Cosa c’è dietro la cartolina di San Pietro: degrado e abbandono

Nessun commento

foto centro storico 077

In occasione della celebrazione delle reliquie di Padro Pio che richiama migliaia fedeli da tutto il mondo, ci siamo voluti soffermare sullo scorcio più famoso di Roma dopo il Colosseo: la veduta di San Pietro da Ponte Umberto I.

Si tratta della cartolina più inflazionata del Giubileo: abbiamo deciso di verificarne la coerenza dell’immagine proiettata sui media, con le reali condizioni del territorio.

Per fare questo, cominciamo ad analizzare l’inquadratura classica di San Pietro da Ponte Umberto I, con le sponde del Tevere opache e indefinite.

 

foto centro storico 081

Basta volgere lo sguardo in basso, affacciandosi al parapetto, per notare i primi elementi di degrado: il vecchio molo dei battelli sul Tevere distrutto dalla piena di qualche anno fa, è ancora lì.

 

Voltando lo sguardo a destra, incrociamo la prospettiva più famosa di San Pietro.

foto centro storico 076

Ma cosa sono quelle scritte, quelle cornici che s’intravedono da Ponte Umberto?

 

Scendiamo le scale di accesso alle banchine, schivando il nastro giallo abbandonato.

 

foto centro storico 048

 

foto centro storico 054

 

Ci ritroviamo davanti a una distesa di fango in linea d’aria con di Via della Conciliazione!

 

foto centro storico 052

Il panorama sul greto del fiume: sporcizia e immondizia accumulata nella vegetazione.

 

 

foto centro storico 049

Uno dei tanti senzatetto che abitano le banchine, accampati sotto ai ponti storici .

 

Stride il contrasto fra la dignità del barbone, e l’arroganza dei writers che i sfregiano muri.

foto centro storico 051

“Guardie infami” e la firma del writer. Sullo sfondo, Castel Sant’Angelo

 

 

foto centro storico 060

Le banchine di Ponte Sant’Angelo, frequentate da sportivi e turisti d’ogni parte del mondo.

 

 

foto centro storico 062

Ecco i quadri che scorgevamo dal ponte: sono installazioni del Premio Feronia, risalenti agli anni 2008-’10.

 

 

foto centro storico 063

Allestite con il contributo della Provincia guidata da Nicola Zingaretti, giacciono in abbandono da anni.

 

 

foto centro storico 064

 

 

foto centro storico 065

 

 

Ora è spuntata la scritta: “Difendi Roma”.

Slogan alquanto beffardo: e come la difendi Roma, imbrattando i muraglioni?

 

foto centro storico 068

 

E’ ambientata qui la scena di “Mission: Impossible 3” in cui Tom Cruisce fugge a bordo di un motoscafo. J.J. Abrams e Dan Mindel (regista e direttore della fotografia) decisero di cammuffare il degrado sulle banchine col vecchio trucco del fuori fuoco, sovraesponendo la pellicola con l’effetto “luce abbagliante del sole”, per sfumare i dettagli dello sfondo nebbioso e indefinito (come nel finale de”La Grande Bellezza”). Ma sono decine e decine i film e gli spot girati su questo tratto di fiume, non ultimo “Lo chiamavano Jeeg Robot”.

 

foto centro storico 071

Una coppia di turisti osserva il degrado sulle banchine, risalendo le scalette puzzolenti che portano a…..

 

foto centro storico 073

 

….al palazzo della Corte di Cassazione!

Qui si conclude l’analisi della veduta della Basilica di San Pietro dal Lungotevere.

 

 

foto centro storico 079

 

La prossima volta che vedrete questa cartolina, saprete che si cela dietro: incuria, degrado, abbandono, desolazione. E se il lungotevere del centro storico è ridotto in queste condizioni, pensate a Roma Nord, all’Ostiense, a Marconi….

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

#Ostia: la brutta storia del murales dal quale è stata cancellata @FedeAngeli. La battaglia di #Casapound e di @MarsellaLuca appoggiata dai 5Stelle. @virginiaraggi non dovrebbe dalla parte di chi lotta per la legalità? @carteinregola @artribune diarioromano.it/?p=35733

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.