Cartelloni, la giunta approva catalogo per gli Spqr e i criteri per i concessionari

Nessun commento

Riportiamo il comunicato stampa dell’assessorato a Roma Produttiva su questa importante approvazione già anticipata da diarioromano. Si tratta di quei criteri che serviranno a stabilire in anticipo chi potrà partecipare o meno ai futuri bandi di gara e all’assegnazione di una quota di impianti Spqr.

panama 006

 

 

La Giunta ha dato ieri il via libera a due nuovi atti sugli impianti pubblicitari. Il primo regolamenta i criteri per i concessionari degli impianti di proprietà pubblici (SPQR) e fissa le regole per la partecipazione delle imprese all’evidenza pubblica. Si tratta di un provvedimento attuativo del PRIP (Piano Regolatore degli Impianti e dei Mezzi Pubblicitari, approvato con delibera n. 49/2014) che prevede, oltre agli adempimenti previsti dalla legge, che le imprese debbano, tra l’altro, non aver installato impianti abusivi e del cosiddetto tipo “senza scheda” ed essere in regola con i tributi dovuti nei confronti dell’amministrazione.

Un impegno per escludere le società che hanno operato contro il decoro della città.

 La Giunta ha inoltre approvato il “catalogo degli impianti SPQR”: un vero catalogo che fissa tipologia, dimensione e ingombro degli impianti ammessi, con l’obiettivo di armonizzare le strutture presenti nel territorio. Tutte le società dovranno attenersi alle caratteristiche tecniche ed estetiche fissate nel catalogo, che il Dipartimento Sviluppo Economico e Attività Produttive ha condiviso con le Soprintendenze.  

 “Con questi di due provvedimenti – dichiara l’assessore a Roma Produttiva Marta Leonori – scriviamo un’altra pagina nella grande opera di riordino dei cartelloni pubblicitari a Roma, che coniuga trasparenza, legalità e decoro. Un’opera che con il sindaco e con questa Amministrazione abbiamo portato avanti con determinazione. Dopo la riduzione della superficie totale da 233.000 mq a 62.000 mq che renderà la città più bella e sicura, abbiamo voluto lanciare un altro segnale importante per la legalità, scrivendo criteri che ammettono solo le imprese che hanno dato prova concreta di rispettare le regole. Crediamo che i cittadini abbiano diritto ad un’amministrazione che premia l’onestà e la correttezza”.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Aggiornamento dalla baraccopoli di San Lorenzo. Un paio di ingressi murati, ma per il resto nulla cambia: il complesso è pericoloso e abusivo. @Segnaliamoli @Delbellotw diarioromano.it/?p=25162

La bizzarra gara per l'Albero di Natale è andata deserta. Le spiagge sul Tevere solo promesse e funivia Casalotti e mini-metro fino a Bufalotta definanziate. Cronaca di un'altra sconfortante giornata di giunta @virginiaraggi diarioromano.it/?p=25153

Video diario
  • Un Sindaco con problemi di Memoria

    Il Viaggio della Memoria, che è cosa molto seria, è diventato una specie di gita di classe annuale per il Sindaco. Mentre Roma affonda ancora

  • Montagne di rifiuti in 3° Municipio

    Mi vergogno di vivere in una città così. Piazza Massa Carrara e altre strade del 3° Municipio sepolte sotto montagne di rifiuti. Caterina

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.