Atac sta per fallire e il Coronavirus è solo una scusa

Bus Atac fermi nel deposito di Portonaccio

 

Ultimo comunicato di ATAC: l’Azienda è sana, il presidente Simioni parla di “risultati più che soddisfacenti”, con un utile per il 2019 di 13 milioni di euro (anche se il bilancio non è stato ancora pubblicato) e un utile previsto per il 2020 di 24 milioni. Ma ecco arrivare la pandemia che ha compromesso tutto: l’Azienda è stata costretta a richiedere la cassa integrazione per 4.000 dipendenti per 9 settimane (tutto aprile e maggio), e si appella al buon cuore di Stato, Regione e Comune per avere sovvenzioni.

Ma la colpa è davvero del Covid19? Vediamo come stanno le cose: ATAC ha fallito tutti gli obiettivi principali del concordato nel 2018 e nel 2019, con perdite di decine di milioni di euro rispetto al piano.

In particolare il piano per il 2019 prevedeva la restituzione di 163 milioni di euro ai creditori, ma l’Azienda ne ha verosimilmente restituito solo la metà perché l’omologa è arrivata a fine Giugno (e non a inizio anno). Se ATAC avesse dovuto restituire tutti i soldi previsti, avrebbe avuto un utile? (spoiler: quanto fa 13-81=?)

Nel 2020 ATAC doveva comprare 250 autobus ibridi, per una cifra stimata di 89 milioni di euro. Ma il piano è saltato e arriveranno (forse) nel 2021 solo 100 autobus. Quanto fa l’utile “stimato” di 24 milioni di euro meno 89 milioni? Basta solo questo, senza stimare tutti gli altri fattori peggiorativi, per capire quanto il concordato fosse già compromesso.

Il concordato infatti è stato solo un modo per bruciare una montagna di debiti senza risolvere le criticità. Una fra tante: il contratto. Il contratto tra l’Azienda e il Campidoglio scadeva a dicembre 2019, ma è stato prorogato di 2 anni dal Comune, andando contro il parere di ANAC e Antitrust. Al di là dei pareri, voi proroghereste un contratto che non fa funzionare bene le cose? Per esempio da anni i blogger ripetono che dal contratto va tolta la bigliettazione ad ATAC, per non caricare l’Azienda di margini di rischio troppo elevati: in analogia a quanto già avviene a Milano, il Comune di Roma doveva pagare al 100% ATAC, ed introitare direttamente gli incassi da biglietti e abbonamenti.

ATAC incassa 22 milioni/mese da biglietti e abbonamenti. Con il crollo dell’utenza, si stima per marzo una perdita di circa 10 milioni di euro (perché gli utenti avevano già comprato i mensili), mentre per aprile si prospetta una perdita catastrofica.

La riduzione del servizio è stata di circa il -20% (qui le perdite però potrebbero essere contenute grazie ad eventuali “km bonus”), ma ATAC sta mandando in cassa integrazione il 36% del personale. I nodi stanno venendo al pettine del coronavirus. La priorità è ripagare i creditori (ripetetelo a mente 3 volte).

Una riflessione. ATAC con 1,5 miliardi di debito e una flotta di bus vecchissima, non poteva interessare a nessuno. Ora si è scrollata di dosso i debiti, può contare su oltre 500 autobus nuovissimi comprati dal Comune (parte già circolante, parte in arrivo), per i quali paga un canone irrisorio di soli 0,22€/km a bus (il prezzo di mercato è intorno a 1,60 €/km, manutenzione inclusa).

La “scusa” del coronavirus può far comodo a più di uno.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Incredibile ma vero: Virginia #Raggi si ricandida a sindaco di #Roma, dopo 4 anni di disastri. Le sue possibilità sono praticamente nulle ma continuano a mancare sfidanti credibili. #11agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/incredibile-ma…

Giardino degli Aranci con sacchetti della #spazzatura, lì da diversi giorni. Situazione #rifiuti fuori controllo in ogni parte di #Roma. #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Giardino degli Aranci con sacchetti della #spazzatura, lì da diversi giorni. Situazione #rifiuti fuori controllo in ogni parte di #Roma.
#fotodelgiorno 📸 https://t.co/aXLLIlOGnH

Salviamo il fico di via S. Giovanni in Laterano. Un #albero spontaneo rischia di essere tagliato perché non incluso nei registri del #Comune, mentre il leccio secco di p.za dei Cinquecento rimane lì. #Roma #10agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/salviamo-il-fi… Retweeted by diarioromano

Salviamo il fico di via S. Giovanni in Laterano. Un #albero spontaneo rischia di essere tagliato perché non incluso nei registri del #Comune, mentre il leccio secco di p.za dei Cinquecento rimane lì. #Roma #10agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/salviamo-il-fi…

Un palazzo ripulito da poco è stato taggato da una scritta lunga 25 metri. E resterà così per anni (via A. Casella) . #Roma #9agosto

test Twitter Media - Un palazzo ripulito da poco è stato taggato da una scritta lunga 25 metri. E resterà così per anni (via A. Casella)
.
#Roma #9agosto https://t.co/6biHhinP2T
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close