Brutto incendio sotto Ponte delle Valli: il nostro video

1 Commento

Sono le 2 del mattino tra mercoledì e giovedì. Gli abitanti di Conca d’Oro e del quartiere Africano sentono un crepitio fortissimo. Il rumore ha qualcosa di sinistro. Fiamme alte come un palazzo stanno divorando gli alberi e la macchia tra la ferrovia e il parco di via Conca d’Oro.

Siamo lungo l’argine dell’Aniene, dove vi sono numerose baracche e più volte sono stati sgomberati campi abusivi occupati da senza fissa dimora. Il video mostra le fiamme poco dopo l’arrivo dei pompieri. Nonostante un’autopompa avesse già cominciato a spegnere il fuoco, il rogo è ancora alto e violento.

 

Le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte. All’alba emerge la fuliggine che la notte nascondeva. Le case, i tetti, i giardini, i terrazzi completamente ricoperti di residui bruciati. I polmoni intossicati. L’odore è acre e pizzica la gola, il caldo asfissiante di questi giorni fa il resto.

incendio cenere

 

incendio cenere2

 

Gli abitanti della zona sono abituati a convivere con i roghi attizzati dai recuperanti che hanno eletto gli argini dell’Aniene a loro base di smistamento. Inoltre l’inverno, dagli accampamenti abusivi, partono spesso piccoli incendi che però sono facilmente controllabili.
Ma una notte di fuoco come questa non accadeva da anni. Tanto è vero che sono trascorse più di 24 ore da quando l’incendio è stato domato ma ancora nell’aria si percepisce l’odore.

Sulle cause non c’è chiarezza e probabilmente non ce ne sarà mai. A Roma, in queste settimane, si sono registrati decine di focolai, quasi tutti di origine dolosa e dunque il sospetto è che anche questo sia un incendio appiccato dall’uomo per i più svariati motivi: il recupero di rame e ferro poi sfuggito al controllo oppure la follia di qualche piromane.

Ieri la linea ferroviaria FL1 è rimasta bloccata per alcune ore a causa delle fiamme divampate accanto ai binari all’altezza di Settebagni. Ad Ostia è stato difficile arginare il fuoco nella zona della pineta delle Acque Rosse, mentre la tenuta di Castel Fusano brucia ancora. Tutto questo solo nelle ultime 24 ore. Una tragedia che sta sfuggendo al controllo e che richiede un intervento duro e risoluto.

 

 

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

1 Commento

  1. adriano

    quanti altri incendi serviranno prima che il governo nazionale decida di commissariare la capitale per manifesta incapacità di controllo da parte di chi l’amministra?
    questi non sono capaci di gestire un condomino e si ritrovano per le mani Roma!?!

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Sui #cartelloni la giunta pare aver imboccato la strada giusta. Bravo @AdrianoMeloni che ha spinto per passo avanti… twitter.com/i/web/status/8…

Stadio Flaminio: grazie a @danielefrongia gli americani pagano i progetti. Per riqualificazione occorrono i privati… twitter.com/i/web/status/8…

Se @virginiaraggi si permette di andare in vacanza (!?!), c'è chi continua a combatterlo il degrado, anche ad agosto diarioromano.it/?p=17575

Troppi luoghi a Roma verso gentrificazione e desertificazione, con politca inerte e pochi timidi segnali di speranza diarioromano.it/?p=17456

Video diario
  • Ruggine e manifesti abusivi

    Non solo questo cartello comunale di cso Trieste è cadente per la ruggine ma viene pure coperto da manifesti abusivi. Degrado su degrado. M.

  • Quadretto di degrado

    Ecco uno spaccato di Roma. Via Torrevecchia ( Pineta Sacchetti), paraurti abbandonati sul marciapiede e un furgone pieno di scritte. Cor.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.