Da una cartolina alla rigenerazione urbana

piramide

(da IMMAGINI RICORDI MEMORIE DEL PASSATO DELLA REGIONE LAZIO)

Questa foto non risale a chissà quanti secoli fa; è solo del 1864, pochi anni prima della presa di Roma da parte del Regno d’Italia e dell’inizio della sua trasformazione.

Al tempo gli abitanti erano meno di 230.000 e per adeguare la città al suo nuovo ruolo di capitale nel 1873 venne varato il primo Piano Regolatore, che prevedeva la costruzione di grandi edifici rappresentativi, quartieri di abitazione per i burocrati della nuova amministrazione e ampie strade di collegamento. Da lì partì la cosiddetta Roma Umbertina (da Umberto I, re d’Italia tra il 1878 ed il 1900) del rione Esquilino, con la rappresentativa piazza Vittorio, di via Vittorio Veneto, via Nazionale, piazza Cavour, ecc.

Purtroppo l’espansione della città non è stata sempre informata a progetti organici come quelli di cui sopra, che pur portarono alla distruzione della corona di ville e giardini che al tempo circondava la città.

È un dato di fatto che a Roma durante tutto il secolo scorso si è costruito troppo ma soprattutto molto male. Paradossalmente ciò oggi potrebbe rappresentare un’opportunità per l’asfittica economia romana, con innumerevoli occasioni di sostituzione di stabili brutti e malfatti con nuove costruzioni belle e sostenibili. La cosa può essere fatta con vantaggi da parte di tutti ed un formidabile stimolo al settore edilizio, che così potrebbe tornare a fare da motore per l’economia smettendola di consumare inutilmente nuovo suolo.

Si può chiamare rigenerazione urbana e nella passata legislatura c’è stato anche un assessore che si è chiamato con quel termine, avendo peraltro ben figurato nei numerosi e complicati progetti in cui fu coinvolto o che volle promuovere.

Ci sarà qualcuno che nell’attuale campagna elettorale, che definire spenta è dir poco, affronterà un tema del genere?

Tornare allo stato mostrato dalla foto sopra non è purtroppo pensabile, ma migliorare drasticamente l’aspetto e la vivibilità di tanti quartieri di Roma è cosa possibile ed anzi indispensabile, a patto di trovare qualcuno in grado almeno di immaginarlo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Guadagni privati, costi e disagi pubblici. twitter.com/residentiCM/st…

Oltre 100 ragazzi scorrazzano indisturbati con fumogeni e musica e fanno danni: qui @BNLBNPParibas_ @TrastevereRM 2 domande: - @Roma @gualtierieurope @lorenzabo : chi paga? - @PLRomaCapitale @QuesturaDiRoma @_Carabinieri_ : chi controlla ? #Trastevere terra di nessuno Retweeted by diarioromano

Quindi @gualtierieurope smonta il NAD, l'unico reparto della @PLRomaCapitale che funzionava ed era ben visto dai cittadini (l'unico!), per affidare il contrasto ai reati ambientali ai Carabinieri. Deve crederci molto il sindaco nel suo corpo di Polizia ... romatoday.it/politica/infil…

È tutto surreale. Trasporto pubblico che si ferma a causa del traffico privato. Siamo seri? @eugenio_patane @PLRomaCapitale @InfoAtac Retweeted by diarioromano

Il più stupido parcheggio del mondo. L'avrà fatto apposta l'ultimo utente di questo mezzo Acciona a bloccare la ciclabile del Circo Massimo o non ci avrà fatto caso? A Roma tutto è possibile. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il più stupido parcheggio del mondo.
L'avrà fatto apposta l'ultimo utente di questo mezzo Acciona a bloccare la ciclabile del Circo Massimo o non ci avrà fatto caso? A Roma tutto è possibile.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3zlXhpZcAd
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close