Geco, il megalomane imitato da tanti idioti. La denuncia non basta

Ha imbrattato centinaia di muri e edifici. Non era solo e i "suoi" sono ancora a spasso. Roma resta la terra felice dei writers

 

La personalità disturbata di Geco, al secolo Lorenzo Perris, 30 anni, risultava da un’intervista rilasciata a un giornale portoghese nel 2018. “Voglio diffondere il mio nome più che avere un’estetica. Il primo obiettivo dell’attentatore è la quantità, quando dipingi inizi a vedere ogni muro come una sfida”.

Le parole in grassetto mettono in risalto la megalomania di questa povera anima priva di pensiero originale. In quell’intervista, in forma anonima, Perris parla di se stesso come di un “attentatore” e usa il verbo “dipingere” per classificare le sue oscene tags. Insomma un pazzo, esaltato che ha potuto operare per anni, sfregiando e deturpando ogni superficie, senza rispetto alcuno.

E’ stato scoperto dal Nad, il Nucleo Ambiente e Decoro della Polizia di Roma Capitale, e denunciato per danneggiamento e reato continuato. Quando gli agenti sono entrati nella sua casa del Prenestino, in piena notte, ha dato di matto. In un filmato che diarioromano ha potuto visionare in esclusiva, si vede Perris che prende il suo telefono (evidentemente carico di dati e informazioni) e lo scaglia per terra nel tentativo di romperlo e impedire alla Polizia di scoprire altre notizie.

Mesi di pedinamenti e indagini hanno permesso di coglierlo sul fatto senza che se ne accorgesse. Sicuro di sé, sfrontato al punto da vergare le lettere del suo “nome d’arte” su palazzi storici, tetti, monumenti e mercati, alla fine ha commesso un errore che ha permesso di scoprirlo.

Non si è fermato neanche di fronte alle Mura Aureliane che per secoli sono state preservate dal vandalismo, oppure alla Torre di Santa Bibiana o al mercato di via Magna Grecia.

 

Ad un certo punto le scritte sui muri non gli bastavano più e ha cominciato a produrre adesivi affissi in maniera virale sui pali dei semafori e dell’illuminazione, sulle serrande e sui portoni. In casa ne sono stati trovati 13 mila pronti per essere attaccati ovunque. A Lisbona, la sua seconda città dove aveva scelto di praticare il vandalismo, il Comune gli ha chiesto 500 mila euro di danni. 

Sebbene gli agenti del Nad abbiano fatto un ottimo lavoro e a loro vanno i complimenti delle centinaia di migliaia di romani che hanno visto sfregiare un pezzo di città, c’è da dire che la denuncia di Geco non è che il successo di una battaglia in una guerra tutt’altro che vinta. Geco stesso ha molti ammiratori e seguaci che ora si scateneranno per portare avanti il suo nome sui muri (pazzi scocciati che mettono a rischio la propria fedina penale per far contento qualcun altro) e poi come lui ce ne sono tanti.

Costituiscono le cosiddette “crew”, un fenomeno nato negli Stati Uniti degli anni ’70 e terminato da tempo in quel paese, mentre resta vivace solo a Roma, luogo di degrado senza confini. Da noi il  graffitismo ha prima preso piede seguendo una matrice politica (scritte di destra o sinistra campeggiavano fino agli anni 80), poi è passato alla parte sportiva con messaggi legati alle squadre di calcio e infine si è arrivati all’imbrattamento duro e puro, senza criterio. Di questo, Geco rappresenta l’apice di un sistema che è ormai molto radicato a causa del lassismo di tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute.

E così i treni della metropolitana, le serrande, le spazzatrici, i segnali stradali, i cestini sono tutti diventati lavagna per imbecilli.

 

La soluzione non è facile ma esistono pratiche adottate in altri paesi con successo. Città come New York hanno sconfitto i taggaroli che ormai lì sono una rarità. E’ stato fatto con una campagna di sensibilizzazione, un database che associa le tags ai vandali grafici, con la creazione di squadre comunali pronte a cancellare le scritte nelle prime 48 ore.

Perché se gliele cancelli, il vandalo perderà il gusto di realizzarle. Non vale la pena di correre il rischio se dopo poche ore la tags viene coperta. E la stessa cosa dovrebbe essere fatta dai privati cittadini sulle facciate dei condomini, dai commercianti sulle saracinesche dei propri negozi.

Atac non si è mai impegnata per mettere in sicurezza il deposito dei treni di Osteria del Curato dove chiunque può penetrare di notte e gettare vernice spray sui vagoni. Eppure secondo alcuni calcoli l’azienda perde 16 milioni l’anno a causa delle scritte vandaliche.  L’Associazione Nazionale Antigraffiti, calcolò che solo il Comune di Milano spende 12 milioni l’anno per coprire le scritte e che se si volesse ripulire l’intera nazione il costo sarebbe di 790 milioni. Trenitalia, solo nel Lazio, spende circa 4 milioni di euro l’anno per consentire ai propri treni di circolare senza essere coperti di tags. E il problema non è solo il costo economico della ripulitura, ma c’è anche quello sociale: si trasmette il messaggio che tutto è consentito, che tutto è lecito. Che la città è terra di nessuno.

Geco ne era convinto e in parte aveva ragione se è riuscito ad operare per anni indisturbato. Ora occorre agire su tutti i fronti per riportare l’arte urbana alla dignità che le spetta, ai bellissimi murales realizzati da veri artisti che colorano e rallegrano i quartieri.

Mentre delle firmette degli idioti possiamo davvero fare a meno.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

7 risposte

  1. Mi piacerebbe verlo ripulire dove ha sporcato e non, ogni giorno, finché non passa la voglia a lui e a quelli come lui.
    Sono d’accordo, occorrerebbe ricoprire le scritte subito, rendere inutile il loro inutile “lavoro”.

  2. Ripubblico qui quanto ho scritto ieri altrove in questo stesso sito:

    Ecco il livello del dibattito giornalistico:
    https://roma.repubblica.it/cronaca/2020/11/10/news/la_denuncia_di_geco_riaccende_il_dibattito_arte_o_monnezza_-273775629/
    E’ arte o non è arte (secondo repubblica)?
    Non voglio cadere nell’equivoco della giornalista. Arte è ciò che stupisce, affascina ed emoziona. Qui si assiste invece da anni ad un danneggiamento sistematico di beni pubblici e privati, all’oscuramento di segnaletica stradale (cosa che provoca morti, feriti e danni a non finire), al voler imporre il proprio nome da deficiente il cima a casa di chicchessia ma che non l’ha certo richiesto, all’imbrattamento di monumenti storici.
    Questo imbecille e i suoi emuli dovrebbero avere la decenza di metter mano al portafogli e rifondere i danneggiati cioè tutti noi, prima di parlare di arte. Temo però che essendo solo degli esibizionisti , non potranno mai ripagare i propri danni, che saranno quindi a carico di tutti noi. Per anni. Sbatteteli a ripristinare la città che hanno contribuito a sfasciare!

    Per inciso: oggi Repubblica continua la sua campagna quasi giustificatrice delle gesta di questo idiota. Ecco, è appunto l’assuefazione, il giustificare, il volerla buttare in caciara che preoccupa.
    https://roma.repubblica.it/cronaca/2020/11/10/news/bonito_oliva_geco-273871378/

    1. Arte? L’arte non deturpa, arricchisce. È arte un murales che esprime qualcosa, quelli a Tor Marancia, non uno scarabocchio di un adolescente mai cresciuto. Non capisco proprio chi lo difende…

  3. Ripubblico qui quanto ho scritto ieri altrove in questo stesso sito:

    Ecco il livello del dibattito giornalistico:
    https://roma.repubblica.it/cronaca/2020/11/10/news/la_denuncia_di_geco_riaccende_il_dibattito_arte_o_monnezza_-273775629/
    E’ arte o non è arte (secondo repubblica)?
    Non voglio cadere nell’equivoco della giornalista. Arte è ciò che
    stupisce, affascina ed emoziona. Qui si assiste invece da anni ad un
    danneggiamento sistematico di beni pubblici e privati, all’oscuramento
    di segnaletica stradale (cosa che provoca morti, feriti e danni a non
    finire), al voler imporre il proprio nome da deficiente il cima a casa
    di chicchessia ma che non l’ha certo richiesto, all’imbrattamento di
    monumenti storici.
    Questo imbecille e i suoi emuli dovrebbero avere la decenza di metter
    mano al portafogli e rifondere i danneggiati cioè tutti noi, prima di
    parlare di arte. Temo però che essendo solo degli esibizionisti , non
    potranno mai ripagare i propri danni, che saranno quindi a carico di
    tutti noi. Per anni. Sbatteteli a ripristinare la città che hanno
    contribuito a sfasciare!

    Per inciso: oggi Repubblica continua la sua campagna quasi
    giustificatrice delle gesta di questo idiota. Ecco, è appunto
    l’assuefazione, il giustificare, il legittimare che
    preoccupa.
    https://roma.repubblica.it/cronaca/2020/11/10/news/bonito_oliva_geco-273871378

  4. Spero sia in carcere in una cella a segnare sul muro i giorni di reclusione e che possa uscire dopo aver segnato tutte le pareti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Circa un km dopo il Gra, in direzione #Roma. Una gigantesca discarica sul bordo della strada. Scene da paese sottosviluppato... #Fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Circa un km dopo il Gra, in direzione #Roma. Una gigantesca discarica sul bordo della strada. Scene da paese sottosviluppato...
#Fotodelgiorno  📸 https://t.co/zqTmWvXnSJ

Bancarelle: tra Raggi e Alfonsi è una lotta a chi ha più torto Invece di collaborare,cercando di replicare il grande spostamento del sindaco Marino, Comune e Municipio si fanno la guerra, rischiando di lasciare i banchi dove sono #Roma #29novembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/bancarelle-tra… Retweeted by diarioromano

Bancarelle: tra Raggi e Alfonsi è una lotta a chi ha più torto Invece di collaborare,cercando di replicare il grande spostamento del sindaco Marino, Comune e Municipio si fanno la guerra, rischiando di lasciare i banchi dove sono #Roma #29novembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/bancarelle-tra…

Già. Per quanto sia impegnato a fronteggiare l'emergenza COVID19, @gualtierieurope dovrebbe trovare il tempo di buttare un occhio nel collegio in cui è stato eletto quest'anno. Ci ha pensato @Sabrinalfonsi a sollecitarlo? Era lei che lo portava qua e là in campagna elettorale. twitter.com/residentiCM/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close