ATAC sotto la lente dei cittadini ignorati

Le amministrazioni virtuose sfruttano le elaborazioni degli open data fatte dai cittadini impegnati. A Roma invece al meglio le ignorano

Quando si parla di trasporto pubblico a Roma viene solo da mettersi le mani nei capelli. Da anni l’ISTAT registra una costante fuga di passeggeri, l’Agenzia per il controllo della Qualità dei Servizi raccoglie dai cittadini un giudizio sempre più prossimo allo zero, mentre il Comune certifica per ATAC un percorso verso l’eccellenza, riconoscendo un mirabolante aumento della qualità erogata dal 54% al 74% in soli 3 anni, e dimezzando le penali.

 

 

Di fronte a questo incredibile paradosso, il cittadino ignorato e sbeffeggiato, costretto a pagare in tutti i sensi i disservizi di ATAC, si è visto costretto a dover verificare se il servizio fosse veramente lo schifo che sembra, o se questo sentimento che affolla i suoi sensi fosse solo una mera “percezione”, come vogliono fargli credere a tutti i costi.

Così due cittadini hanno ideato un programma che sfrutta i dati trasmessi in tempo reale dagli autobus in circolazione e raccolti e resi liberamente accessibili sul server dell’agenzia Roma Servizi per la Mobilità. Normalmente questi dati sono usati dalle app per fornire i tempi di attesa dei bus alle fermate, ma l’idea era di presentarli in una maniera innovativa.

 

 

Grazie al programma si può conoscere l’andamento del servizio globale nell’arco della giornata, si possono sapere i bus in circolazione in un dato momento, la loro posizione GPS aggiornata ogni 30 secondi, il livello di affollamento, il modello, la rimessa di provenienza, quando ha iniziato la corsa e quando è terminata, e, per i più esperti, anche informazioni sulla qualità dei dati e la possibilità di personalizzare il monitoraggio.

Il programma è liberamente disponibile qui (si deve scaricare il file in formato compresso “Programma_Monitoraggio_Bus.7z”, decomprimerlo in una cartella o sul desktop, e poi lanciare il file “Atac_Feed.exe”), al momento solo per Sistema Operativo Windows.

Il programma ha avuto molto successo ed è stato oggetto di interesse anche da parte di appassionati di Milano, che vorrebbero replicare il monitoraggio nella loro città. Il programma si basa infatti su una piattaforma internazionale standardizzata da Google (basta modificare la sorgente dati e si possono monitorare i bus di città negli USA o in Canada per esempio)

Il mensile Quattroruote ha pubblicato un articolo nel corrente mese di febbraio per parlare di questo programma, sottolineandone l’utilità e le potenzialità, che altrove verrebbero colte in maniera proficua dall’Amministrazione comunale.

 

 

A Roma purtroppo l’Amministrazione comunale non solo non ha ringraziato per avergli messo a disposizione programma e competenze, ma ha provato ad osteggiare più o meno con forza questa attività di monitoraggio, forse perché mette in luce tante zone d’ombra che probabilmente qualcuno preferirebbe tenere nascoste.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati. In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati.

In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/U4uu20fkiI

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close