Cinema: ancora grandi produzioni a Roma. Ma la città è pronta?

Cinecittà 010

Un decreto sullo spettacolo per attrarre gli investimenti esteri nell’audiovisivo. Il ritorno delle grandi produzioni internazionali a Roma, da “007-Spectre” al nuovo “Ben Hur” girato interamente a Cinecittà come l’originale del 1959, fino alle riprese di “Zoolander 2” con Ben Stiller e Owen Wilson.

Metteteci pure il cinema italiano in testa al botteghino e conteso dai maggiori festivals, da Toronto a Cannes, gli Oscar alla “Grande Bellezza” e ai costumi di Milena Canonero, un’ondata di nuovi attori e registi acclamati da pubblico e critica.

Parrebbe di essere tornati all’epoca d’oro del cinema italiano, agli anni della Dolce Vita e della Hollywood sul Tevere. E quale luogo simbolo di questa rinascita se non gli studios di Cinecittà?

Siamo andati a vedere in quale stato si presentano agli occhi dei turisti e degli operatori che giungono a Roma.

Cominciamo dalla storica entrata ad “h”: ristrutturata da poco grazie al contributo della maison francese Chopard. Altrimenti sarebbe ancora decrepita e fatiscente come l’abbiamo vista per anni!

Di poco a lato, però, ecco il primo segnale di degrado: un cartellone sfasciato che pubblicizza un hotel. Intendiamoci: nulla di male nel promuovere le strutture turistiche di zona.  Ma dipende in quali forme…

Cinecittà 011
Immaginatevi una cosa simile davanti agli studios della Paramount, della Universal, della MGM etc.

 

Cinecittà 040
“Fuori Abete da Cinecittà”: lavoratori degli studi protestano tappezzando pali e cabine elettriche!
Cinecittà 012
I rattoppi sulle scritte vandaliche apparse sul muro. Anche qui, immaginate la stessa cosa ad Hollywood

La parete in direzione Castelli,  quasi del tutto libera dai cartelloni che la ricoprivano fino a poche settimane fa.Effetto della delibera comunale sulla riduzione del formato massimo dei cartelloni, da 4×3 a 3×2, che ha diminuito la concentrazione d’impianti su alcuni tratti di strada. Qui sotto, i fori lasciati dai vecchi cartelloni (ne abbiamo contati una trentina circa)

Cinecittà 037

Ma basta girare l’angolo con Via di Torre Spaccata per trovarsi di fronte a uno scenario da 4° mondo: una sfilza di cartelloni – i primi a distanza irregolare l’uno dall’altro, quelli paralleli al muro di Cinecittà che sfruttano le pieghe del regolamento del Codice della Strada – che ammette il posizionamento in aderenza ai fabbricati a meno di 3 metri dalla carreggiata, domanda: il muro è un “fabbricato”? – per restare sullo strettissimo percorso pedonale.

Cinecittà 030

Con l’attuazione del nuovo Piano regolatore degli Impianti, bisognerà mettere fine a questo caos!

Cinecittà 013

L’agevole percorso pedonale….

Cinecittà 032

….disseminato di crateri insidiosi. Occhio a non inciampare!

 

Cinecittà 033

In basso, due cartelloni di due società diverse, a poca distanza l’uno dall’altro e senza pubblicità, intralciano il passaggio delle comitive che si dirigono agli studios per le visite guidate.

 

Cinecittà 045

Elegantissimo il colpo d’occhio dei cartelloni al centro del marciapiede.

Cinecittà 043

Vi ricordate poi del progetto della “Via del Cinema”?

Quella passeggiata celebrativa sul modello della “Walk of Fame” di Los Angeles, con le stelle degli attori sul pavimento, le panchine a forma di pellicola e i pannelli informativi? Ebbene, fino all’anno scorso era coperta di graffiti e chissà per quanto tempo lo è stata ( mesi, anni? non ne abbiamo contezza), poi d’estate sono intervenuti l’Ama e i Pics. Graffiti cancellati, ma questo è il pannello illustrativo di Anna Magnani non lontano dell’arrivo a Cinecittà

Cinecittà 047

 

Una tristezza infinita….almeno la stella è intatta.

Cinecittà 048

Panchina sfregiata ma decorosa, praticello ricoperto da cartacce.

Cinecittà 050

 

Più in là, davanti al centro commerciale Cinecittà Due, una serie di cartellini 1×1 vacanti o con la pubblicità dei compro oro.

Cinecittà 051

 

Qui siamo all’apoteosi: il celebre, prestigiosissimo Centro Sperimentale di Cinematografia, oggi Scuola Nazionale di Cinema, si presenta coi graffiti  (segnalati al nucleo decoro Pics)

Cinecittà 053

 

Un altro pannello informativo immerso nel degrado della Circonvallazione Tuscolana.

Cinecittà 059

Ecco la zona, per intenderci….

Cinecittà 056

Due cartelloni piantati sull’aiuola, un camion pubblicitario fisso del negozio di traslochi che ha sede  a due passi.

Cinecittà 057

Un cartelletto 1×1 sul marciapiede “a tema” sul cinema.

 

Cinecittà 066

E concludiamo il giro sulla via del Cinema così: lampione scenografico foderato da microannunci pubblicitari.

 

Cinecittà 071

 

Sullo sfondo, il carrellino di un venditore itinerante, quasi certamente autorizzato dal Comune o dal municipio.

Preludio alla distesa di bancarelle sulla Tuscolana che sarà presto oggetto di un articolo su diarioromano.

Una riflessione su quello che abbiamo visto: Cinecittà, la Mecca del Cinema Italiano, nei giorni della sua riscossa e rinascita internazionale. Sarebbe lecito aspettarsi un maggiore impegno nella sua riqualificazione da parte del Comune, anche in funzione turistica. Una simile discrepanza tra il mito ostentato della Grande bellezza di Roma e la desolante sciatteria degli ambienti reali che la compongono (vedi il “caso Spectre” sollevato da Bastacartelloni), è direttamente proporzionale alla scarsità di visione politica e culturale nascosta dietro ai facili trionfalismi della politica romana e nazionale che celebrano il ritorno della Hollywood sul Tevere.

Condividi:

Una risposta

  1. invece che spendersi in tanti salamelecchi alle stellette internazionali il sindaco farebbe meglio a buttare un occhio a quella che potrebbe essere la vera ricchezza per la città, ossia gli studi di cinecità, che continuano fare tristezza per come sono tenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinecittà
I nostri ultimi Tweets

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

@gualtierieurope @Corriere A proposito di rifiuti, ha forse chiarito la questione delle fototrappole tutte disattivate? Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close