Ancora sul nuovo bando TPL: il disservizio giustificato

Nessun commento

di Mercurio Viaggiatore (@mercuriopsi)

 

 

Il 22 novembre è stato pubblicato il Capitolato Tecnico per l’appalto per la gestione di 103 linee bus di periferia, attualmente in carico a RomaTPL, che sarà affidato dal 2020 tramite gara.

Al capitolo 4.5 si trova l’elenco delle “corse giustificate”, ovvero quelle corse che non sono soggette a penale se non sono effettuate dal gestore.

 

Scriveva Stefàno su Facebook il 19 Maggio 2017:

“Queste sono le corse “giustificate”, ovvero quelle corse che vengono comunque pagate alla #RomaTPL, anche se non effettuate. Per questo regalo all’azienda dobbiamo ringraziare il contratto e capitolato d’appalto sottoscritti e votati nel 2010 dall’allora Giunta di Centro Destra”

 

In realtà, come scritto nel Capitolato Tecnico del contratto attuale a cui si riferisce, le corse giustificate non sono soggette alla penale di 10€ per ciascuna corsa saltata.

Non è invece chiaro a quanto ammonterà la penalità per la singola corsa non effettuata con il nuovo contratto. Sta di fatto che ai motivi ammessi come giustificazione sono stati aggiunti: la mancanza personale e la mancanza vetture.

Se sottoscrivo un contratto, devo essere in condizioni di svolgere il servizio così come programmato, altrimenti è meglio non presentarsi proprio alla gara.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Vi spieghiamo perché quest'anno l'albero di Natale di piazza Venezia è venuto bene, non grazie a @virginiaraggi che se ne prende i meriti, ma nonostante Virginia Raggi. diarioromano.it/?p=28268

test Twitter Media - Vi spieghiamo perché quest'anno l'albero di Natale di piazza Venezia è venuto bene, non grazie a @virginiaraggi che se ne prende i meriti, ma nonostante Virginia Raggi. https://t.co/2mYGXJVOuv https://t.co/qqqhYI6s4A
Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.