Città in rovina – L’ex Zecca di via Principe Umberto

1 Commento

A settembre dello scorso anno, per questa rubrica ci occupammo del palazzo della ex Zecca di piazza Verdi.

Quest’oggi vogliamo parlare di un’altra ex Zecca, quella situata in Via Principe Umberto. Si tratta di un palazzo umbertino degli inizi del ‘900 dove nel 1911 venne spostata la Zecca dello Stato, la prima dell’Italia unita.

 

zecca4

 

Lo stabile si presenta abbandonato, anche se al suo interno dovrebbe ancora esservi la Scuola dell’Arte della Medaglia. In ogni caso è evidente il degrado di tutta la struttura che pur lascia ancora intravedere la bellezza ed il prestigio passati.

 

zecca5

 

zecca3

 

zecca2

Il motto sabaudo FERT

 

 

zecca1

 

L’immobile è sito in una zona una volta di grande pregio, scaduta negli ultimi decenni a chinatown de noantri. Un riutilizzo dello stabile con destinazioni miste (residenziale, commerciale e parte come servizi pubblici) potrebbe ridare vita a questo settore del rione Esquilino che risulta particolarmente desertificato. Mentre la possibilità che divenga sede del Museo della Zecca scalda meno gli animi, col rischio di creare l’ennesima cattedrale nel deserto, ossia un museo di limitato interesse in una zona già molto poco vissuta (a parte il caos mattutino del vicino mercato).

Quale che sia la scelta però è importante che essa venga fatta. Che lo Stato mantenga immobili di prestigio come questo in una condizione di degrado è una cosa inaccettabile, oltre che un pessimo esempio per i privati, che così si sentono liberi di mantenere i loro di stabili in pessime condizioni.

 


 

Clicca qui per le precedenti puntate di Città in rovina

Articoli correlati

1 Commento

  1. Anonimo

    È un edificio bellissimo, ogni volta che ci passo rimango a bocca aperta.. S.V.

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

I limiti di polveri sottili superati anche dopo 4 giorni di #bloccodeltraffico. Forse perché l'#inquinamento è prodotto anche da altre fonti, come roghi e stufe a pellet. Occorre visione complessiva. @virginiaraggi @materia__prima. diarioromano.it/?p=37705

Comunicazione di servizio per @AceaGruppo: illuminazione accesa in p.za della Rotonda, inclusi fari che illuminano il Pantheon. Parlato con tecnici ARETI in loco che confermano non sia normale. Ma tanto non pagate voi, vero?

test Twitter Media - Comunicazione di servizio per @AceaGruppo: illuminazione accesa in https://t.co/Y52rAjxSAR della Rotonda, inclusi fari che illuminano il Pantheon. Parlato con tecnici ARETI in loco che confermano non sia normale. Ma tanto non pagate voi, vero? https://t.co/YxIXK5Vp6W

Finalmente si riesce a fotografare il Pantheon senza intrusi, che siano bancarelle o auto della @PLRomaCapitale. Ben lieti di riconoscere il ben fatto, per una volta, a @virginiaraggi. Persi oltre 3 anni ma finalmente è fatta (e che duri!)

test Twitter Media - Finalmente si riesce a fotografare il Pantheon senza intrusi, che siano bancarelle o auto della @PLRomaCapitale.
Ben lieti di riconoscere il ben fatto, per una volta, a @virginiaraggi. Persi oltre 3 anni ma finalmente è fatta (e che duri!) https://t.co/oFX7eSSpoj
Video diario