Buono spesa in cambio del vetro: la soluzione per eliminare le bottiglie dalle strade

Nessun commento

Vetro bottiglie abbandonate

 

Scene come questa sono diffusissime a Roma: bottiglie di birra abbandonate ovunque che spesso si rompono creando pericolo per i passanti.

In molti paesi il problema è stato risolto con il “vuoto a rendere” nei supermercati. Si restituisce il vetro e il negozio offre in cambio degli sconti sugli acquisti. Ma sempre più si sta diffondendo l’uso di semplici macchinette, posizionate sulle strade, nelle quali chiunque può conferire il vetro. La macchina rilascia buoni da poter spendere in molti negozi.

L’uovo di colombo per Roma. La massa di recuperanti dei cassonetti troverebbe conveniente raccogliere le bottiglie sparse in strada. E in pochi giorni non ne vedremmo più neanche una abbandonata. Oltre all’ovvio vantaggio ecologico del riciclo del vetro, materiale che è potenzialmente riutilizzabile all’infinito.

L’altro vantaggio sarebbe per le casse comunali: oggi differenziare il vetro dagli altri materiali depositati nei cassonetti blu costa molto, mentre se il vetro viene separato in origine, il costo si riduce di oltre il 50%.

Se non vuole farlo il Comune, dovrebbe incentivare i privati a investire nel settore. In via sperimentale è già partito qualcosa di simile per plastica e lattine. La macchina che vedete qui sotto è posizionata accanto ad un distributore di benzina in via Ottavio Gasparri a Monteverde.

Macchina mangiarifiuti 4

Macchina mangiarifiuti

Macchina mangiarifiuti 2

Come si capisce facilmente dai disegni, falconi di shampoo, contenitori del detersivo o lattine diventano scontrini prepagati in diversi negozi della zona.

Inoltre la ditta ha un guadagno dagli sponsor che coprono i costi vivi della macchina e su uno dei fianchi può essere riservato uno spazio per la pubblicità.

Macchina mangiarifiuti 5

Il decreto sull’Ambiente collegato alla Legge di Stabilità del 2014, prevedeva per i comuni proprio questa possibilità. Il vetro in particolare  gode di agevolazioni importanti.

Finora dal Campidoglio nessuno ha pensato a mettere in piedi un sistema di questo tipo. Basterebbe molto poco, probabilmente un paio di delibere. Forse proprio perché è una soluzione troppo semplice e utile alla città nessuno l’ha presa in considerazione.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Il ritrovamento della splendida testa romana ai Fori è merito di una donazione dell'Azerbaijan ottenuta da @ignaziomarino. Ma @virginiaraggi se ne "dimentica" e ringrazia tutti tranne l'ex Sindaco. diarioromano.it/?p=33515

E' durata poco l'illusione che @AndreaCoiaM5S, @virginiaraggi e #Cafarotti spostassero le bancarelle. Il @M5SRoma ha fatto macchina indietro sulla legalità e sul decoro, con l'avallo di @luigidimaio. Tutto cambia perché niente cambi. diarioromano.it/?p=33477

Video diario
  • L’AMA sempre allo sbando

    Arrivati i cassonetti dell'organico all'Esquilino ma ammonticchiati come capita insieme agli altri. Sempre la stessa imbarazzante AMA. C.F.

  • Segnalare ad ACEA: una fatica di Sisifo

    Quasi un anno di segnalazioni di lampioni spenti senza risolvere. Intanto si avvicina la prossima assemblea degli azionisti ACEA. Che dirà la Sindaca?

  • La città delle libertà (2)

    Qualche giorno fa c'era solo il cartello "Piazza di Spagna". L'idea deve funzionare ed ora c'è anche "Trevi Fountain". Avanti così ... G.T.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.