Ambulanti: “Ridateci via Tuscolana o la blocchiamo”

Nessun commento

Abbiamo più volte criticato il presidente della commissione commercio Andrea Coia per il suo atteggiamento troppo accomodante con gli ambulanti romani e per la sua riforma che ha solo incancrenito la grave situazione attuale. Nei giorni scorsi, però, non abbiamo esitato a riconoscergli il merito di aver appoggiato la battaglia di Monica Lozzi, la presidente del VII° Municipio, che ha avuto il coraggio di delocalizzare le bancarelle da via Tuscolana a via Tito Labieno.

Si tratta di una serie di banchi che – come dimostrato dal nostro reportage di esattamente due anni fa – invadevano il marciapiede in tutta la parte più commerciale della zona, impedendo il passaggio dei pedoni, nascondendo le vetrine dei negozi, parcheggiando i furgoni in doppia fila. Insomma il solito mercato da terzo mondo che i romani conoscono bene.

Ma la reazione degli ambulanti allo spostamento in un’area limitrofa è emblematico dell’atteggiamento di chi si ritiene il padrone delle strade. Per 3 giorni di seguito hanno paralizzato la Tuscolana, rallentando il flusso delle auto e provocando enormi disagi alla cittadinanza. La foto di RomaToday mostra la strada in tre diversi momenti, sempre congestionata per i furgoni dei bancarellari che appositamente camminavano a passo d’uomo, facendo frequenti e ingiustificate soste.

tuscolana_traffico-2

 

Il giorno prima avevano inscenato un’altra protesta attraversando di continuo la strada per rallentare il traffico. Vogliono che lo spostamento in via Tito Labieno sia annullato. Vogliono restare sui marciapiedi perché solo così intendono il loro commercio. Il gestore medio romano delle bancarelle si è così abituato a stare nello stesso punto dei negozi che non concepisce di poter operare nei mercati, come avviene in tutto il mondo. E così, a via Cola di Rienzo di fronte a Tiffany c’è chi vende mutande e calzini. A via Ottaviano, accanto a Benetton, c’è il banco di custodie per cellulari ad un euro. E a piazza Esedra, di fronte ad Eataly, c’è l’ambulante che espone pentole e apriscatole. Con la differenza che Tiffany, Benetton, Eataly pagano fior di affitti per operare in luoghi così prestigiosi, fior di tasse, fior di contributi per il personale. Come si fa, dunque, a pensare che nello stesso luogo possa operare chi non paga tasse, affitto, tiene i dipendenti extracomunitari in nero?

cdr5

 

Ecco perché ovunque in Europa, gli ambulanti si trovano solo nei mercati o nei luoghi destinati a mercato a rotazione. Ma in nessuna città troverete bancarelle stanziali sulle vie più commerciali. Immaginatevi un banco a Londra su Oxford Street, o Parigi sulla rue Saint Honoré che pretenda di collocarsi davanti alle vetrine! Sarebbe rimosso dopo 5 minuti.

Ecco perché il provvedimento di Monica Lozzi va nella giusta direzione: europeizzare Roma e soprattutto garantire ai negozianti il rispetto del loro spazio vitale, ai pedoni del loro passaggio e alla città di un decoro dignitoso.

Siamo certi che l’assessore Meloni, Monica Lozzi, Andrea Coia e gli altri esponenti 5stelle che fino ad oggi si sono mostrati troppo vicini alla lobby delle bancarelle, capiscano che questa volta non possono tornare indietro. Che debbono mandare vigili e polizia a rimuovere eventuali blocchi operati dagli ambulanti sulla Tuscolana. Che questa deve essere la prima di tante altre strade di Roma da bonificare.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

L'area del parco di Conca d'Oro sequestrata dal cantiere metro B1 tornerà ai cittadini dopo 5 anni dalla fine dei lavori. Bene il progetto voluto da @giocaudo e dall'ass. Sanpaolo del III Municipio. #verdepubblico #ambiente. diarioromano.it/?p=38062

Amici di Roma, fate girare per favore Retweeted by diarioromano

test Twitter Media - RT @zuky_meow: Amici di Roma, fate girare per favore https://t.co/TXpi8d2nN0

A Corso Vittorio nel 2016 #ACEA installò una cabina elettrica provvisoria con l’intento si rimuoverla dopo 6/8 settimane. Siamo nel 2020. . #photo #Roma #centrostorico #decoro

test Twitter Media - A Corso Vittorio nel 2016 #ACEA installò una cabina elettrica provvisoria con l’intento si rimuoverla dopo 6/8 settimane. Siamo nel 2020.
.
#photo #Roma #centrostorico #decoro https://t.co/v81dYQFCwK
Video diario
  • L’Assemblea Capitolina alla sbarra!

    L'abc di una politica responsabile prevede che in caso di processo si abbandoni la carica che si ricopre, per rispettarla e tutelarla. De Vito ci ripensi

  • Vetri del bus non più trasparenti

    I vetri dei nuovi bus rossi dell'Atac sono tutti ridotti così. Un patrimonio di milioni di euro devastato dagli acidi e dagli stupidi.Batman