Ancora sullo spopolamento del centro di Roma

Nessun commento

Torniamo sul tema dello spopolamento del centro storico di Roma, dopo averne parlato alcuni giorni fa.

 

rioniroma1

 

Ce ne dà modo un articolo online, segnalatoci da un/a lettore/trice, a firma di Andrea Declich e dal titolo “Roma e il nulla. Promuovere la densificazione della città: qualche riflessione sul futuro nonostante la Raggi”.

Il pezzo si apre con una considerazione generale sulla situazione romana su cui è difficile non concordare:

Il governo della città di Roma oggi è rappresentabile con una parola: nulla. Nel tempo la situazione è andata peggiorando, ma va detto che da quando è stata eletta la sindaca Raggi, con la sua salda maggioranza monocolore, la macchina comunale ha proprio smesso di funzionare. E non è solo l’azione che manca a Roma, sono anche le idee sul che fare.

Ma l’autore ne ha anche per la sinistra, dovendo constatare che anche da quella parte il vuoto di idee dura da tempo:

Immaginandomi in un contesto – purtroppo inesistente: la sinistra romana non lo fa in maniera sistematica dai tempi della prima elezione di Rutelli – in cui si riflette su queste cose, penso che uno dei temi su cui concentrarsi – molto complesso – sia quello dello spopolamento delle zone centrali di Roma.

 

Nel consigliare la lettura del pezzo, pieno di interessanti considerazioni e riferimenti, riportiamo ancora un estratto che descrive brevemente alcune delle cause dello spopolamento:

Come avviene lo spopolamento? Come si è detto, il tema è complesso e non si può troppo semplificare. Ma sicuramente avviene riempiendo il centro di attività e funzioni che non hanno a che fare con la residenza e marginalizzando queste ultime. Il centro storico di Roma è stato colpito da politiche di questo tipo per decenni, ma certo l’andazzo degli ultimi anni ha rafforzato la tendenza: la città è all’esclusivo servizio del turismo predatorio, come si può constatare dall’invasione di pullman, dal dilagare dei bed&breakfast, dall’occupazione eccessiva di suolo pubblico tale che in certe piazze si fa lo slalom tra i tavolini.

Ebbene se consideriamo che il centro storico di Roma è sotto governo di maggioranze di sinistra da decenni (almeno dal 1997, quando è stata introdotta l’elezione diretta del Presidente), non possiamo non attribuire a questa parte politica una buona parte delle responsabilità per la situazione attuale.

Ed anche a voler considerare tutte le attenuanti per non essere riusciti ad arginare quello che è un fenomeno mondiale, per di più con i poteri e le competenze limitate dei Municipi a Roma, è fuor di dubbio che ancora oggi si è costretti a registrare una totale miopia del governo in carica in Municipio I rispetto al problema.

Se infatti da una parte si è iniziato ad adottare qualche slogan sul tema ( tutelare la residenzialità in centro storico “… per contrastare lo spopolamento e salvaguardarne le caratteristiche uniche favorendo un uso corretto da parte di tutti“, si è sentito dire alla Presidente Alfonsi in un recente convegno), nei fatti l’azione del Municipio I continua ad ignorare i reali problemi e le richieste degli abitanti, come l’intervento appena promosso in via della Frezza ha dimostrato, ultimissimo esempio della particolare ed esclusiva attenzione che si continua ad avere per il commercio.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Chiude per ben 3 mesi la fermata Baldo degli Ubaldi per controllare le scale mobili. Una revisione che si poteva programmare senza bloccare la stazione. Ma @virginiaraggi se la prende con quelli di prima. La storia raccontata da @MercurioPsi. @saveMetroC diarioromano.it/?p=36584

Il bellissimo reportage di @PiazzapulitaLA7 sul verde pubblico. Attenzione però: problema vero non è servizio giardini ma mancanza di bandi di gara. I soldi ci sono anche se @virginiaraggi non lo dice. @corradoformigli spiegalo tu in un'altra puntata. diarioromano.it/?p=36578

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.