Coronavirus: per smorzare la paura i meme più esilaranti

Tra possibili lockdown e coprifuoco, non manca chi riesce a fare gustosa ironia. E ridere è la cura migliore

A distanza di otto mesi, e in attesa del nuovo decreto del Presidente del Consiglio (che forse chiuderà ristoranti e bar dalle 18, oltre a palestre e piscine), torniamo con una seconda puntata sui meme più divertenti riguardanti il coronavirus e le misure di contenimento prese dal governo. Chi si fosse perso la prima parte che abbiamo raccolto nel periodo più difficile tra febbraio e marzo, può recuperarla cliccando sulle due immagini seguenti:

Anche sul Coronavirus si può e deve fare ironia. I meme più divertenti per sdrammatizzare

Con la quarantena non si scherza. Ma l’unico contagio che vogliamo è quello dell’allegria

 

Come avevamo già sottolineato, l’ironia è quella sottile arma che non conosce tempo e confini. È una difesa psicologica che ci consente di accettare situazioni difficili o tragiche, togliendo loro quell’alone di negatività. Riformulando il tutto in un’ottica comica.

In questi mesi di pandemia i meme, i video ironici, la satira e molto altro sono stati dei veri toccasana per lenire le paure e le incertezza di un mondo che è stato stravolto alla velocità della luce. Da una parte, in molti, si sono ritrovati accumunati dal rispetto delle regole e delle istituzioni, dall’altra ci sono state proteste e rimostranze verso delle scelte che limitano o limitavano libertà viste come imprescindibili, ma l’ironia è stato l’unico elemento a non venire mai meno riuscendo a riunire tutti sotto lo stesso cappello, un po’ nella speranza di sdrammatizzare, un po’ per prenderci in giro.

Non sappiamo come e quando finirà questa pandemia. Tutto è destinato a cambiare, come in parte è già avvenuto, dallo stile di vita, ai rapporti di lavoro, dalla socialità senza limiti a quella contingentata, dalla scuola ai trasporti, e molto ancora. Eppure, l’era del Covid sarà un giorno ricordata anche per la grande partecipazione collettiva in chiave comica.

Di seguito solo alcune delle migliaia di proposte ironiche che in queste settimane stanno spopolando sul web.



 

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

L'enorme lavoro della @Sovrintendenza che le "ditte" vorrebbero annullare con la scusa che negli anni Roma è cambiata. La verità è che così prolungherebbero di altri anni le loro rendite di posizione a spese di Roma e dei romani. E @gualtierieurope col suo silenzio li appoggia! twitter.com/susanna_le/sta…

#Roma non vuole sentire parlare di vuoto a rendere. Eppure il vetro è ricchezza. Laddove non arrivano le #istituzioni ci pensano i privati: le aziende che già lo adottano. I dati sugli enormi risparmi energetici frutto del recupero delle bottiglie. 👇📰 diarioromano.it/roma-non-vuole…

Lavori su Corso Francia a partire dalle 18.30. Follia pura! Ieri sera, il viadotto e corso Francia sono stati ridotti ad un’unica corsia già dalle 18.30 per rifare l’asfalto. Il traffico in tilt in tutto il quadrante. Sono lavori da svolgersi la notte!!! #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Lavori su Corso Francia a partire dalle 18.30. Follia pura!

Ieri sera, il viadotto e corso Francia sono stati ridotti ad un’unica corsia già dalle 18.30 per rifare l’asfalto. Il traffico in tilt in tutto il quadrante. Sono lavori da svolgersi la notte!!!
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/W0RDaYhQ1x

Invasioni continue e spropositate, tutte amorevolmente servite dagli agenti della @PLRomaCapitale per i motivi poco commendevoli che a suo tempo @reportrai3 ha ottimamente spiegato. twitter.com/stormi1904/sta… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close