“Aprite l’asilo nido di Casal Monastero”

La struttura, terminata da 4 anni, non è mai entrata in funzione. L'appello dei residenti e la raccolta firme. Potrebbe ospitare 69 bambini

 

La parola “vergogna” sullo striscione simboleggia lo stato d’animo di centinaia di famiglie della zona. Casal Monastero, periferia nord-est, fuori dal Gra chiede l’apertura dell’asilo nido Poppea Sabina che sta andando in rovina prima ancora di essere entrato in funzione.

Ci sono voluti due anni per costruirlo ma non del tutto. I lavori si erano parzialmente conclusi nel 2016 e per permettere l’apertura del nido occorrevano altri interventi minori. Dopo lunghe insistenze e appelli, nel 2018 il Comune di Roma appalta i “lavori complementari” per un importo di 250.000 euro alla Pa.mo Costruzioni. L’impresa svolge l’incarico nei 90 giorni previsti ma da allora nessun passo avanti è stato compiuto.

Le porte restano sbarrate, l’area esterna è invasa dalla vegetazione infestante e c’è il rischio concreto di occupazione. Le famiglie di 69 bambini sono costrette a rivolgersi ad asili privati, con costi maggiori e disponibilità limitata.

 

L’8 marzo scorso, le mamme del quartiere hanno manifestato in maniera civile e ordinata. Hanno scavalcato la recinzione e hanno fatto sentire la loro voce di donne lavoratrici che hanno bisogno di un aiuto concreto per la maternità. La data dell’8 marzo non era stata scelta per caso ma proprio per simboleggiare la carenza dei servizi di assistenza per la donna rispetto ad altri paesi europei. Senza arrivare alla perfetta organizzazione delle nazioni scandinave, basta guardare alla Francia, alla Spagna o alla Germania per valutare il profondo divario con le mamme italiane.

In Francia il 2,5% del Pil viene destinato alle politiche per la famiglia, contro l’1,03 dell’Italia. Il costo degli asili nido varia a seconda della fascia di reddito dei genitori: quelli più abbienti, in una città come Parigi, pagano 2,43 euro l’ora compresi i pannolini e il cibo (cioè una media di 276 euro al mese).
In Italia, si parte da un minimo di 400 euro per arrivare a 650 euro al mese, a seconda della fascia Isee.

Una disparità incomprensibile, ecco perché un solo asilo pubblico come quello di Casal Monastero può fare la differenza.

Il Comitato di Quartiere, che ha a cuore l’apertura dell’asilo, era stato ricevuto in Campidoglio a settembre del 2020. La garanzia del Dipartimento era stata l’apertura per l’anno scolastico 2021. Ma fino ad oggi neanche una pietra è stata mossa e le possibilità che a settembre prossimo i bambini varchino il cancello sono davvero remote.

Casal Monastero si sente dimenticato: la promessa che qui sarebbe arrivata la metro B prolungata da Rebibbia è sfumata nonostante i cantieri sembravano imminenti. Poi la mancata raccolta dei rifiuti che ha interessato il quartiere per mesi trasformando alcune strade in piccole discariche.

Almeno per il nido di via Poppea Sabina i residenti pretendono una risposta, senza dover aspettare il nuovo sindaco.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close