Villa York

A vederla dall’alto mostra tutta la magnificenza del progetto architettonico. Una vera villa nobiliare con parco, giardino all’italiana, pineta, cappella privata. Villa York è un gioiello che sarebbe potuta essere destinata a diversi usi: un grande albergo, un museo, un polo congressi oppure anche a scopi sociali, quali residenza per anziani. Tutte funzioni che avrebbero creato posti di lavoro e avrebbero evitato la rovina degli interni.

E invece ancora un caso di abbandono colpevole e di scelte sbagliate da parte delle amministrazioni.

aurelia

Siamo nel cuore della Valle dei Casali, una riserva naturale di 80 ettari che si trova tra l’XI e il XII Municipio. La villa è il bene più prezioso dal punto di vista culturale del parco e la sua lunga storia si interrompe con il crack Federconsorzi, uno dei più grandi scandali del dopoguerra. Il patrimonio della Federazione venne spolpato o abbandonato. Più volte è stato chiesto al Comune o alla Regione di acquistare la Villa dal fallimento e trasformarla. Ma solo nel 2007 si arriva ad una quasi soluzione. La Giunta Veltroni riesce a trovare 3 milioni di euro da destinare al recupero di Villa York. La gestione commissariale del comune decide di sospendere la procedura e di passare la palla al nuovo Sindaco. Che fu Gianni Alemanno. E la sua amministrazione – come abbiamo già visto col caso di Palazzo Rivaldi – non si caratterizzò per il recupero del patrimonio storico, impegnata come era a mungere la città. Nel 2009 la Giunta Alemanno definanziò il progetto. E il declino di Villa York è proseguito fino ai giorni nostri.

914791fe-b1bb-425e-95db-719e33e74689_medium

villa york
L’antica cappella in rovina

 

Una nuova speranza si apre adesso. La Regione Lazio, infatti, a marzo scorso ha finalmente approvato il Piano di Assetto della Riserva. Si tratta di una vera carta di identità della Valle dei Casali e dei beni in essa contenuti. Essendo Villa York il complesso più importante della Valle, il Piano prevede la sua sistemazione e trasformazione. Ma i tempi sono lunghissimi. Basti pensare che la Regione adottò il piano nel 2013 e il Consiglio lo ha approvato ben due anni dopo.

C’è il rischio che ad attendere ancora altri anni, le già precarie condizioni della Villa peggiorino ulteriormente.

 


Le precedenti puntate di Città in rovina:

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Via Novara, al Nomentano. L’hanno recintata due volte nel corso del 2020 ma di ripararla non si parla proprio. #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Via Novara, al Nomentano. L’hanno recintata due volte nel corso del 2020 ma di ripararla non si parla proprio.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/dr6HHxuf5V

Grazie a Carteinregola si è tenuto il primo confronto pubblico tra i candidati alle primarie del #centrosinistra. Una bella discussione che rappresenta un ottimo inizio. #Roma #28ottobre @giocaudo @tobiazevi @ROMA_News @MonicaCirinna ▪️ 👇📰 diarioromano.it/primo-dibattit… Retweeted by diarioromano

Grazie a Carteinregola si è tenuto il primo confronto pubblico tra i candidati alle primarie del #centrosinistra. Una bella discussione che rappresenta un ottimo inizio. #Roma #28ottobre @giocaudo @tobiazevi @ROMA_News @MonicaCirinna ▪️ 👇📰 diarioromano.it/primo-dibattit…

In diretta ora i candidati alle primarie del centrosinistra, da @carteinregola facebook.com/carteinregola.…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close