Citta in rovina – Casapound a via Napoleone III

Puntata anomala della rubrica “Città in rovina”, in quanto vogliamo brevemente parlare di un altro stabile di proprietà pubblica occupato ma che non può proprio considerarsi in rovina. Si direbbe anzi che esso sia mantenuto in ottimo stato dagli occupanti.

casapound

Si tratta dell’immobile di via Napoleone III, di proprietà demaniale, occupato da CasaPound nel dicembre del 2003 e da allora sede nazionale del movimento. L’occupazione avvenne con la scusa dell’emergenza abitativa e fin dall’inizio nell’immobile risiedono una ventina di famiglie.

Questo è quanto affermato dal leader di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, in un’intervista del 2012, quando era in discussione l’acquisto dell’immobile da parte del Comune: “Via Napoleone III è un’occupazione a scopo abitativo che rientra tra le occupazioni storiche di Roma riconosciute dal Comune e dall’allora sindaco Walter Veltroni con la delibera 206/2007. E’ uno spazio conquistato nove anni fa da un nucleo di famiglie che lo ha sottratto all’abbandono, lo ha riqualificato, e lo ha trasformato in un luogo di cultura e di aggregazione, e, a quelle famiglie e alla città, nessuno potrà mai toglierlo, a prescindere dalla titolarità dell’immobile”.

Ecco, noi ci permettiamo di far notare che le proprietà pubbliche non possono essere terra di conquista a disposizione del primo che si sveglia. Se sono condivisibili le iniziative che sollevano il problema degli innumerevoli spazi di proprietà pubblica lasciati in abbandono, non è sostenibile che le occupazioni divengano stabili ed anzi gli occupanti accampino diritti di proprietà sugli immobili.

La giunta del Sindaco Alemanno poi non procedette all’acquisto dell’immobile, per cui la proprietà al momento dovrebbe ancora essere del demanio, che nel mondo in genere significa “di tutti” mentre troppo spesso in Italia significa “di nessuno”.

Riportiamo di seguito la chiosa con cui chiudemmo il primo pezzo tra quelli dedicati alle occupazioni di stabili:

“Non vogliamo qui imbarcarci in una discussione, necessariamente complessa, su cosa voglia dire “diritto alla casa”. Senza dubbio le istituzioni devono creare le condizioni perché chiunque abbia la possibilità di trovarsi un alloggio dignitoso al prezzo che può permettersi e probabilmente vanno previsti anche sostegni particolari per chi si trovasse in difficoltà impreviste e temporanee. Quello che troviamo inaccettabile è l’idea che qualcuno più intraprendente (e prepotente) si impossessi di beni pubblici sottraendoli alla collettività e ne pretenda l’uso sine die, mentre la maggioranza silenziosa dei cittadini si dibatte mensilmente tra mutui, bollette e tasse sulla proprietà. Non sono stupidi questi ultimi, sono solo cittadini che fanno il loro normalissimo dovere.”

Nel ribadire questi concetti sottolineiamo che ovviamente essi valgono a prescindere dal colore politico delle occupazioni.


Le precedenti puntate di Città in rovina:

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

4 risposte

  1. Abitando per anni su via Napoleone III vi posso garantire che lo stato di mantenuzione dell’immobile non compensa il senso di ansia e di sgomento che questi prepotenti neofascisti provocano con la loro presenza, ormai stabilita da anni come dimostra l’insegna permanente sopra la porta. Poi coprono tutti i muri della zona con i loro manifesti abusivi. Pensavo fosse veramente roba loro — ho sentito dire che l’abbia regalato sindaco Alemanno. Sono contento di sapere che non sia il caso, e che questi occupanti non furono premiati. Se è vero.

  2. Una cosa vergognosa…poi si ergono pure a paladini dell’ordine, questi paleofascisti molto furbetti e mafiosetti….la Raggi che dice? Perche’ non cercate di sollecitare l’amministrazione almeno a dire come la pensa sul punto?

  3. Toccato!
    Roberto lo sa che l’articolo indeterminativo maschile non vuole l’apostrofo ma evidentemente non ci sta abbastanza attento.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Quando l'amministrazione si deciderà a fare qualcosa per l'invasione dei #monopattini sarà sempre troppo tardi. Qui un "branco" a via della Croce. #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Quando l'amministrazione si deciderà a fare qualcosa per l'invasione dei #monopattini sarà sempre troppo tardi. Qui un "branco" a via della Croce.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/SmzlVEOawN

Ora che c'è anche il diretto interessato a ricordare il complotto tra il @pdnetwork e alcuni vigili, forse è il caso che qualcuno fornisca qualche spiegazione, o no @andcasu @campidoglioPD @PD_ROMA? Meglio farlo ora che in tutte le prossime occasioni elettorali, non credete? twitter.com/francis_rojo_/…

Fermata #Policlinico chiusa, ovvero come appiedare 3 milioni di passeggeri. Dopo Castro Pretorio, la #metroB perde un'altra fermata per lavori che dovevano essere meglio coordinati. Nessuna previsione per le riaperture ma si parla di sei mesi?! ▪️ 📰👇 diarioromano.it/fermata-policl… Retweeted by diarioromano

Prosegue la distruzione della @PLRomaCapitale da parte di @virginiaraggi: il com.te ad interim Napoli ha rassegnato le dimissioni lasciando il corpo senza guida. Inoltre Napoli ha detto che l'amm.ne sapeva tutto delle storiacce di Report. Sindaco: nulla da dire? twitter.com/reportrai3/sta…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close