Ennesimo “sequestro di persona” perpetrato da ATAC ai danni di una persona disabile

Nuova disavventura per Dario Dongo, rimasto bloccato 40 minuti su un montascale della metropolitana di Roma. Vergogna ATAC, vergogna sindaco e assessori, vergogna Procura che archivia le denunce per interruzione di servizio

Nuova disavventura per Dario Dongo, l’avvocato presidente dell’associazione Egalité, che lo scorso 18 maggio con la sua sedia a rotelle è rimasto bloccato per circa 40 minuti sul montascale della fermata Circo Massimo della metro B.

 

(cliccare sull’immagine per visualizzare il video)

 

L’ATAC ha dichiarato che il montascale ha avuto un malfunzionamento ed è stata chiamata l’assistenza, una situazione che chiaramente può verificarsi.

Da non perdere nel filmato gli improperi dell’addetto ATAC che si odono in sottofondo:

Tu me devi di’ che cazzo devo fa’!
Nun s’accenneeee!!!

 

Il vero problema è che a Roma questi malfunzionamenti sono ormai la norma da anni. Basta dare un’occhiata alla pagina web di ATAC sull’accessibilità stazioni metroferroviarie per verificare che il funzionamento degli impianti di traslazione è una rara eccezione:

 

 

Ha quindi ragione da vendere l’avvocato Dongo a chiedere ai dirigenti ATAC di vergognarsi per costringere lui, e i tantissimi in condizioni simili a lui, a sopportare umiliazioni incredibili.

Giusto anche l’appello al sindaco e agli assessori competenti a vergognarsi, perché con il loro silenzio e la loro nulla considerazione dimostrano che per loro i disabili semplicemente non esistono.

Molto giusta anche la richiesta alla Procura della Repubblica di vergognarsi, per continuare ad ignorare tutte le denunce presentate per interruzione di servizio pubblico.

 

Non è la prima volta che parliamo delle vicissitudini dell’avvocato Dongo; lo facemmo  a febbraio 2021, quando rimase bloccato nella stazione Termini, e a dicembre 2021, quando inscenò una protesta a Genova su un autobus privo di pedana.

Qualcuno potrà pensare che Dario Dongo sia una specie di mitomane, ma la verità è che a differenza della quasi totalità dei disabili, che subiscono le umiliazioni in silenzio e arrivano a chiudersi in casa per evitarle, il Dongo i suoi diritti li rivendica con forza.

Se in tanti facessero questo, le istituzioni farebbero sempre più fatica ad ignorare situazioni indegne di una città dell’occidente sviluppato.

 

Noi non finiamo di stupirci per la totale dimenticanza dei diritti dei disabili che sta caratterizzando la gestione Gualtieri. Non che l’amministrazione precedente abbia minimamente brillato sul tema, ma almeno la Raggi aveva nominato un delegato alla disabilità col quale si poteva provare ad interloquire.

Con Gualtieri si è tornati allo zero assoluto, una condizione inaccettabile che non smetteremo di denunciare.

Che lo facessero anche tutti i disabili ad ogni occasione in cui i loro diritti vengono negati!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

I piccoli #parchi e i giardini passano ai Municipi. Per ora solo in II e III. Entro l'anno il #Comune cederà sei milioni di metri quadri di aree verdi. Obiettivo: una migliore cura e agevolare il sovraccarico Servizio Giardini. 👇📰 diarioromano.it/i-piccoli-parc…

Il cassonetto prima e dopo lo svuotamento. Ecco cosa succede a cercare di svuotare un cassonetto circondato da altri rifiuti (che peraltro potrebbero essere riusati). Ora ci vorranno giorni per rimetterlo a posto #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il cassonetto prima e dopo lo svuotamento.
Ecco cosa succede a cercare di svuotare un cassonetto circondato da altri rifiuti (che peraltro potrebbero essere riusati). Ora ci vorranno giorni per rimetterlo a posto
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/cpJtr4551J

Concerti a p.za del Popolo, per Onorato: “Un successo pazzesco”, peccato sia fuorilegge L'assessore ai grandi eventi deve aver dimenticato che a #Roma vigono dei limiti acustici e che un concerto pop non può che superarli 👇📰 diarioromano.it/concerti-a-p-z…

“Romeo e Giulietta en plein aire”. Dal 24 al 26 giugno a Cappella Orsini, Via di Grottapinta, spettacolo alle ore 21. Ingresso libero. Con i costumi del teatro dell’Opera #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - “Romeo e Giulietta en plein aire”.

Dal 24 al 26 giugno a Cappella Orsini, Via di Grottapinta, spettacolo alle ore 21. Ingresso libero. Con i costumi del teatro dell’Opera
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/n3xvBVAZAs

@globefaro L’ass. Onorato non sa, evidentemente, che l’unica volta che l’ARPA ha misurato i livelli acustici di un concerto a p.za del Popolo lì ha trovati tutti eccedere i valori massimi previsti dalle norme. D’altronde come potrebbe essere altrimenti? Irresponsabili. Retweeted by diarioromano

Villa Massimo: salta la #manifestazione teatrale prevista per l’estate. L'impossibilità di aprire il cancello, guasto da mesi, rende il luogo non idoneo. L'organizzatore: "Sono profondamente amareggiato" 👇📰 diarioromano.it/villa-massimo-…

Agevoliamo report ARPA, a beneficio del sindaco @gualtierieurope affinché sappia, insieme all'assessore Onorato, che ogni concerto che si tiene a p.za del Popolo è fuorilegge, se solo si facessero misurare i livelli acustici. twitter.com/residentiCM/st… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close