Casale Strozzi, la splendida residenza del XVI secolo dimenticata

All'interno del Parco Teulada, la villa di proprietà del demanio è in abbandono. Fu progettata da Giacomo del Duca, allievo di Michelangelo. Senza un intervento rischia di crollare

 

Se non fosse per il rumore del traffico in sottofondo, sembrerebbe di trovarsi di fronte ad uno splendido casale immerso nella campagna toscana. Circondato dal verde, alle pendici di Monte Mario, Casale Strozzi non nasconde il tocco dell’artista che lo ha ideato e realizzato. Giacomo del Duca era uno scultore e architetto ed aveva imparato il mestiere da un maestro d’eccezione: Michelangelo Buonarroti.

Gli Strozzi, possidenti toscani, nella metà del XVI secolo decisero di costruire una residenza a Roma. Incaricarono del Duca di realizzare una villa signorile circondata da due casali. La villa oggi non c’è più ma i casali sono rimasti e sono stati separati dalla Panoramica, la strada di scorrimento che porta sul Monte.

Uno dei due ospita l’Organizzazione per le Migrazioni. L’altro, inglobato dentro Parco Teulada, sta finendo in rovina. L’Agenzia del Demanio ne è proprietaria e se ne disinteressa da anni. Nel 2016 aveva sottoscritto un accordo per concederne l’uso al Corpo Forestale dello Stato. Nel casale, però, non si è mai visto neanche un agente.

 

I senzatetto che nei mesi più caldi alloggiano nel parco, usano le storiche mura dell’edificio come latrina. Il comitato di quartiere “Trionfalmente 17” lotta da anni perché sia trasformato in una biblioteca e dalla stessa parte si è schierato l’assessore al Bilancio del Municipio I, Jacopo Scatà, che da consigliere municipale aveva sollecitato il recupero del Casale.

Vogliamo inserire il progetto nel Pnrr perché è un casale vincolato posto all’interno di una riserva naturale, dunque non potrà mai essere abbattuto“, aveva dichiarato Scatà alcune settimane fa ad un quotidiano.

Ad oggi sono solo i residenti a garantire un minimo di tutela dell’edificio. Si sono rimboccati le maniche e hanno rimosso una grande quantità di rifiuti che lo circondava. L’ultimo appello i cittadini l’hanno lanciato a maggio scorso: “Inondiamo di mail il Ministero dei Beni Culturali e chiediamo la salvaguardia di questo casale prima che sia troppo tardi“, scrivevano sul blog del Comitato. Il timore è che la struttura in mattoni possa cedere sotto il peso del tempo senza una adeguata manutenzione.

 

L’esempio da seguire, secondo il Comitato, è quello del Casale del Giannotto al parco del Pineto, che nel 2006 fu ristrutturato per ospitare la biblioteca del quartiere. Il Casale Strozzi, invece, nonostante si trovi a un passo dalla Rai, dal Tribunale e dagli uffici di Roma Natura sembra non interessare a nessuno.


 

Per le precedenti puntate di Città in rovina, clicca qui

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Stavano per gettare rifiuti ingombranti in mezzo alla campagna. Fermati dalla Polizia di Roma Capitale 2 uomini alla guida di due furgoni carichi di vecchi frigo, materiale ferroso, batterie per auto. Soliti svuota cantine e trasportatori abusivi #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stavano per gettare rifiuti ingombranti in mezzo alla campagna.

Fermati dalla Polizia di Roma Capitale 2 uomini alla guida di due furgoni carichi di vecchi frigo, materiale ferroso, batterie per auto. Soliti svuota cantine e trasportatori abusivi
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/KjcQWPuDFR

Diciamocelo chiaramente e per l'ennesima volta (perché mi tocca): #Roma è tutto fuorché una città accessibile per noi #disabili. Mi basta fare due passi sotto casa eh, neanche arrivare alla metro, per dirne una. Dobbiamo avere le stesse opportunità, #SiamoTuttiUguali. Retweeted by diarioromano

I piccoli #parchi e i giardini passano ai Municipi. Per ora solo in II e III. Entro l'anno il #Comune cederà sei milioni di metri quadri di aree verdi. Obiettivo: una migliore cura e agevolare il sovraccarico Servizio Giardini. 👇📰 diarioromano.it/i-piccoli-parc…

Il cassonetto prima e dopo lo svuotamento. Ecco cosa succede a cercare di svuotare un cassonetto circondato da altri rifiuti (che peraltro potrebbero essere riusati). Ora ci vorranno giorni per rimetterlo a posto #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il cassonetto prima e dopo lo svuotamento.
Ecco cosa succede a cercare di svuotare un cassonetto circondato da altri rifiuti (che peraltro potrebbero essere riusati). Ora ci vorranno giorni per rimetterlo a posto
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/cpJtr4551J

Concerti a p.za del Popolo, per Onorato: “Un successo pazzesco”, peccato sia fuorilegge L'assessore ai grandi eventi deve aver dimenticato che a #Roma vigono dei limiti acustici e che un concerto pop non può che superarli 👇📰 diarioromano.it/concerti-a-p-z…

“Romeo e Giulietta en plein aire”. Dal 24 al 26 giugno a Cappella Orsini, Via di Grottapinta, spettacolo alle ore 21. Ingresso libero. Con i costumi del teatro dell’Opera #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - “Romeo e Giulietta en plein aire”.

Dal 24 al 26 giugno a Cappella Orsini, Via di Grottapinta, spettacolo alle ore 21. Ingresso libero. Con i costumi del teatro dell’Opera
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/n3xvBVAZAs

@globefaro L’ass. Onorato non sa, evidentemente, che l’unica volta che l’ARPA ha misurato i livelli acustici di un concerto a p.za del Popolo lì ha trovati tutti eccedere i valori massimi previsti dalle norme. D’altronde come potrebbe essere altrimenti? Irresponsabili. Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close