Appunti per il neo commissario Tronca: Porta del Popolo

Siamo stati tutti impegnati a seguire il braccio di ferro Marino-Pd, a immaginare quanto durerà il commissariamento tanto da dimenticare l’emergenza decoro. L’immagine di Roma che avranno i pellegrini del Giubileo e nella quale si imbattono turisti di tutto il mondo è peggiore ogni giorno che passa.

L’agenda del nuovo commissario non potrà che partire dalla cura delle ferite più profonde. E’ noto che un prefetto non prende iniziative politiche ma il suo compito è l’applicazione delle leggi e dei regolamenti. Prendiamo piazzale Flaminio, crocevia nevralgico per chi si reca in centro: qui ci sono la fermata della Metro A, il capolinea del tram 2, la stazione di arrivo del treno Roma-Viterbo. Un luogo che dovrebbe essere difeso dagli abusi e dal degrado anche perché sotto gli occhi di migliaia di turisti ogni giorno E invece basta guardare le foto che seguono per capire quanta strada sia ancora da percorrere per portare la capitale ad un livello minimamente europeo.

 

 

 

cinema 040

 

Il cartellone 1×1 che impalla la splendida Porta del Popolo è una costante denunciata dai blog da anni. Ma purtroppo è ancora lì. Mentre l’osceno suk che accompagna per centinaia di metri chi vorrebbe passeggiare nella piazza  o chi si reca verso un mezzo pubblico non ha giustificazioni. Gruppi elettrogeni inquinanti, merce scadente appesa agli ombrelloni contro i regolamenti mentre via di Villa Ruffo, che sale verso Villa Borghese, è occupata militarmente dai furgoni dei bancarellari.

 

cinema 047

 

 

cinema 041

 

cinema 045

 

Queste sono bancarelle autorizzate, ricordiamolo bene. E non solo fanno una concorrenza sleale al commercio tradizionale che sta morendo lentamente mettendo sul lastrico migliaia di lavoratori, ma danno un’immagine di Roma che non ha eguali. Ovviamente non mancano gli abusivi con la merce contraffatta che nella nostra città hanno il mercato più fiorente di Italia.

 

cinema 042

 

cinema 043

 

cinema 044

 

Per chi legge i blog antidegrado non si tratta di una novità, ma data la nomina fresca del commissario, è bene ricordare in quali condizioni si trova il territorio cittadino. Perchè chiunque governi la città comprenda che il ripristino della legalità e del decoro minimo sono l’unica via di salvezza.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close