È ufficiale: siamo in una nuova cartellopoli!

Cos’era cartellopoli? Era la giungla cittadina dei cartelloni, quella dove ogni giorno spuntavano impianti pubblicitari di dubbia liceità che però rimanevano lì a far lucrare le ditte con la pubblicità pur quando sanzionati perché irregolari. Era la situazione in cui l’amministrazione appariva disinteressata a far rispettare le norme sugli impianti pubblicitari ma anche quelle di sicurezza e stradali il tutto per non disturbare le ditte pubblicitarie. Era infine il tempo in cui sempre più cittadini avevano cominciato ad opporsi a tanto degrado ed illegalità combattendo in vario modo perché la legalità fosse ripristinata.

 

Ebbene purtroppo dobbiamo ammettere che la realtà romana di questi giorni sta prefigurando di nuovo tutte quelle fattispecie, facendo ripiombare la città in un tempo che in molti pensavamo morto e sepolto.

 

Un primo elemento è dato dalla nuova invasione di impianti pubblicitari che da settimane e mesi è in corso. Ne avevamo già parlato a marzo scorso e qualche giorno fa abbiamo segnalato gli impianti spuntati all’improvviso all’Esquilino in posizioni impossibili. Ad ulteriore riprova c’è l’arch. Bosi che ha dovuto riprendere in grande stile le sue segnalazioni di impianti pubblicitari irregolari.

 

Il secondo elemento è dato dal totale silenzio dell’amministrazione di fronte all’indubbia nuova invasione di impianti pubblicitari.

Che l’assessore Cafarotti non si sia degnato di rispondere alle nostre domande riportate nel pezzo di qualche giorno fa non stupisce, pensando egli di poter tranquillamente ignorare un blogghino come il nostro.

Quello che però fa riflettere è il suo silenzio di fronte alle denunce riportate nell’articolo di Repubblica del 5 agosto scorso, dove si parla di oltre 5.000 sanzioni comminate ad impianti abusivi di cui nessuno però è stato poi rimosso, oppure di somme stanziate per la rimozione degli impianti ma poi distratte per assegnarle ad altre poste. Si tratta di accuse gravi che richiedevano risposte o delle precisazioni da parte dell’assessore ma invece nulla, silenzio di tomba.

 

Il terzo elemento è fornito dai cittadini stessi che, come hai tempi di cartellopoli, hanno ricominciato ad inviare segnalazioni di nuovi impianti sospetti ai diversi blog. Tra loro c’è anche chi ha ricominciato a darsi da fare per segnalare in maniera più efficace qualche impianto particolamente odioso. È il caso delle immagini che seguono che abbiamo preso su uno dei nuovi impianti dell’Esquilino.

 

 

 

L’unica vera differenza con la cartellopoli dell’era Alemanno è che ora vi è una riforma degli impianti pubblicitari già approvata dall’Assemblea Capitolina, ai tempi del Sindaco Marino e dell’assessore Leonori, e che attende di essere solo applicata dall’attuale amministrazione. Peccato che dopo oltre due anni di mandato la giunta Raggi non abbia voluto far partire i bandi che finalmente riporterebbero legalità ed ordine nel settore.

L’aspetto ulteriormente odioso della cosa è che il M5S al momento dell’approvazione della riforma era al fianco degli attivisti che tanto si erano battuti, con tanto di foto sorridenti insieme, contenti per la grande battaglia vinta.

 

 

Peccato che gli stessi personaggi non appena sono passati dalla parte della maggioranza si siano tutti dimenticati della riforma ed abbiano inspiegabilmente preso chiaramente le parti delle ditte pubblicitarie, ben attenti tutti a non disturbarle nei loro traffici di basso cabotaggio.

 

Temiamo che l’assessore Cafarotti, solo l’ultimo in ordine di tempo ad essere asceso nell’empireo della giunta Raggi da dove si guarda bene dal rispondere alle sollecitazioni dei cittadini, continuerà nel suo preoccupante silenzio, come se la questione degli impianti pubblicitari fosse una sua personale responsabilità e non influenzi invece il quotidiano dei cittadini che hanno ricominciato a trovarseli quasi dentro i loro salotti.

A questo punto però la questione la dovrebbe affrontare direttamente il Sindaco Raggi, dicendo chiaramente se la riforma la vogliono portare avanti e nel caso fornendo una tempistica strettissima.

Noi non molliamo su questo tema, ci teniamo troppo. Che tutti si tranquillizzino al riguardo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Roma non vuole sentire parlare di vuoto a rendere. Eppure il vetro è ricchezza. Laddove non arrivano le #istituzioni ci pensano i privati: le aziende che già lo adottano. I dati sugli enormi risparmi energetici frutto del recupero delle bottiglie. 👇📰 diarioromano.it/roma-non-vuole…

Lavori su Corso Francia a partire dalle 18.30. Follia pura! Ieri sera, il viadotto e corso Francia sono stati ridotti ad un’unica corsia già dalle 18.30 per rifare l’asfalto. Il traffico in tilt in tutto il quadrante. Sono lavori da svolgersi la notte!!! #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Lavori su Corso Francia a partire dalle 18.30. Follia pura!

Ieri sera, il viadotto e corso Francia sono stati ridotti ad un’unica corsia già dalle 18.30 per rifare l’asfalto. Il traffico in tilt in tutto il quadrante. Sono lavori da svolgersi la notte!!!
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/W0RDaYhQ1x

Invasioni continue e spropositate, tutte amorevolmente servite dagli agenti della @PLRomaCapitale per i motivi poco commendevoli che a suo tempo @reportrai3 ha ottimamente spiegato. twitter.com/stormi1904/sta… Retweeted by diarioromano

#assembleacapitolina ha votato su modifica @ACoS_Roma: mandato due anni con rinnovo automatico cariche, per studiare questione compenso da norma nazionale @thegoodlobbyit, @openpolis, @Cittadinanzatti,@DD_Forum,@PortavoceFtsl, @MercurioPsi, @diarioromano Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close