Bancarelle a Termini: sono state dichiarate illegali tre mesi fa, ma sono ancora tutte lì

La maggiore piaga del commercio del centro storico? La stessa dei quartieri semicentrali e periferici: l’abusivismo.

Quell’abusivismo rappresentato da un vero e proprio esercito di venditori che assedia le vie dello shopping generando degrado e mettendo in crisi il commercio di vicinato.

Gli abusivi si riconoscono perché vendono la merce per terra o sui banchetti improvvisati con le scatole di cartone.

Ma ci sono degli ‘abusivi’ con permessi regolari che operano con licenze difformi sul suolo pubblico, all’interno di banchi e strutture fisse.

Dove si trovano? In qualche angolo sperduto di periferia?

No, alla STAZIONE TERMINI.

 

Immag15001

 

Immag15003
Abusivo in primo piano, bancarelle irregolari sullo sfondo

 

Come sappiamo che sono abusive?

Semplice. Lo hanno dichiarato le stesse autorità del Primo Municipio dopo i controlli effettuati lo scorso febbraio dai vigili del I Gruppo.

Quando la notizia uscì in tutto il suo clamore, noi cittadini impegnati sul fronte del decoro non ci stupimmo. Erano anni che denunciavamo quell’assurdo mercatino nel silenzio della stampa ufficiale.

Com’è possibile, ci chiedevamo, che siano state autorizzate delle bancarelle sulle pensiline degli autobus della stazione centrale?

 

Immag15004

 

Immag15011

Ricordiamoci che queste scene imparagonabili nell’Occidente civilizzato – lo ripetiamo, bancarelle di vestiti sulle fermate della stazione più importante d’Italia – sono probabilmente alla radice dell’interruzione del contratto di sponsorship della Vodafone, che per qualche mese fu presente coi suoi marchi sugli arredi della stazione Termini. Come si fa in tante capitali europee, solo che qui – a differenza di Madrid – il contratto si è estinto. Allucinante.

Ma ancora più allucinante che le bancarelle dichiarate abusive il 12 febbraio, stiano ancora lì – giorno e notte, non smontano mai! – sulle banchine delle fermate Atac di Piazza dei Cinquecento. Non se ne sono mai andate.

Lo proviamo con le foto che vedete, scattate questa domenica.

Immag15006

 

Immag15009

 

Immag15010

 

Immag15011

 

Immag15012

 

Immag15013

Cosa sia accaduto lo chiederemo per l’ennesima volta ai responsabili amministrativi del Primo Municipio, nel corso di un incontro che si terrà oggi. La presidente Alfonsi aveva decretato, assieme alla Polizia di Roma Capitale, l’irregolarità di tutte queste bancarelle che costituiscono tra l’altro un pericolo, ostacolando vie di fuga in caso di un incendio o un attentato.

La domanda è perché ci si lamenta degli abusivi quando poi si tollera quello che si è dichiarato irregolare?


Per chi fosse interessato l’incontro sul commercio nel centro storico si terrà oggi alle ore 18.00 in via Grotta Pinta 21

locandina-convegno-commercio-crcs

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

  1. Io da turista invece trovo non sia per niente brutta come cosa anzi si fanno buoni affari… certo magari se riuscissero ad ottenere il permesso sarebbe meglio per loro ma in Italia ci sono cose peggiori che questa di cui occuparsi e che nessuna lo fa perchè non hanno interesse a farlo

    1. Beh Luisa, il tuo è un punto di vista abbastanza originale, essendo quasi unanime, almeno in rete, la censura sul brutto spettacolo che danno le bancarelle a Termini.
      Essendo ovviamente legittima la tua opinione dal punto di vista estetico, capirai che invece sulla questione della legalità c’è ben poco da discutere, visto che tutti quei banchi sono illegali e difficilmente possono essere legalizzati (per motivi di sicurezza e decoro).
      Infine, probabilmente le cose peggiori a cui tu accenni hanno una comune causa con queste bancarelle, ossia l’assenza di legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

A Piazza della Cancelleria una locale attività commerciale ha installato qualche arredo leggero per migliorare la fermata del bus (e forse per proteggersi dalla sosta selvaggia). . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - A Piazza della Cancelleria una locale attività commerciale ha installato qualche arredo leggero per migliorare la fermata del bus (e forse per proteggersi dalla sosta selvaggia).
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/slXBuDS7dz

È nata la web app "Roma al Tuo Fianco", per segnalare all'amministrazione "#sovraffollamento, lampioni rotti, abbandono illecito di #Rifiuti...", ma la prima segnalazione è che il sito indicato dal #Comune non funziona❗Stiamo provando ad accedere da giorni. 🤷🏻‍♂️✌️

test Twitter Media - È nata la web app "Roma al Tuo Fianco", per segnalare all'amministrazione "#sovraffollamento, lampioni rotti, abbandono illecito di #Rifiuti...", ma la prima segnalazione è che il sito indicato dal #Comune non funziona❗Stiamo provando ad accedere da giorni. 🤷🏻‍♂️✌️ https://t.co/yS9qwk4aO3

Approvata le “disciplina transitoria”. @AndreaCoiaM5S fa approvare la nuova disciplina OSP con illegittimità che la rendono facilmente annullabile. Una vittoria di Pirro evidenziata dalle dimissioni presentate, e ritirate, dall'assessore Cafarotti.🤦🏻‍♂️ 👇📰 diarioromano.it/approvata-le-d…

Secondo questo gentile esercente, come dovrebbe fare un pedone che volesse transitare sul marciapiede mantenendo la necessaria, per legge, distanza di sicurezza? . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Secondo questo gentile esercente, come dovrebbe fare un pedone che volesse transitare sul marciapiede mantenendo la necessaria, per legge, distanza di sicurezza?
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/T4NVImueIc

#Roma, Metro A #Cornelia, in filodiffusione qualche opera di #EnnioMorricone. Bravi 👏👏👏😢

test Twitter Media - #Roma, Metro A #Cornelia, in filodiffusione qualche opera di #EnnioMorricone. Bravi 👏👏👏😢 https://t.co/XGgDTMeGXm
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close