Facile fare l’ecologista con i mezzi degli altri!

Dal 1° Novembre di quest’anno, probabilmente, le auto diesel Euro 3 non potranno più circolare all’interno dell’anello ferroviario, nei giorni dal lunedì al venerdì, con esclusione del sabato e della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali. L’obiettivo ultimo è di vietare completamente l’uso di veicoli privati alimentati a diesel nel centro della città di Roma a partire dal 2024.

Il divieto toccherà circa 24mila automobilisti residenti nella zona “viola” corrispondente all’anello ferroviario, ed un potenziale di quasi 300mila vetture diesel Euro 3 circolanti tra Roma ed il suo hinterland.

Roma è al secondo posto nel mondo per quantità di traffico, subito dopo Bogotà, ed ogni automobilista spreca 254 ore all’anno nelle congestioni stradali (e attenzione perché qui si parla solo di ore in più, se non ci fosse traffico queste ore scenderebbero a zero).

Sono quindi urgenti provvedimenti per ridurre traffico ed inquinamento, migliorare la viabilità e favorire il trasporto pubblico.

Già, il trasporto pubblico. Al di là delle catastrofiche condizioni in cui versa il trasporto di superficie, come sono messi gli autobus di ATAC?

Dei circa 1.680 autobus rilevati in circolazione negli ultimi 12 mesi, ben 800 sono Euro 3, quasi il 50% della flotta, e ce ne sono addirittura 11 ancora Euro 2. È abbastanza scontato che questi autobus non verranno dismessi e sostituiti entro Novembre, se non in minima parte.

ATM Milano ha intrapreso da anni un piano di riduzione delle emissioni, che prevedeva la totale dismissione dei mezzi Euro 3 entro il 2018. ATM dall’anno prossimo (2020) acquisterà esclusivamente mezzi elettrici. Dal 2020 avrà una flotta composta dal 60% di mezzi diesel, 25% mezzi ibridi e 15% da mezzi elettrici, mentre nel 2028 l’80% degli autobus sarà full electric ed il 20% ibrido, e dal 2030 la flotta sarà composta da 1.200 mezzi al 100% elettrici.

Tra le altre cose ATM dal 2013 ha in servizio 3 autobus alimentati a idrogeno (zero emission). Per Roma nel 2018 la UE e la Regione Lazio avevano messo a disposizione i fondi per acquistare 5 autobus ad idrogeno, con il full service manutentivo per 3 anni incluso. Gara fatta da ATAC andata deserta. Nulla si è più saputo della fine di quei fondi, né è stata riproposta la gara.

Giusto, giustissimo combattere l’inquinamento ed il traffico per migliorare il benessere e la qualità della vita, ma una buona Amministrazione non dovrebbe dare l’esempio?

 

 

Condividi:

3 risposte

  1. Euro1, Euro2, Euro3,… fuori tutto!!! Basta Euro!!!
    Torniamo alle Lire1, Lire2, Lire3,… ed il problema inquinamento è risolto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Parcheggiare a Termini? E che problema c’è? In quale altra grande città europea si può parcheggiare fuori la stazione centrale in divieto di fermata con la certezza di non essere sanzionati? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Parcheggiare a Termini? E che problema c’è?

In quale altra grande città europea si può parcheggiare fuori la stazione centrale in divieto di fermata con la certezza di non essere sanzionati?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y0i0TCILyO

Parcheggio Mercato Trieste. I commercianti: “Datelo a noi in gestione” Dopo cinque anni di #chiusura sono finalmente cominciati i lavori per l'adeguamento. Ma se dovesse tornare ad #Atac i problemi si ripeteranno. Il modello del mercato Esquilino 👇📰 diarioromano.it/parcheggio-mer…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Un Giubileo (quasi) senza Metro A

L’irresponsabile gestione delle manutenzioni negli anni passati ha portato alla scadenza della revisione per la gran parte dei treni della metro A. I prossimi saranno anni difficili

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close