roma – Figli di un dio minore (del vento)

Nessun commento

soffioni strada 2

 

Sono anni che li vedo. Questi tubi e chi li usa sono per me il vero mistero, o forse simboli rumorosi di un modo di vivere lievemente incomprensibile.

Perché soffiate via, da un’altra parte, in un altro angolo di strada tutta la polvere, le foglie, l’immondizia pulviscolare indesiderata. E perché quando lo fate avete un’aria di sfida, quasi arrogante. Come se vi possedesse Eolo, il dio dei venti, o foste proprio voi uno dei suoi dodici figli che unendosi tra di loro ne crearono tanti e tanti.

Ecco, ora ti ho catturato e ti ho pure guardato negli occhi, un attimo fa mentre tentavi di soffiare via anche me perché me ne sto seduta in assenza di panchine in una specie di zona franca tra la residenza imperiale e la strada. Eccomi: dimmi allora. Perché lo fai? Perché non spazzare? Al paese mio c’era una donna che spazzava prima tutta la casa, poi il marciapiede, infine se ce n’era bisogno tutta la strada. Diceva (si chiamava Emilia) che il vento porta via il sudiciume se lo si lascia per strada.

Raccoglierlo giovava a tutto il paese. E forse al mondo.

 

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Molto fumo e poca concretezza da @LindaMeleo sul @GRAB_Roma Se ci lavorano stessi tecnici di S. Bibiana siamo fritti diarioromano.it/?p=18399

Consiglio comunale chiuso per mancanza di delibere. E i grillini processano i loro stessi assessori. Da… twitter.com/i/web/status/9…

Stavano montando le lampade sbagliate a Cso Vittorio. Fermati da un cittadino e da @nathalie_naim Città allo sbando… twitter.com/i/web/status/9…

Prima ciclabile dell'era @virginiaraggi ha ancora segnaletica oscurata. Visto che @LindaMeleo è inutile, ci dice @EnricoStefano che succede?

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.