Città in rovina – L’ex mattatoio di Testaccio

Ex-Mattatoio-Testaccio

Il vecchio mattatoio di Testaccio fu progettato nel 1888 dall’architetto Gioacchino Ersoch. Il complesso copre un’area di circa 25.000 mq con un disegno geometrico e razionale, le cui linee guida furono principi di funzionalità e di igiene.

Questo mattatoio funzionò fino al 1975, quando venne inaugurato quello nuovo localizzato in viale Palmiro Togliatti, sulla via Prenestina. Da allora la struttura ha subìto una serie di ristrutturazioni ed interventi nelle sue diverse parti, senza però che sia stato mai approvato un piano generale che permetta di dare una sistemazione a questo spettacolare colosso di archeologia industriale.

Nel tempo in una parte del complesso è stata istituita la seconda sede del MACRO, un’altra è stata affidata alla facoltà di Architettura dell’Università Roma Tre, in un’altra ancora è stata creata la Città dell’Altra Economia ed infine una zona è occupata da un centro sociale.

Passeggiando all’interno della struttura si vedono padiglioni ristrutturati, edifici in corso di ristrutturazione, altri abbandonati, molti dei quali decisamente degradati. Seguono le foto degli esterni e di alcuni interni.

 

matt1

matt2

matt3

matt4

matt5

matt6

matt7

matt8

matt10

matt11

matt12

matt14

Per avere un’idea di come possono essere riutilizzati questi spazi, seguono alcune immagini prese dalla mostra sui tatuaggi attualmente in corso presso l’edificio della Pelanda.

 

mostr1

mostr3

mostr4

mostr2

 

Questo è il cartello che informa dei lavori in corso, peccato che la data di fine lavori indicata sia maggio 2014!?!

matt9

 

Vi è poi l’ala est del complesso che risulta particolarmente degradata, con uno spazio ancora dedicato alle stalle dei cavalli delle botticelle e un altro occupato da un centro sociale.

 

matt20

matt19

matt18

matt17

matt15

matt16

Come è facile comprendere, in quest’area si potrebbero realizzare numerosi progetti di sviluppo, prevedendo sia aree ricreative private (bar, pub, ristoranti), in una zona dove assembramenti di persone non creerebbero particolari problemi, sia funzioni sociali e culturali. Ci sarebbe però bisogno di un piano strategico complessivo predisposto da qualcuno che abbia la visione necessaria per sfruttare in maniera efficace e moderna un’area tanto vasta. Finora nessuna amministrazione è riuscita a prevedere tanto, ed anche l’ottimo assessore Caudo si è dovuto limitare ad interventi parziali.

C’è solo da sperare che il nuovo governo cittadino voglia mettere mano alla cosa con i dovuti modi.

 


 

Clicca qui per le precedenti puntate di Città in rovina

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Il settore della cartellonistica è ancora nel caos, nonostante nel 2014 l'Assemblea Capitolina, e la stessa #Raggi, hanno approvato la riforma degli impianti pubblicitari. Perché la Raggi continua a tenerla nel cassetto? #Roma #22settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/sventata-linst… Retweeted by diarioromano

Commercio ambulante a #Roma: venti indagati per associazione a delinquere, ipotizzata anche l'aggravante mafiosa. Coinvolti nell'inchiesta due dirigenti comunali, accusati di abuso d'ufficio‼️ @Corriere @MercurioPsi @SchwarzGuido @RiprendRoma ▪️ 👇📰 roma.corriere.it/notizie/cronac…

Il settore della cartellonistica è ancora nel caos, nonostante nel 2014 l'Assemblea Capitolina, e la stessa #Raggi, hanno approvato la riforma degli impianti pubblicitari. Perché la Raggi continua a tenerla nel cassetto? #Roma #22settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/sventata-linst…

Gravi criticità per la raccolta carta al Tuscolano. Uno dei motivi è che i cassonetti vengono chiaramente usati anche dai negozi, cosa sbagliata e non sostenibile. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Gravi criticità per la raccolta carta al Tuscolano. Uno dei motivi è che i cassonetti vengono chiaramente usati anche dai negozi, cosa sbagliata e non sostenibile.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/nYBeEDPlv1

Recuperiamo il 150esimo anniversario dalla breccia di #PortaPia, ricorso ieri. Che sia da stimolo per tutti affinché con le elezioni del prossimo anno #Roma sia liberata dalla cappa di depressione che la opprime da troppo tempo. #21settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/150-anni-dalla… Retweeted by diarioromano

Recuperiamo il 150esimo anniversario dalla breccia di #PortaPia, ricorso ieri. Che sia da stimolo per tutti affinché con le elezioni del prossimo anno #Roma sia liberata dalla cappa di depressione che la opprime da troppo tempo. #21settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/150-anni-dalla…

Camion della #spazzatura che strappa la busta fa cadere i #rifiuti e li lascia lì. A volte viene da chiedersi quale sia il compito dell'AMA (o delle cooperative che lavorano per loro). . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Camion della #spazzatura che strappa la busta fa cadere i #rifiuti e li lascia lì. A volte viene da chiedersi quale sia il compito dell'AMA (o delle cooperative che lavorano per loro).
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/JmLevyCZV0
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close