Ecco perchè Berdini conserverà (per ora) il suo ruolo di assessore

Nessun commento

paolo-berdini-1

 

Far cadere una delle pedine principali della giunta a pochi mesi, forse poche settimane dalle elezioni politiche, sarebbe un autogol clamoroso per il M5S. Ecco perchè l’assessore all’Urbanistica resterà al suo posto, sebbene ridimensionato e controllato dal “cerchio magico” della Sindaca.

Tra Paolo Berdini e il vice-sindaco Frongia non corre buon sangue da tempo, ben prima dell’ascesa al Campidoglio di Virginia Raggi. I due si sarebbero scontrati su diversi temi, tra i quali le Olimpiadi. Berdini non era del tutto contrario a proseguire con la candidatura olimpica, mentre Frongia lavorava su fronti opposti. A raccontare dietro le quinte i particolari di queste frizioni con Frongia è addirittura Roberta Lombardi, big pentastellata e nemica interna di Virginia Raggi. Nei corridoi di Montecitorio, la Lombardi è stata sentita spiegare le motivazioni per cui – a suo avviso – la Raggi avrebbe fatto male ad affidare a Berdini la responsabilità dell’urbanistica: non solo le Olimpiadi, ma anche la vicenda dello Stadio della Roma, la visione sul futuro della Metro C e sull’area pedonale dei Fori sarebbero stati oggetto di scontri. Pubblicamente la Lombardi è più diplomatica e in un’intervista a La Stampa afferma di temere ancora la presenza di mafia capitale negli uffici capitolini soprattutto nel settore dell’assistenza alloggiativa. “Sembra una coincidenza fin troppo strana che le voci di rottura inizino a circolare nello stesso momento in cui Berdini sta per mettere le mani nel mondo degli alloggi popolari”, è il sospetto della deputata.

Insomma nel M5S intorno alla figura di Berdini si apre una nuova spaccatura. Ma la Raggi ha blindato l’assessore e ha assicurato che la prossima settimana lavorerà regolarmente con lui. Il timore che la questione si riveli un boomerang a livello nazionale ha fatto sobbalzare Grillo. La giunta romana ha già dato prova di non essere all’altezza del suo compito con troppi assessori e dirigenti che hanno abbandonato la nave. Il Movimento che ha discrete possibilità di assumere la guida del Paese non appena si andrà al voto non può permettersi di incrinare ulteriormente la propria immagine. Ecco che allora Berdini dovrà essere digerito da Frongia e dalla Raggi, ma la sua azione sarà limitata. Rocco Casalino, il capo della comunicazione 5stelle, non vuole che l’assessore rilasci altre interviste in radio o tv. Inoltre sulla questione più spinosa, lo Stadio della Roma, potrebbe essere commissariato dalla stessa Sindaca che avocherebbe a sé il dossier.

Fin qui qualche retroscena dei quali normalmente non ci occupiamo ma questa volta abbiamo fatto un’eccezione sia perchè le notizie derivano da una fonte diretta di diarioromano, sia perchè dietro a queste spaccature si gioca un pezzo importante del futuro di questa città. Per tornare nel pratico: cosa accadrà a questo punto alle Torri dell’Eur che la Telecom ha abbandonato dopo il blocco imposto da Berdini? E il ridimensionamento di cubature nell’area dell’ex Fiera di Roma che l’assessore ha imposto a Investimenti SpA sarà confermato? La Città della Scienza al Flaminio col progetto di riqualificazione delle caserme dismesse, proseguirà secondo le linee stabilite con i cittadini dalla precedente giunta?

Insomma i temi sono delicati e si capisce chiaramente che non tutto il M5S romano era allineato con le posizioni di Berdini. I tifosi romanisti ce l’hanno con l’assessore e il rischio che alle prossime elezioni nazionali abbandonino il 5Stelle non fa dormire Grillo. Ma il titolare dell’urbanistica è un osso duro e accetterà di buon grado il ridimensionamento impostogli dall’alto?

Il rischio è la paralisi alla quale la giunta Raggi ci ha abituato in questi mesi. Per evitare conflitti alla fine potrebbe non decidere e non fare nulla. Ma Roma non può pagare questo ennesimo scotto dovuto all’incapacità di scelta degli assessori. Se infatti tra Berdini e Frongia non correva buon sangue per quale motivo l’hanno nominato all’urbanistica? Per litigarci?

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Il giardinetto di viale Somalia è abitato da senza tetto e sbandati che abbandonano rifiuti su panchine e muretti. Andrebbero aiutati se bisognosi o sgomberati. . #buonaserata #photo #lettori #Roma #decoro

test Twitter Media - Il giardinetto di viale Somalia è abitato da senza tetto e sbandati che abbandonano rifiuti su panchine e muretti. Andrebbero aiutati se bisognosi o sgomberati.
.
#buonaserata #photo #lettori #Roma #decoro https://t.co/I8Hvfv4ZAm

A Roma siamo oltre: inutile mantenere in funzione gli ascensori delle metropolitane o liberi gli scivoli dei marciapiedi, basta mettere ‘sta specie di ruota un po’ ovunque ed è tutto risolto. A questi la Corrida di Corrado je spiccia casa ... twitter.com/virginiaraggi/…

Come se non bastassero quelle che già ci sono, a Roma sono in arrivo nuove bancarelle su iniziativa di @M5SGuadagnoE. Follia pura a poche settimane dall'allontanamento degli urtisti da Pantheon e Trevi. @AndreaCoiaM5S #Cafarotti @virginiaraggi. diarioromano.it/?p=38141

Video diario
Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id PLEjDk_cXPpAVKCrkyvdcyZMDVFWG7MzUp belongs to a playlist. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.
  • Cartelli sprecati

    Ma non sarebbe meglio risparmiare i soldi dei cartelli stradali. A Roma sono del tutto inutili! (via Gallia) G.T.

  • Radici trappola per i pedoni

    Via Mangili (II Mun.): il servizio giardini ha tagliato un albero pericolante ma ha lasciato delle radici che fanno cadere i passanti. S. R.