A quasi tre mesi dalla convulsa approvazione del nuovo regolamento sul commercio in area pubblica, quello fortissimamente voluto dal Presidente Coia e su cui la maggioranza tutta si è schierata compatta per approvarlo a tempo di record, cominciamo a vedere se e come la nuova normativa ha inciso sulla situazione delle bancarelle a Roma.

Noi di quel regolamento abbiamo scritto tutto il male possibile, convinti che sarebbe stato la pietra tombale per ogni speranza di ridare un minimo di decoro alle strade romane. Ci apprestiamo quindi a fare una ricognizione della situazione sul campo con l’aspettativa di trovarla immutata, se non peggiorata, ma ben pronti a riconoscere eventuali segnali di miglioramento.

 

Cominciamo dalle due bancarelle di piazza S. Maria Maggiore, quelle di cui ci occupammo a suo tempo ripetutamente perché avevano il malcostume di parcheggiare i furgoni di fianco al marciapiede, in divieto di sosta, divieto che però i vigili non facevano rispettare perché qualche manina furbetta aveva segato il relativo cartello stradale (e ci sono volute otto mesi di nostre segnalazioni per farlo installare di nuovo).

 

Questo è come si mostrano le due bancarelle in questi giorni:

 

SMM

 

Partiamo anzitutto da un presupposto: a nostro avviso quelle due postazioni ambulanti non dovrebbero essere lì, di fronte ad una delle quattro basiliche maggiori di Roma, e davanti le porte di un grande magazzino che paga fior di affitti, di stipendi e di tasse e che deve subire il parassitismo di chi, beneficiando di canoni OSP risibili, sfrutta la sua presenza sulla piazza.

Purtroppo il regolamento Coia non ha tenuto in nessun conto questi aspetti, decidendo essenzialmente di lasciare la situazione immutata sul territorio.

Vediamo allora se ci sono differenze apprezzabili nelle modalità con cui queste bancarelle vengono allestite e gestite. Ma anche da questo punto di vista non si colgono novità di rilievo:

– sulla destra si notano dei manichini appoggiati al palazzo e quindi del tutto fuori posto,

– il cartello di divieto è stato fagocitato dagli espositori, finendo col mimetizzarsi quasi tra gli stracci,

– si notano numerosi espositori sulla sede stradale, cosa stra-vietata,

– si scorge merce appesa agli ombrelloni, anch’essa pratica vietata.

 

Si direbbe quindi che queste postazioni non si siano proprio accorte della nuova normativa e continuino ad operare nel solito anarchico modo. Eppure fu lo stesso Presidente Coia a scrivere che all’approvazione del nuovo regolamento sarebbero seguito controlli serrati per farlo rispettare.

Ovviamente sapremo vigilare sul rispetto della normativa ed influire positivamente sugli organi di controllo.

scriveva Coia sul suo facebook.

 

Sarà che è ancora agosto? Sarà che neanche Coia è in grado di smuovere il corpaccione della Polizia Locale romana?

Secondo noi la realtà è che il regolamento Coia altro non è che la cristallizzazione della situazione dell’ambulantato romano, con tanti saluti alle speranze che tantissimi cittadini avevano riposto nell’attuale amministrazione.

Alla prossima puntata.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close