Altro che pecore e mucche, allertiamo i pompieri!

Nessun commento

Quest’anno ci ha pensato Zingaretti a ricordare il problema più grave di un verde cittadino non gestito, ossia il rischio che in ogni aiuola, ciglio stradale o parco cittadino le sterpaglie incolte prendano fuoco in maniera accidentale.

L’abbiamo già sperimentato lo scorso anno quando pure una stagione particolarmente secca limitò parzialmente la crescita dell’erba. A nostro avviso al tempo gli innumerevoli microincendi cittadini (bruciavano anche i piccoli spartitraffico!?!) stavano portando al rischio di un intervento governativo, tanto la situazione appariva fuori controllo.

 

A luglio 2017 a fuoco anche la piccola aiuola dello spartitraffico centrale della Colombo

 

Passato un altro di amministrazione M5S e gestione Montanari del verde la situazione è esattamente la stessa con l’aggravante di una primavera particolarmente piovosa che sta favorendo l’esplosione del verde cittadino. Tra qualche settimana le rigogliose erbe si trasformeranno in secche sterpaglie pronte a prendere fuoco al primo mozzicone.

 

Piramide

 

Piazzale Cina

 

Via della Magliana

 

Viale Marco Polo

 

Il problema si ripresenta ogni anno da quando scoppiò lo scandalo degli appalti truccati di Mafia Capitale e la manutenzione del verde subì un fermo repentino, con un Servizio Giardini ridotto ai minimi termini che non può neanche star dietro alle emergenze.

Noi affrontammo la questione la prima volta nell’estate 2015, quando il Campidoglio per far fronte all’emergenza lanciò una una task force anti-incendi in collaborazione tra i volontari della Protezione Civile, il Servizio Giardini e l’Ama.

Ebbene passati tre anni, di cui due dell’attuale amministrazione sedicente “a cinque stelle”, il problema invece che essere risolto o anche solo indirizzato è addirittura peggiorato. Sui bandi per la manutenzione del verde pubblico continua a regnare la confusione, il Servizio Giardini del Comune rimane una struttura minuscola, buona solo a curare in maniera maniacale i propri spazi interni ed a mettere una pezza qua e là, e tutto fa pensare che tra qualche settimana Roma si ritroverà in piena emergenza incendi cittadini.

 

Piuttosto quindi che considerare ipotesi fantasiose ed irrealistiche di una manutenzione del verde affidata anche solo in parte a pecore e mucche, su cui solo una totale mancanza del ridicolo di alcuni elementi dell’attuale amministrazione fa esternare, gli assessori Montanari e Gatta (pensate voi che accoppiata!?!) e il Sindaco Raggi farebbero bene a predisporre un piano straordinario che per i prossimi tre mesi tenga in ordine aiuole, cigli stradali e parchi cittadini.

 

Come detto, dopo due anni di sedicente governo “a cinque stelle” siamo ancora alla speranza che vengano predisposti decenti interventi straordinari che evitino che la città bruci.

Che il cielo ci aiuti!

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Siamo ad un’ora di attesa senza che qualcuno si sia degnato di comunicare qualcosa. Bel modo di trattare i cittadini che rappresentate @marcello_devito e @virginiaraggi twitter.com/diarioromano/s…

Assemblea Capitolina convocata per le 10:30 ma dopo mezz’ora i cittadini che vogliono assistere aspettano fuori (meno male che non piove). La partecipazione nell’era M5S non è diversa dal passato. I sedicenti “portavoce” ...

test Twitter Media - Assemblea Capitolina convocata per le 10:30 ma dopo mezz’ora i cittadini che vogliono assistere aspettano fuori (meno male che non piove).
La partecipazione nell’era M5S non è diversa dal passato. I sedicenti “portavoce” ... https://t.co/aWDT9kOLia

Non si può affrontare un processo e contemporaneamente ricoprire la più alta carica rappresentativa della Capitale. L’uomo di legge @marcello_devito non può non rendersene conto. Faccia onore a lui e alla carica. diarioromano.it/?p=37030

Video diario
  • La “monnezza” di via Savoia

    Non c'è angolo di Roma che si salva dallo straripare della "monnezza". Qui via Savoia davanti al cinema Mignon. M. C.

  • La caduta del Grillo

    Grillo che a Roma cade in una buca sembra la perfetta immagine dei 5*. Gli antichi romani vi avrebbero visto degli auspici pessimi

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.