Forse Tronca non ha ancora realizzato dove è capitato

1 Commento

troncaManiCapelli

Qualche giorno fa, a seguito dell’emissione delle due ordinanze da parte del commissario Tronca, le salutavamo con moderata soddisfazione, in quanto le avevamo trovate non proprio solidissime: dettagliate e verbose premesse per dispositivi che apparivano superabili in diversi punti. Ne avevamo sottolineati alcuni tra cui il seguente:

“Un’altra perplessità riguarda l’applicabilità di quanto stabilito nelle ordinanze, dove si dice, ad esempio, che è vietato svolgere “…attività assimilabile al trasporto pubblico…” nei luoghi indicati dall’elenco, ma allora questo significa che in tutti gli altri luoghi tale attività sarà consentita? E come può essere che un’attività rappresenta un problema di degrado e di sicurezza urbana solo in alcuni luoghi? E che dire se tale attività invece che essere svolta a piazza di Spagna lo è a via Condotti?”.

Ebbene siamo stati facili profeti giacché i centurioni, dopo qualche giorno di disorientamento, hanno subito capito come aggirare i divieti e si sono spostati ad offrire con la solita insistenza i loro servigi ovunque non sia vietato dall’ordinanza (ad esempio in S. Pietro in Vincoli o a via delle Muratte).

E forse gli è ancora sfuggito che se ai risciò è vietata via del Corso, per loro invece è un luogo consentito.

Inoltre c’è da aspettarsi che presto torneranno anche i risciò ad ammorbare tanti luoghi del centro storico, limitandosi ad evitare quelli vietati dall’ordinanza.

Non sappiamo se le ordinanze siano state pensate ed impostate dallo stesso Tronca o se invece il commissario si sia affidato agli uffici capitolini. Comunque sia è bene che il commissario si renda conto che è capitato nel luogo dove il diritto è sì stato inventato, ma che oggi è senza dubbio la patria del cavillo, dell’arzigogolo giuridico, dell’iperbole interpretativa. Per questo i testi normativi, le determinazioni dirigenziali ma soprattutto le ordinanze devono essere le più semplici possibile e scritte da chi abbia dimostrato di avere tutta la dimestichezza necessaria a blindare tali provvedimenti (e per individuare tali soggetti suggeriamo di chiedere all’ex-assessore Leonori, che aveva capito come servirsene con estrema efficacia).

Ora sembra che l’elenco dei luoghi individuati dalle ordinanze verrà integrato con altri dove nel frattempo si sono spostati i centurioni, ma così non se ne uscirà mai, essendo il centro storico di Roma estremamente esteso e l’elenco delle vie e piazze non sarà mai esaustivo, mentre probabilmente non si può vietare certe attività indiscriminatamente in tutto il centro storico.

Noi l’avevamo già suggerito al commissario di guardare al nuovo regolamento di polizia urbana, che è pronto da mesi e che aspetta solo di essere messo in vigore, anziché ricorrere a provvedimenti temporanei e facilmente superabili. In quel testo vengono affrontati tanti problemi cittadini, dai centurioni invadenti ai pericolosi risciò, dagli abusi negli alcolici al divieto di rovistaggio nei cassonetti. Insomma tante misure anti-degrado che i cittadini aspettano da anni.

Sappiamo che quel provvedimento è già all’attenzione del commissario Tronca e ci permettiamo, nel nostro piccolo, di invitarlo caldamente a procedere con la sua immediata approvazione. Seppur qualche norma in esso contenuta si rivelerà non perfetta, siamo sicuri che la gran parte di esse indirizzeranno i problemi per cui sono state pensate. Ma soprattutto sarà un enorme salto di qualità rispetto al regolamento di polizia urbana vigente che risale al 1947!?!

Articoli correlati

1 Commento

  1. lor

    …anche se -approvato il regolamento- viene sempre il problema dei controlli e di chi fa rispettare le norme, e con i vigili che abbiamo…….

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Da 10anni il relitto della Tiber sulla banchina del Tevere. Ospita sbandati e senzatetto. Rischio ecologico per carburante ancora all'interno. La denuncia di @ROMAnuova2018 inascoltata da @nzingaretti e @virginiaraggi. @Agendatevere @gloquenzi @tevereterno diarioromano.it/?p=25182

test Twitter Media - Da 10anni il relitto della Tiber sulla banchina del Tevere. Ospita sbandati e senzatetto. Rischio ecologico per carburante ancora all'interno. La denuncia di @ROMAnuova2018 inascoltata da @nzingaretti e @virginiaraggi. @Agendatevere @gloquenzi @tevereterno https://t.co/ImKfIcbfh8 https://t.co/lHC6ymxuiX

In alcuni tratti di ciclabile sul Tevere ancora il fango della piena di marzo. La denuncia di @BiciRoma diarioromano.it/?p=25157

test Twitter Media - In alcuni tratti di ciclabile sul Tevere ancora il fango della piena di marzo. La denuncia di @BiciRoma https://t.co/iCwrGlZzQS https://t.co/ojtoXUuDzy

Nuova tegola sul Concordato #Atac. Per l'Anac illegittima la proroga al 2021 del contratto di servizio senza una gara. Si va verso un commissario? @ilmessaggeroit @MercurioPsi @TreninoBlu @ATtACcatiAlBus diarioromano.it/?p=25176

Video diario
  • Caduto con la neve di febbraio!!

    Questi sono i resti di un oleandro caduto a febbraio per la neve e stanno ancora lì in via Martucci, II° Municipio. Paola B. 

  • Sporcano e basta

    Questi adesivi con la scritta Take Off appiccicati ovunque sporcano e basta. Chi capisce cosa vogliono pubblicizzare? Inutili e dannosi.Laura

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.