Facile fare l’ecologista con i mezzi degli altri!

3 Commenti

Dal 1° Novembre di quest’anno, probabilmente, le auto diesel Euro 3 non potranno più circolare all’interno dell’anello ferroviario, nei giorni dal lunedì al venerdì, con esclusione del sabato e della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali. L’obiettivo ultimo è di vietare completamente l’uso di veicoli privati alimentati a diesel nel centro della città di Roma a partire dal 2024.

Il divieto toccherà circa 24mila automobilisti residenti nella zona “viola” corrispondente all’anello ferroviario, ed un potenziale di quasi 300mila vetture diesel Euro 3 circolanti tra Roma ed il suo hinterland.

Roma è al secondo posto nel mondo per quantità di traffico, subito dopo Bogotà, ed ogni automobilista spreca 254 ore all’anno nelle congestioni stradali (e attenzione perché qui si parla solo di ore in più, se non ci fosse traffico queste ore scenderebbero a zero).

Sono quindi urgenti provvedimenti per ridurre traffico ed inquinamento, migliorare la viabilità e favorire il trasporto pubblico.

Già, il trasporto pubblico. Al di là delle catastrofiche condizioni in cui versa il trasporto di superficie, come sono messi gli autobus di ATAC?

Dei circa 1.680 autobus rilevati in circolazione negli ultimi 12 mesi, ben 800 sono Euro 3, quasi il 50% della flotta, e ce ne sono addirittura 11 ancora Euro 2. È abbastanza scontato che questi autobus non verranno dismessi e sostituiti entro Novembre, se non in minima parte.

ATM Milano ha intrapreso da anni un piano di riduzione delle emissioni, che prevedeva la totale dismissione dei mezzi Euro 3 entro il 2018. ATM dall’anno prossimo (2020) acquisterà esclusivamente mezzi elettrici. Dal 2020 avrà una flotta composta dal 60% di mezzi diesel, 25% mezzi ibridi e 15% da mezzi elettrici, mentre nel 2028 l’80% degli autobus sarà full electric ed il 20% ibrido, e dal 2030 la flotta sarà composta da 1.200 mezzi al 100% elettrici.

Tra le altre cose ATM dal 2013 ha in servizio 3 autobus alimentati a idrogeno (zero emission). Per Roma nel 2018 la UE e la Regione Lazio avevano messo a disposizione i fondi per acquistare 5 autobus ad idrogeno, con il full service manutentivo per 3 anni incluso. Gara fatta da ATAC andata deserta. Nulla si è più saputo della fine di quei fondi, né è stata riproposta la gara.

Giusto, giustissimo combattere l’inquinamento ed il traffico per migliorare il benessere e la qualità della vita, ma una buona Amministrazione non dovrebbe dare l’esempio?

 

 

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Anonimo

    Una buona Amministrazione, certo, ma purtroppo non è il caso nostro.

  2. Paolo

    Euro1, Euro2, Euro3,… fuori tutto!!! Basta Euro!!!
    Torniamo alle Lire1, Lire2, Lire3,… ed il problema inquinamento è risolto!!!

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

La nuova rotatoria sulla via Giustiniana già invasa dai cartelloni. La denuncia del @cdqgiustiniana mentre la riforma degli impianti pubblicitari, pronta da 5 anni, giace in un cassetto dell'ass. #Cafarotti. diarioromano.it/?p=33510

Si apprestano a spendere qualcosa come 5 milioni di euro per rifare i sanpietrini su Via Nazionale quando in realtà lì non solo bisognerebbe fare asfalto ma soprattutto bisognerebbe far passare una tramvia. Soldi buttati in maniera vergognosa Retweeted by diarioromano

Il ritrovamento della splendida testa romana ai Fori è merito di una donazione dell'Azerbaijan ottenuta da @ignaziomarino. Ma @virginiaraggi se ne "dimentica" e ringrazia tutti tranne l'ex Sindaco. diarioromano.it/?p=33515

E' durata poco l'illusione che @AndreaCoiaM5S, @virginiaraggi e #Cafarotti spostassero le bancarelle. Il @M5SRoma ha fatto macchina indietro sulla legalità e sul decoro, con l'avallo di @luigidimaio. Tutto cambia perché niente cambi. diarioromano.it/?p=33477

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.