Città in rovina – L’autoparco dei vigili a Porta Portese

Dedichiamo la prima puntata del 2016 della rubrica “Città in rovina” all’autoparco (ex?) dei vigili urbani sito vicino a Porta Portese, in via delle Mura Portuensi.

rimessa5

Si tratta di un’area che insiste proprio su Porta Portese, e quindi di grande valore commerciale, parte scoperta e parte protetta da una grande struttura metallica. La si vede in gran parte inutilizzata e totalmente fatiscente, anche se continuano ad esserci diversi mezzi della PLRC parcheggiati all’interno. Qualche foto.

 

rimessa3
L’ingresso della struttura non dà l’idea di un abbandono totale

 

rimessa6
La parte esterna della struttura in cemento, non rifinita

 

rimessa2
Il grande capannone lasciato a marcire ed inutilizzato

 

rimessa4
La recizione distrutta in più punti. Si intravedono alcune auto dei vigili all’interno.

 

rimessa1
Il marciapiedi inutilizzabile da tempo immemore

 

Non siamo riusciti a trovare molto su quest’area semi-abbandonata. Nelle pagine internet del Dipartimento di Urbanistica del Comune di Roma essa viene ricompresa nell’ambito urbano “Porta Portese – Clivio Portuense” con l’obiettivo di un suo riuso “con funzioni speciali/urbane delle aree pubbliche” (qualsiasi cossa ciò significhi).

Nel 2003 si era parlato di questo autoparco come soluzione per un’associazione culturale (Blue Cheese) che era stata sgomberata da un’occupazione abusiva a Testaccio, ma poi più nulla.

Un’ipotesi simile è stata fatta a febbraio 2015 per il centro sociale Rialto S. Ambrogio di Roma, attualmente nel Ghetto in uno stabile occupato in via di Sant’Ambrogio 4. Ma anche in questo caso non c’è stato alcun seguito.

La realtà è quindi che l’ennesima proprietà pubblica viene lasciata in abbandono, perdendo occasioni di un suo utilizzo a beneficio diretto della collettività o con sfruttamento commerciale di qualche privato (i cui proventi potrebbero poi essere impiegati dal pubblico). Senza contare il degrado che un tale abbandono genera in un’area così centrale.

 

Clicca qui per le precedenti puntate di Città in rovina

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Da quasi un anno qualcuno si è creato il suo parcheggio privato, violando sistematicamente un'area pedonale (e manomettendo un manufatto comunale) e la @PLRomaCapitale ancora non si è accorta di nulla??? Cos'altro occorre a @gualtierieurope per cambiare il vertice del Corpo? twitter.com/mcacciaglia64/…

Al convegno “Roma Riparte” l’assessore Patanè ha alzato di molto l’asticella per Roma. La buona notizia è la visione di quella che dovrebbe essere la #mobilità a Roma nel prossimo futuro. La sfida è nell'attuarla tale visione... 👇📰 diarioromano.it/al-convegno-ro…

Stavano per gettare rifiuti ingombranti in mezzo alla campagna. Fermati dalla Polizia di Roma Capitale 2 uomini alla guida di due furgoni carichi di vecchi frigo, materiale ferroso, batterie per auto. Soliti svuota cantine e trasportatori abusivi #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stavano per gettare rifiuti ingombranti in mezzo alla campagna.

Fermati dalla Polizia di Roma Capitale 2 uomini alla guida di due furgoni carichi di vecchi frigo, materiale ferroso, batterie per auto. Soliti svuota cantine e trasportatori abusivi
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/KjcQWPuDFR

Diciamocelo chiaramente e per l'ennesima volta (perché mi tocca): #Roma è tutto fuorché una città accessibile per noi #disabili. Mi basta fare due passi sotto casa eh, neanche arrivare alla metro, per dirne una. Dobbiamo avere le stesse opportunità, #SiamoTuttiUguali. Retweeted by diarioromano

I piccoli #parchi e i giardini passano ai Municipi. Per ora solo in II e III. Entro l'anno il #Comune cederà sei milioni di metri quadri di aree verdi. Obiettivo: una migliore cura e agevolare il sovraccarico Servizio Giardini. 👇📰 diarioromano.it/i-piccoli-parc…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close