Fase 2 e trasporto pubblico a Roma. Impossibile garantire le distanze, la metro A collasserebbe

Una simulazione mostra quanto sia difficile garantire la distanza di sicurezza tra passeggeri. Meglio puntare su mascherine e guanti

Tra breve partirà la fase2 dell’emergenza coronavirus, ed un aspetto critico è la mobilità. Per i mezzi pubblici si parla di contingentamento e numero chiuso, per rispettare le distanze di sicurezza. Il sistema certamente più controllabile è quello delle Metro. Vediamo come potrebbe “funzionare”.

Abbiamo fatto una simulazione con i dati ufficiali di ATAC sul numero di ingressi ai tornelli di tutte le stazioni della Metro A, B e C registrati nel 2018. Vediamo cosa avverrebbe in Metro A se l’utenza tornasse tutta quella di prima dell’emergenza.

I treni in servizio sulla Metro A sono lunghi 108 metri e larghi 2,8 metri, hanno 216 posti a sedere e 992 in piedi (totale: 1.208). Per mantenere la distanza di sicurezza di 1mt, la capienza massima del treno è di 108 posti a sedere e, con una particolare disposizione, di altri 31 in piedi, per un totale di circa 140 posti.

La lunghezza utile della banchina è di 100mt, quindi la capienza massima in caso di distribuzione perfettamente uniforme, è di meno di 200 persone.

Presupponendo un sistema che funzioni alla perfezione, con 33 treni tutti in servizio e passaggi ogni 3 minuti, i risultati sono questi:

A BORDO TRENO: su Metro A, nell’ora di picco della mattina, ogni treno raggiungerebbe la capienza massima di 140 persone dopo solo 3 fermate. Per poter caricare in tutte le stazioni, i treni dovrebbero iniziare il servizio: da capolinea, poi dalla 4^ fermata, dalla 7^ e dalla 10^ circa, fino al nodo centrale di Termini, passato il quale si presuppone che i passeggeri diminuiscano. La capacità di trasporto risulterà ridotta di quasi il  90% rispetto l’esigenza.

IN BANCHINA: se i treni passano sempre regolari, non ci sono criticità. In caso di ritardi anche minimi, il sovraffollamento potrebbe avere ripercussioni su tutto il servizio anche per ore. Al 5° minuto senza passaggi di treni occorrerà contingentare Termini Metro A, all’8° minuto San Giovanni (Metro A), Flaminio, e Termini Metro B, al 10° minuto anche Anagnina. Al momento non consideriamo Ottaviano-San Pietro (una delle stazioni più affollate di Roma) per il presumibile crollo del turismo. L’unica stazione potenzialmente sempre critica è San Giovanni Metro C in orario di punta serale.

Resta comunque critica la discesa dei passeggeri, che dovrebbero uscire uno alla volta senza avvicinarsi tra loro, con i passeggeri in banchina che fanno spazio e aspettano l’uscita di tutti i passeggeri dal treno.

Un simile sistema è impossibile da mantenere. Va inoltre ricordato che le procedure di contingentamento esistono da anni, ma ATAC si “dimentica” di applicarle.

Questa sotto è la risposta di ATAC ad un esposto presentato al Prefetto per il sistematico sovraffollamento delle stazioni. È datata dicembre 2017. A seguire una galleria fotografica degli ultimissimi mesi, addirittura ad inizio emergenza (marzo 2020).

L’unica soluzione plausibile è: obbligo per tutti di guanti e mascherine, e sanificazioni continue di stazioni e vagoni metro.

 

 

 


Di questo e molti altri argomenti legati al Covid e Roma, parleremo stasera in una diretta video assieme agli amici dei blog Riprendiamoci Roma, Roma Pulita!, Romafaschifo. Interverrà anche Mercurio Viaggiatore, nostro collaboratore e autore di questo articolo.

Vi aspettiamo alle 18.30 in diretta video sui profili Facebook di Diarioromano e degli altri partecipanti (anche chi non ha un profilo Facebook potrà assistere al dibattito cliccando su questo link)

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Ostinarsi a voler far funzionare i trasporti pubblici con le future “regole di ingaggio” è come la fantozziana Corazzata Potenkim;: una ca@ata pazzesca.
    Anche solo il pensare di farli funzionaria secondo le modalità che si prospettano, è un insulto all’intelligenza delle persone!!!!!
    Voler usare i mezzi pubblici in queste condizioni significa semplicemente non riuscire ad usarli.
    Da utente della Roma-Lido questo significa che i treni in partenza da Cristoforo Colombo, già alla stazione di Stella Polare avrebbero tutti i posti “modalità Covid” esauriti!!!!!
    E se vogliamo parlare di Metro B da Laurentina, già alla 2° fermata (Eur Fermi) sarebbe sold-out.
    Semplicemente improponibile.
    E il bello è che ci fanno pure le riunioni………..
    I miei mi raccontavano che durante gli scioperi degli anni 70, furono messe in strada le camionette dell’Esercito che funzionavano come autobus: mi sa che dopo 50 anni, gli tocca di nuovo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La maggioranza #M5S sempre più in confusione sulle #OSP. Normativa ancora rimandata, col presidente @AndreaCoiaM5S che accusa il #PD di ostruzionismo mentre è la sua maggioranza che si sta dividendo sul disastro da lui orchestrato🤷🏻‍♂️ ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-maggioranza…

La PA a #Roma è come un acquario in acqua stagnante. Intervista ad Alfredo Martini (@CCantiere). Una classe amministrativa più giovane, 15 veri comuni autonomi e flessibilità urbanistica. Una ricetta per uscire dalla crisi tremenda del dopo #Covid. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-pa-a-roma-e…

Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter) . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Continua ad essere troppo frequente vedere autoveicoli in sosta sulle #ciclabili. Possibile sia così difficile reprimere infrazioni così odiose? (foto @bikediablo via Twitter)
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/2rcCjPcC8B

E niente, anche oggi la normativa definitiva sulle OSP verrà forse approvata domani, anzi al meglio lunedì. Ma per il presidente @AndreaCoiaM5S la responsabilità è sempre di qualcun altro. facebook.com/AndreaCoiaM5SR…

PD giù la maschera. Contro la delibera per aiutare le attività produttiveVirginia Raggi

Pubblicato da Andrea Coia su Venerdì 3 luglio 2020
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close