Città in rovina – L’ex fabbrica di detersivi in via Noto

Nessun commento

Ex fabbrica via Noto Roma

 

Nel resto del mondo l’archeologia industriale è fonte di ricchezza, ispirazione per giovani architetti, incubatore di cultura. A Roma un ex stabilimento incastonato in una zona centralissima è l’ennesima occasione perduta.

A Milano, la Fabbrica del Vapore è diventata uno splendido spazio espositivo; l’area Nestlè è stata trasformata nel museo Armani; mentre la Fondazione Prada ha aperto nell’ex distilleria Società Italiana Spiriti. Opere di architettura ammirate da tutto il mondo.

A Roma, la grande ciminiera che spunta nell’isolato compreso tra via Gela, Via Noto e via Modica è un monumento all’incuria del pubblico e alla voracità dei privati.

Ex fabbrica via Noto Roma 3

 

La storia di questa struttura inizia nell’immediato dopoguerra. Grazie alla vicinanza con la ferrovia, si decise di realizzare qui – area all’epoca poco popolata – una grande fabbrica di detersivi. Lo sviluppo urbanistico disordinato degli anni ’50 e ’60 permise la costruzione tutto intorno di palazzine intensive. Una scelta insensata che costringeva decine di famiglie ad affacciarsi su una struttura industriale. La fabbrica chiuse, destino comune con molte aziende situate nel centro di Roma, e rimase in abbandono fino al 2005.

Fu allora che una società di costruzioni che fa capo alla famiglia Gianni, riuscì a comprare lo scheletro col progetto di trasformarlo in mini appartamenti.

Un grande cantiere cominciò ad operare 7 su giorni su 7, provocando la ribellione degli abitanti della zona, infastiditi dai rumori (un cittadino ha addirittura registrato il suono continuo prodotto dalle gru all’epoca). Ma il cantiere non era in regola: le autorizzazioni urbanistiche erano state concesse superficialmente e l’opera in corso di realizzazione era molto più ampia di quella consentita.

Fu così che nel 2011 i vigili posero i sigilli. La ditta ritirò i propri operai e da allora tutto è rimasto così, in abbandono. Vandalizzato dai soliti graffitari che nella zona hanno ricoperto ogni cosa e che entrano indisturbati nel cantiere per lasciare le loro idiote firme accanto alle finestre.

Ex fabbrica via Noto Roma 2

Ex fabbrica via Noto Roma 4

Ex fabbrica via Noto Roma 6

Ex fabbrica via Noto Roma 5

 

Passeggiare in queste strade provoca frustrazione. Se si pensa a quello che sono diventati i Docks a Londra, i silos di Barcellona, ma anche l’ex birreria Peroni di Roma si può sognare a occhi aperti quello che poteva sorgere nel cuore di San Giovanni. E invece la scelta insensata di realizzare case dentro le case, incistate le une nelle altre, non poteva avere un finale positivo. Insensato chi lo ha permesso e ancora di più chi – per fame di metri quadri – ha addirittura realizzato opere abusive.

Una storia molto romana, che ha protagonisti personaggi miopi che non sanno vedere oltre il loro naso. Se si fosse scelto di realizzare un’area di servizi, di verde, un parcheggio interrato, un luogo di aggregazione, oggi quel quadrilatero sarebbe più bello, più vivibile. E gli imprenditori avrebbero avuto il loro giusto guadagno.

Ma Roma, ce lo insegnano Buzzi e Carminati, è solo una vacca da mungere.


 

Le precedenti puntate di Città in rovina:

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

romamobilita.it/it/media/event… Nuovi stalli, nuovi partner, stessa passione! Torna #RomaGiocaSostenibile per il @SeiNazioniRugby Scarica la mappa e raggiungi lo stadio a piedi, mezzi pubblici e bicicletta 🚲 @Handshake_EU @JUMPbyUber @Olandiamo @Federugby #ITAvSCO 🇮🇹 🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿 Retweeted by diarioromano

Elezioni suppletive nel collegio uninominale Lazio 1. Prosegue la nostra presentazione dei candidati. Oggi è la volta di @marioadinolfi del Popolo della Famiglia. diarioromano.it/?p=38110

Via della Bufalotta altezza civico 556. Sta buttato così, in terra, da oltre un anno. Un vero spauracchio per gli automobilisti indisciplinati! . #buonaserata #Roma #photo #lettori #città #segnalazioni #decoro #decorourbano

test Twitter Media - Via della Bufalotta altezza civico 556. Sta buttato così, in terra, da oltre un anno. Un vero spauracchio per gli automobilisti indisciplinati!
.
#buonaserata #Roma #photo #lettori #città #segnalazioni #decoro #decorourbano https://t.co/z4Zm68H7Yn

Sicurezza stradale. La vicesindaca di Helsinki: "Ho imparato da Roma come NON si fanno le strade". Nella capitale finlandese zero morti tra pedoni e ciclisti nel 2019. Carreggiate più strette in tutta Europa. @LindaMeleo @EnricoStefano @materia__prima diarioromano.it/?p=38105

Video diario
Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id PLEjDk_cXPpAVKCrkyvdcyZMDVFWG7MzUp belongs to a playlist. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.