Borghetto Flaminio: capannoni e terreni occupati abusivamente tornano al Comune

Dopo 19 anni dall'ordinanza di sgombero, una vasta area è stata restituita alla città. Qui sorgerà il polo universitario di architettura. La soddisfazione dei Comitati

 

Non bisogna lasciarsi ingannare dall’aspetto del vicolo che si vede qui sopra. Non siamo in aperta campagna o in una sperduta periferia, ma nel cuore di Roma, sulla via Flaminia a 200 metri da piazza del Popolo. Qui, nel cosiddetto Borghetto Flaminio, da anni si erano insediate senza alcun titolo attività artigianali o ricreative.

Martedì scorso, tutta la parte terminale del vicolo, è stata sgomberata dalla Polizia di Roma Capitale restituendone la disponibilità al Campidoglio. Si tratta di una serie di capannoni e manufatti di proprietà comunale sui quali pendeva una ordinanza di liberazione dal 2003. Nessuno fino ad oggi era riuscito a metterla in pratica e solo grazie alla tenacia dei cittadini riuniti nel CILD, il Comitato per la Legalità Democratica, si è arrivati a questo importante risultato.

Vediamo allora quali sono le strutture alle quali sono stati apposti i sigilli. Si parte dall’enorme edificio di colore grigio (due foto seguenti) dove operava da anni una carrozzeria per auto e furgoni. Con tre ingressi dalla strada, lo stabile è dotato di un cortile interno, di uffici e magazzino.

Di fronte, un altro grande edificio con recinzione di colore blu, ospitava un’officina meccanica e un forno per carrozzeria (foto sotto).

In fondo alla strada, in un immobile nascosto dalla vegetazione, c’era un centro di scambio culturale tra Italia e Cuba e un circolo ricreativo chiamato la Villetta. Nella foto che segue il cancello di ingresso.

Ovunque è stato affisso un avvis0  che indica gli estremi della ordinanza di sgombero che risale addirittura al 30 settembre 2003 e l’intimazione a restare fuori dai luoghi a pena di commettere il reato di invasione di terreno o edificio.

 

 

Dunque ci sono voluti 19 anni per reimmettere il Comune nella disponibilità di questa importante area che – come scrivono i cittadini del Cild – “era stata oggetto di decenni di incuria e silenzi“. Finalmente – prosegue il Cild sulla sua pagina Facebook – sono stati scacciati abusivi e profittatori.

Questo sgombero non è importante solo per la legalità, ma anche perché è il presupposto per la realizzazione del nuovo campus universitario de la Sapienza. Qui, la facoltà di architettura sposterà gli studenti che ora usano la fatiscente sede di via Gianturco. L’Università dovrà acquisire l’area per 1,4 milioni di euro e poi iniziare i lavori. Il cantiere in un primo tempo era previsto per il 2019 ma tra occupazioni e lungaggini dovute al disinteresse dell’amministrazione Raggi, tutto è rimasto bloccato. Come avevamo anticipato in un articolo del dicembre 2021, la prima pietra non sarà posata prima della fine del 2023. Fino ad allora c’è da sperare che a nessuno venga in mente di occupare nuovamente gli stabili.

L’intera area è in preda al degrado nonostante sia di fronte al Ministero della Marina e alle pendici del magnifica Villa Strohl Fern, resa invisibile dalla vegetazione incolta e dai manufatti abusivi. A fine 2021, la Giunta Gualtieri aveva dato il via libera al progetto dell’Università e ora devono essere completati i passaggi formali di acquisizione dei terreni.

La Sapienza, ad oggi, gestisce solo uno scassato parcheggio (foto sotto) e qui ha insediato il suo “Fab Lab”, il laboratorio dove si costruiscono i plastici.

Poco più avanti c’è l’unica parte restaurata e cioè il circolo bocciofilo del II Municipio e i giardini del Museo Explora, entrambi ben tenuti.

Infine, nell’ultima foto, vi mostriamo le condizioni fatiscenti del fronte su via Flaminia, quello che dovrebbe essere un salotto, una passeggiata di bellezza e invece è ridotto in questo modo.

 


Sullo stesso tema

Il Borghetto Flaminio sarà ceduto alla facoltà di Architettura | Diarioromano

Città in rovina – L’eterno dilemma del Borghetto Flaminio | Diarioromano

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close