Circa un anno fa segnalammo due carretti metallici marroni, totalmente chiusi, che stazionavano uno in largo delle Stimmate (largo Argentina) e l’altro in largo degli Schiavoni (piazza Augusto Imperatore).

Poco dopo il nostro pezzo il carretto di largo delle Stimmate sparì, mentre quello di largo degli Schiavoni sembra essere irremovibile: è ancora lì!

 

castagna2

castagna1

La presenza addirittura del recapito telefonico del proprietario e l’orgogliosa dicitura “IO SONO IL CASTAGNARO” danno una chiara idea del livello di impunità a cui certi soggetti sono abituati.

Ma se a questa impunità avevamo fatto il callo in era Alemanno, con il rampollo di una delle famiglie più note di ambulanti a guidare il gruppo consiliare di Forza Italia in Assemblea Capitolina, e purtroppo parzialmente anche in era Marino, dove lo stesso rampollo ricopriva la carica di vicepresidente dell’Assemblea Capitolina, con i paladini della legalità del M5S certe schifezze speravamo di non doverle vedere più.

È vero che la competenza per ogni tipo di OSP abusiva spetta al Municipio, che con l’attuale guida ha abbondantemente dimostrato di non saper minimamente contrastare gli abusi, ma un’amministrazione capitolina con il mantra della legalità non può continuare a tollerare occupazioni illecite e sfrontate come questa.

Peraltro questo carretto l’avevamo denunciato su IoSegnalo dopo che ci era stato segnalato ma evidentemente la cosa non ha sortito effetti. Vai a capire se perché la Polizia Locale non ha fatto i controlli, o se li ha fatti ed ha elevato il verbale che però non è stato lavorato dall’ufficio commercio del Municipio, oppure se tutto il procedimento amministrativo si è concluso ma il proprietario del carretto se ne frega delle sanzioni, magari in quanto nullatenente senza fissa dimora, ed il Municipio non ha i fondi per rimuovere il carretto a proprie spese.

Insomma a distanza di un anno dalla nostra prima segnalazione questo piccolo (ma neanche tanto) illecito ancora prospera indisturbato, a dimostrazione che il far west in centro storico è tutt’altro che finito. Con buona pace della “legalità” che il M5S aveva promesso di riportare a Roma.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra. Neanche le cose facili … @Sabrinalfonsi

test Twitter Media - Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra.
Neanche le cose facili …
@Sabrinalfonsi https://t.co/cgVKt12ZPc

Colonna della Pace, in abbandono. Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c'è l'unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Colonna della Pace, in abbandono.
Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c'è l'unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/D0xKFLuG8V
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close