Stadio Flaminio degrado 2

 

A pochi giorni dalla caduta della giunta Marino una promessa accese le speranze di molti estimatori dello Stadio Flaminio. “Un bando sarà pubblicato entro fine novembre – dissero in Campidoglio – per l’affidamento ai privati dello Stadio”.

Nessuno potrà mai dire con certezza se la sopravvivenza dell’amministrazione Marino avrebbe davvero prodotto il bando. Ma quello che è sicuro oggi è il degrado infinito di una delle strutture sportive più belle della capitale. Il “grande Flaminio” è chiuso dal 2011, da quando la FIR (Federazione Italiana Rugby) l’ha ritenuto non più idoneo ad ospitare gli incontri e ne ha restituito la gestione al Comune.

E’ così erbaccia, ruggine, rifiuti e sbandati sono diventati i protagonisti di un edificio di eccellenza architettonica, progettato da Antonio Nervi, con la collaborazione del padre Pier Luigi. Nel 2008 fu inserito nell’elenco dei beni di interesse artistico-storico sotto tutela. Ma questo non ha impedito che fosse abbandonato al suo destino.

Stadio Flaminio degrado 4

Stadio Flaminio degrado 3
L’ennesima roulotte andata a fuoco ai piedi dello stadio

 

Stadio Flaminio degrado 5
Nell’area accampamenti illegali

 

Stadio Flaminio degrado 6

Stadio Flaminio degrado
Gli ingressi delle piscine trasformati in discarica

 

Stadio Flaminio degrado 7

 

Eppure nel 1958, quando fu inaugurato, stupì il mondo per la sua modernità e armonia. Poiché doveva sostituire uno stadio precedente e non poteva eccedere neanche di un metro lo spazio occupato sul terreno, per permettere di ospitare 40mila spettatori, gli architetti Nervi studiarono una soluzione innovativa: inclinarono le tribune più di quanto si facesse allora. Questo permise non solo una maggiore capienza sugli spalti, ma un grande spazio sottostante dove furono realizzate una piscina coperta e 5 palestre. Insomma una struttura all’avanguardia che ha accolto eventi di carattere sportivo di livello mondiale. E poi concerti importanti, come quello celebre degli U2 nel 1987 quando il volume eccessivo della musica provocò la vibrazione di tutti i palazzi circostanti.

Ora il futuro del Flaminio è del tutto incerto. Il suo affidamento alla Federazione Gioco Calcio sembra tramontato per sempre. I progetti di ristrutturazione (uno dei quali firmato da Renzo Piano) non trovano finanziatori. E l’area è diventata bivacco per senzatetto o accampamento di rom. Più tempo passa e più le strutture in cemento armato subiranno un deterioramento difficile da recuperare.

Una speranza potrebbe arrivare dalle Olimpiadi 2024. Se mai Roma dovesse ottenere l’assegnazione dell’evento (cosa che molti ritengono una iattura) tra i fondi del Cio, circa 15 milioni  sarebbero destinati alla ristrutturazione del Flaminio. Il Comitato Olimpico ha ribadito il ruolo centrale di questa struttura ma è chiaro che non si può far dipendere la sorte di uno stadio così bello e centrale solo dall’ipotesi (peraltro remota) che Roma possa ospitare le olimpiadi tra 10 anni.

Purtroppo al momento alternative non ce ne sono. E l’area sta precipitando in una rovina parallela a quella dell’ex magnifico stadio.

 


Per le precedenti puntate di Città in Rovina cliccare qui

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close