Clemente: “Con Io Segnalo un click per chiamare una pattuglia”. Ma per ora resta sperimentale

Nessun commento

Clemente Raffaele Presentazione Io Segnalo

Uno stile all’americana quello di Raffaele Clemente ieri alla presentazione di “Io Segnalo”. In senso buono intendiamoci, quello dell’uomo che agisce concretamente. Il Comandante dei Vigili (“pro tempore” ha tenuto a precisare quasi scaramanticamente) ha preso il microfono e ha spiegato con passione l’obiettivo del nuovo sistema web per colloquiare con la Polizia di Roma Capitale. I nostri lettori già conoscono i dettagli perché ne abbiamo parlato tra i primi diversi giorni fa.

Ieri, però, è stato un test importante perché la Casa della Città era piena di cittadini che hanno potuto fare le loro osservazioni, molte delle quali assai sensate. Ma ci arriviamo tra poco.

Clemente era accompagnato dalla sua vice, Raffaella Modafferi che ha snocciolato una serie di cifre per dimostrare che il corpo dei Vigili sta cambiando. Da lento e sonnacchioso, sta diventando più efficiente grazie alle tecnologie. In soli 6 mesi, lo Street control ha permesso 100mila multe.  Mentre gli autovelox posizionati qui e là hanno collezionato quasi 70mila contravvenzioni.

Modafferi Raffaella Polizia Roma Capitale

Raffaella Modafferi mentre mostra la sala operativa dei vigili

 

Insomma la tecnologia serve. Ed in quest’ottica che il comando chiede la collaborazione dei cittadini. “Basta lunghe attese al telefono per contattare la centrale operativa – ha spiegato Clemente – ora con Io Segnalo tutto avverrà in maniera rapida e moderna”.  Ci sono 21 voci per le quali i cittadini possono usare il sistema.

Chiamata di una pattuglia per questione urgente:

1) Incidente stradale 2) Sosta su spazio riservato 3) Sosta su spazio disabili 4) Sosta su passo carrabile 5) Rumori molesti 6) Veicolo abbandonato 7) Voragine 8) Segnaletica danneggiata 9) Semaforo guasto

E altre voci che aprono una segnalazione ma non richiedono un intervento immediato:

10) Sosta irregolare 11) Sosta su area pedonale 12) Sosta su marciapiede 13) Mancato rispetto orari pub/disco 14) Accampamento abusivo 14) Affissione abusiva 15) Ambulanti abusivi 16) Costruzione abusiva 17) Discarica abusiva 18) Osp irregolare 19) Caduta rami 20) Buca 21) B&B abusivi

registrazione portale comune roma

IL PORTALE DEL COMUNE. Purtroppo si parla di tecnologia ma ci si scontra con un sito web che sembra rimasto fermo agli anni 90. A quanto risulta a diarioromano il nuovo portale sarà on line a ottobre/novembre e forse allora le cose cambieranno, ma per ora trovare il servizio Io Segnalo è piuttosto complesso. Se vorrete sperimentare il sistema dovrete registrarvi. Abbiamo provato a farlo e ci siamo riusciti dopo non pochi passaggi. Ma il vantaggio è che l’utenza permette di avere altre importanti informazioni, tra cui lo stato delle proprie multe o ricevere certificati a casa.

Io segnalo presentazione

NUMERO DI SEGNALAZIONE. Altra questione rilevante riguarda il seguito delle segnalazioni. Resteranno lettera morta provocando solo sconforto tra i cittadini? Clemente assicura di no e promette un numero di pratica attraverso il quale ciascuno potrà sapere a che punto sarà la propria richiesta.

SPERIMENTAZIONE. Per ora però non vi aspettate né il numero di pratica, né una risposta concreta. Perché il servizio è ancora sperimentale. A noi sembra strano che si presenti una cosa che ancora non funziona. Ma lo staff del Comandante ci ha spiegato che è necessario provare il funzionamento del sistema informatico e vedere se regge allo stress test. Insomma ancora fino a giugno/luglio possiamo solo dare una mano a testare la macchina (che nasce un po’ vecchiotta ma è costata solo 10mila euro) e – se non andrà in crash – comincerà a funzionare davvero.

Leonori Marta e Clemente Raffaele

Alla presentazione è intervenuta anche Marta Leonori

 

I CITTADINI. A volte sono i più sensati. La gran parte delle osservazioni sono state: “Ma perché non avete creato un’app ?”. Oppure: “Davvero darete un riscontro rapido alle denunce? Sennò non ci crede nessuno”. Ancora: “Ma a che serve mettere in piedi questo sistema se basta guardarsi intorno per vedere le tante cose che non vanno? I Vigili da soli non vedono?”

Clemente ha rassicurato tutti. L’App costava troppo, il riscontro arriverà e per quanto riguarda la necessità delle segnalazioni, queste serviranno anche a creare un database importante che non darà giustificazioni a chi ha poca voglia di lavorare all’interno del corpo. Anche in vista del Giubileo.

Vedremo. A noi sembra che l’americano Clemente sia animato dalle migliori intenzioni. Non si può non aiutare chi sta cercando di cambiare le cose. Per cui il tentativo va fatto e con la massima collaborazione possibile. Il bilancio lo chiuderemo a fine consiliatura e fine Giubileo.

In: Giubileo, Temi

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

La disavventura dei disabili che aspettano il tram o usano la metro a Colli Albani raccontata da una mamma. @andreavenuto sappiamo che non ha la bacchetta magica ma davvero @virginiaraggi è sorda a basilari istanze di civiltà? #barrierearchitettoniche diarioromano.it/?p=37833

Video diario