Atac fa più multe a chi non paga il biglietto. Ma resta indietro rispetto a Milano

Nessun commento

Manca meno di un mese al referendum sulla liberalizzazione del servizio di trasporto a Roma. Atac e Campidoglio, forse nel tentativo di mostrare un nuovo corso, continuano a comunicare goffamente risultati che – analizzati a fondo – sono molto meno positivi di quanto sembrino. E’ il caso dell’aumento degli incassi da multe per chi evade il biglietto. Il blogger Mercurio Viaggiatore spiega ai lettori di diarioromano perché i risultati sono molto modesti, soprattutto se paragonati a quanto realizzato dall’Atm di Milano. 

 

di Mercurio Viaggiatore (@mercuriopsi)

 

È di ieri l’ennesimo proclama di ATAC pieno di percentuali, sull’aumento a settembre di persone controllate (+8,5%), di multe (+30%), di incassi (+9% nei primi 9 mesi). Risultati certamente positivi, ma di che numeri parliamo?

Questo l’andamento degli “introiti delle penalità per evasione tariffaria”, così come riportati nei vari bilanci ufficiali ATAC.

 

 

Colpisce subito che 9 anni fa gli introiti erano ben superiori e sono andati via via calando. Dai semplici numeri è difficile capirne il motivo. Sebbene dal 2016 in poi si sia registrato un miglioramento, parliamo comunque di piccole cifre.

 

Nel 2016 ATM Milano ha elevato un numero di sanzioni superiori (+60%) e con introiti decisamente più alti pari a 3,6 Milioni di € (+150%). Un motivo di questo divario potrebbe essere nel differente piano sanzionatorio.

 

ATAC prevede 2 tipi di sanzione:

54,90 € se si paga entro 5 giorni

104,90 € se si paga dal 6° al 60° giorno

 

ATM invece prevede un tipo di sanzione aggiuntiva:

35 € se si paga subito sul posto

50 € se si paga entro 5 giorni

65 € se si paga dal 6° al 60° giorno

 

L’importo delle multe è minore ma la percentuale di chi paga è maggiore, soprattutto grazie al pagamento sul posto. Un fatto ben noto, che finalmente è arrivato anche in ATAC tanto che da luglio 2018 è possibile pagare immediatamente la sanzione con bancomat/carta di credito. Questa incredibile innovazione si è tradotta in un incremento effettivo delle multe pagate, che è passato dal “consueto” 20% (2016-2017) al 27,5% di Settembre 2018.

Siamo però ancora lontani dal vedere numeri significativi sia in termini di introiti da multe ma soprattutto in termini di introiti da vendita di biglietti e abbonamenti, che è poi il fine vero del contrasto all’evasione.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Adesso che @virginiaraggi ha superato due prove impegnative (sentenza e referendum), lanciamo un appello alla Sindaca perché ascolti di più i suggerimenti dei cittadini. Collaboriamo tutti alla rinascita di Roma. diarioromano.it/?p=27718

Cosa sarà del trasporto pubblico romano dopo il fallimento del #ReferendumAtac ? L'analisi di @MercurioPsi e una proposta di transizione per garantire i km che Atac perde ogni anno. @TreninoBlu @metroxroma @TplRoma diarioromano.it/?p=27703

Riflessioni sul risultato del #ReferendumAtac. Amarezza per una città irriformabile e per una giunta che ha volutamente nascosto ai romani la consultazione. I cittadini che aspettano ore il bus se la prendano con loro stessi. @MercurioPsi diarioromano.it/?p=27662

Per il #ReferendumAtac si può votare pure senza tessera elettorale o con la tessera senza spazio per i timbri. #iovotosi

test Twitter Media - Per il #ReferendumAtac si può votare pure senza tessera elettorale o con la tessera senza spazio per i timbri. #iovotosi https://t.co/Y3G0SxFKFO
Video diario
  • Al Liceo o all’inferno?

    Via della Bufalotta. Entrare nel Liceo Nomentano è come calarsi nell'inferno. Ero con un'amica non romana e mi sono vergognata. M.S.

  • I nuovi schiavi (volontari)

    Quasi un nuovo modello di schiavismo quello che si osserva per le strade del centro di Roma, ad animare un commercio infimo ed illegale

  • L’aiuola discarica

    Piccolo fazzoletto di verde in viale Somalia altezza via Antrodoco. Tutti i recuperanti gettano qui i loro rifiuti. Una vergogna. B. M.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.