Attese alle fermate del bus: quello che Moovit non dice (e la Sindaca mistifica)

Nessun commento

Scrive la Raggi: “Passo dopo passo stiamo dando ai cittadini un trasporto pubblico migliore. Dal 2016 a oggi il tempo medio di attesa alle fermate dei mezzi pubblici nella nostra città è sceso da 20 a 16 minuti: il 20% in meno. Lo dice l’ultimo report annuale della piattaforma sulla mobilità di Moovit”.

 

 

Cosa c’è di vero in questo discorsetto? Quasi NULLA.

La Sindaca fa riferimento ad un report appena pubblicato da Moovit e relativo al tempo medio di attesa ad una fermata nel 2019.

Il precedente report risale al 2016. Curiosamente questo report è stato rimosso e non è più disponibile sul sito di Moovit (https://company.moovit.com/global-cities-2016/), ma per loro sfortuna lo abbiamo recuperato dalla web cache.

Confrontiamo i dati 2016 con quelli del 2019, e notiamo subito una “stranezza”: in soli 3 anni tutte le città avrebbero mirabilmente migliorato il trasporto pubblico, abbattendo i tempi di attesa dei mezzi.

 

 

 

 

A questo punto ci sorge un dubbio. Andiamo a verificare le statistiche mondiali, e troviamo gli stessi risultati. Prendiamo un caso in particolare.

Istanbul, capitale della Turchia. Oltre 20 Milioni di abitanti, su una superficie di 5.343 Kmq. Una vera e propria megalopoli.

Secondo Moovit i tempi di attesa di un mezzo pubblico si sono ridotti dai 19 minuti del 2016 ai 13,42 minuti del 2019. In soli 3 anni ad Istanbul i tempi MEDI di attesa si sarebbero abbattuti di quasi 6 minuti, e i trasporti pubblici sarebbero migliorati di quasi il 30%. Un risultato I-N-C-R-E-D-I-B-I-L-E.

Anche Londra non scherza, in soli 3 anni i tempi MEDI di attesa alla fermata sarebbero passati da 13 a 9,82 minuti, con un miglioramento del 24,5%. Per non parlare di Singapore (5,5 Milioni di abitanti) che migliora del 29,7%, passando dai 12 minuti del 2016 agli 8,44 minuti del 2019.

 

 

Passiamo adesso ai dati REALI e UFFICIALI pubblicati da ATAC. Il servizio dal 2016 al 2019 è CROLLATO, con il record minimo assoluto a Giugno 2019 (-24,2%). Nemmeno con i “400 autobus nuovi” ATAC è riuscita a tornare sopra il 90% come nel primo semestre 2016.

 

 

Dunque il servizio non è assolutamente migliorato (come sappiamo benissimo). La statistica di Moovit dice semplicemente che chi usa le app organizza meglio il proprio tragitto: sceglie la linea che arriva prima (magari su fermate vicine ma diverse), va in fermata quando sta per passare il bus, etc., ed evidentemente in 3 anni gli utilizzatori, oltre ad essere aumentati, hanno imparato a farne un uso migliore.

(Esempio pratico: un turista deve andare dall’Ambasciata USA a Campo de Fiori. Ha 2 scelte:

1. Bus da Via Bissolati ogni 9min che impiega 17 minuti. Magari l’app dice che il bus è in ritardo e arriva tra 10 min. Totale 10+17= 27min.
2. Bus in Via Veneto ogni 8min che impiega 21 minuti. Magari l’app dice che sta arrivando tra 2min. Totale 21+2= 23 min, e quindi il turista sceglie questa ipotesi, aspettando meno in fermata.

 

 

 

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Ma perché ci sono tantissimi cassonetti rovesciati? Possibile che siano sempre errori di chi li manovra? Qui viale Libia. . #decoro #decorourbano #rifiuti #ama #Roma

test Twitter Media - Ma perché ci sono tantissimi cassonetti rovesciati? Possibile che siano sempre errori di chi li manovra? Qui viale Libia.
.
#decoro #decorourbano #rifiuti #ama #Roma https://t.co/SkOqHeGT8Q
Video diario
  • La puzza in via Mascagni

    Un odore insopportabile, anzi una vera puzza in via Mascagni al Salario. Questo è il Natale che passeremo a Roma tra i rifiuti. Veronica

  • Marciapiede requisito

    Torrino: quattro rami segati, un po' di nastro giallo dei vigili ed un marciapiede sparisce. Ecchissenefrega di anziani e invalidi. R.V.