GECO, l’imprendibile Diabolik de noantri

Chi sarà mai questo GECO che riesce a fare scritte cubitali nei luoghi più in vista senza che mai nessuno lo fermi? O in realtà a Roma tutti potrebbero farlo?

 

Chi sarà mai questo GECO che riesce a fare scritte cubitali nei luoghi più in vista senza che mai nessuno lo fermi? O in realtà a Roma tutti potrebbero farlo?

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

4 risposte

  1. E’ uno stronzo di dimensioni colossali che sta facendo danni per milioni di euro a Roma e in Portogallo:
    https://ocorvo.pt/sou-um-bomber-quero-espalhar-o-meu-nome-diz-geco-o-homem-que-reveste-lisboa-de-tags-e-graffitis/
    Credo che le autorità dovrebbero darsi una svegliata, anche perchè emulato da un miliardo di altri stronzi vandali maledetti che si stampano adesivi e fanno graffiti coi nomi più svariati per poi vantarsi sui social
    NOUE
    HARD
    MAFM
    Questi qua ci stanno costando un patrimonio, rendendo segnali stradali ed ogni altra superificie inservibile

  2. Un giorno storico è arrivato, finalmente
    https://video.repubblica.it/edizione/roma/svelata-l-identita-di-geco-da-roma-a-lisbona-ecco-i-graffiti-del-writer-piu-ricercato-d-europa/370786/371394?ref=RHTP-BS-I270682269-P3-S2-T1

    Deve restare bene impresso nella mente, malata, di quanti lo imitano e credono di poterla fare franca.
    La follia è che l’hanno lasciato e li stanno lasciando liberi di fare questo volume di danni, incredibile e, direi, non colmabile.

    1. Ecco il livello del dibattito giornalistico:
      https://roma.repubblica.it/cronaca/2020/11/10/news/la_denuncia_di_geco_riaccende_il_dibattito_arte_o_monnezza_-273775629/
      E’ arte o non è arte (secondo repubblica)?
      Non voglio cadere nell’equivoco della giornalista. Arte è ciò che stupisce, affascina ed emoziona. Qui si assiste invece da anni ad un danneggiamento sistematico di beni pubblici e privati, dell’oscuramento di segnaletica stradale (cosa che provoca morti, feriti e danni a non finire), del voler imporre il proprio nome da deficiente il cima a casa di chicchessia ma che non lha certo richiesto, di imbrattamento di monumenti storici.
      Questo imbecille e i suoi emuli dovrebbero avere la decenza di metter mano al portafogli e rifondere i danneggiati cioè tutti noi, prima di parlare di arte. Temo però che essendo solo degli esibizionisti , non potranno mai ripagare i propri danni, che saranno quindi a carico di tutti noi. Per anni. Sbatteteli a ripristinare la città che hanno contribuito a sfasciare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Chi gestirà le linee bus di periferia nei prossimi anni? Pubblicato, con più di due anni di ritardo, il bando per 100 linee oggi affidate a #Roma Tpl. La cronistoria degli errori e i requisiti del nuovo operatore... #2dicembre ▪️ 📰👇 diarioromano.it/chi-gestira-le…

Quando l'amministrazione si deciderà a fare qualcosa per l'invasione dei #monopattini sarà sempre troppo tardi. Qui un "branco" a via della Croce. #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Quando l'amministrazione si deciderà a fare qualcosa per l'invasione dei #monopattini sarà sempre troppo tardi. Qui un "branco" a via della Croce.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/SmzlVEOawN

Ora che c'è anche il diretto interessato a ricordare il complotto tra il @pdnetwork e alcuni vigili, forse è il caso che qualcuno fornisca qualche spiegazione, o no @andcasu @campidoglioPD @PD_ROMA? Meglio farlo ora che in tutte le prossime occasioni elettorali, non credete? twitter.com/francis_rojo_/…

Fermata #Policlinico chiusa, ovvero come appiedare 3 milioni di passeggeri. Dopo Castro Pretorio, la #metroB perde un'altra fermata per lavori che dovevano essere meglio coordinati. Nessuna previsione per le riaperture ma si parla di sei mesi?! ▪️ 📰👇 diarioromano.it/fermata-policl… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close