L’inciviltà a cui è giunta Roma è plasticamente dimostrata dalla condizione a cui sono costretti i disabili che si devono spostare in città. Laddove nel mondo progredito si fa di tutto per equiparare le possibilità di movimento di tutti, a Roma i disabili sono costretti in una condizione di inferiorità che essa sola meriterebbe il commissariamento del governo cittadino.

Ecco qualche esempio sparso.

Un disabile a Tor Bella Monaca è costretto ad approfittare della visita della Presidente della Camera Boldrini per lamentarsi delle buche che impediscono i normali spostamenti con la sedia a rotelle.

titoloCorriere

 

A ottobre 2016 parlammo del locale di piazza della Cancelleria che usava occupare con i propri tavolini i posti auto riservati ai disabili antistanti il locale.

Ebbene a distanza di circa sei mesi il furbacchione continua fare la stessa porcheria, certo evidentemente di non rischiare praticamente nulla.

 

cancelleria1

In una città normale ad un furbetto del genere gliel’avrebbero fatto passare fin dall’inizio il vizio di approfittarsi dei posti per disabili. A Roma invece questo gongola indisturbato, con buona pace di Municipio, Comune e vigili urbani.

 

 

Sempre ad ottobre raccontammo di “Tommy”, l’idea avuta da Gianluca Nicoletti per proteggere i posti auto riservati ai disabili. Si tratta di un dispositivo tecnologico che inizia a suonare nel momento in cui un’auto senza permesso viene lasciata nel posto riservato. Solo i disabili sono dotati di un telecomando che disattiva l’allarme, mentre tutti gli altri saranno costretti a spostare immediatamente la macchina, pena una sirena che non lascia scampo.

Il dispositivo è stato installato in molti luoghi del Municipio I ma, come da tradizione romana, è un gioco da ragazzi depotenziarne l’efficacia. Ecco un esempio rintracciato nei pressi di piazza Vittorio.

 

tommy

Basta la solita moto lasciata fuori posto per mandare a pallino qualsiasi buona intenzione.

 

 

E gli esempi potrebbero continuare all’infinito, ricordando la pratica impossibilità per un disabile di utilizzare il trasporto pubblico, oppure la prassi consolidata di occupare con i veicoli in sosta gli scivoli dei marciapiedi.

Di questo scandalo quotidiano all’attuale amministrazione non sembra importare proprio nulla, essendo passati dall’assessore Frongia che agli inizi aveva la delega per l’accesibilità all’attuale non assegnazione di quella deroga. Neanche nell’ultima ordinanza, quella del 10 marzo con cui è stato nominato l’assessore Montuori, il Sindaco ha infatti ritenuto il caso di dare una delega specifica per i problemi della disabilità.

E noi, ingenui, che avevamo proposto all’amministrazione di adottare l’idea realizzata a Dolo, dove gli amministratori locali si sono messi sulle sedie a rotelle ed hanno provato in prima persona l’esperienza che un disabile vive quotidianamente.

Vergogna all’amministrazione in carica quindi, che è riuscita a fare addirittura meno di quello che si è visto negli anni passati, condannando i disabili romani a vivere nella peggiore capitale dell’occidente dal loro punto di vista. Non ci stancheremo mai di ricordarlo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close