Almeno sull’urbanistica si è cominciato

Mentre il neo Sindaco Virginia Raggi e la sua maggioranza stanno cercando (disperatamente, stando ai rumours) gli assessori da nominare, l’unico dato per certo parrebbe già essersi messo in qualche modo al lavoro. Parliamo di Paolo Berdini, assessore all’urbanistica in pectore della nuova amministrazione targata M5S.

paolo_berdini

Pur non essendosi ancora insediato infatti, il prof. Berdini sta già intervenendo nel dibattito pubblico esplicitando la sua visione dell’urbanistica a Roma con particolare attenzione ad alcuni progetti specifici. Ed è in particolare sul progetto per il nuovo stadio della Roma a Tor di Valle che il prof. Berdini sta sparando a palle incatenate, da ultimo in un dibattito radiofonico su Radio Radicale ripreso in anteprima ieri da Repubblica.

Certo, se farò l’assessore all’Urbanistica, mi guarderò le carte, perché io rispetto la legge, ma userò ogni mezzo a disposizione per fermare lo stadio. In una città fallita volete spendere milioni per questo?“. Questa in sintesi la posizione di Paolo Berdini sul progetto.

 

caudo

Il dibattito verrà trasmesso oggi alle 15 su Radio Radicale ed andrà in contemporanea in video su repubblica.it. Oltre a Paolo Berdini hanno partecipato altri ospiti tra cui l’assessore uscenta all’urbanistica, Giovanni Caudo, che ha lavorato interamente al progetto per il nuovo stadio a Tor di Valle. In attesa di ascoltare dalla registrazione tutti i particolari della discussione, consigliamo la lettura del post che ieri Giovanni Caudo ha pubblicato sul suo profilo facebook:

 

Il dibattito sul progetto di Tor di Valle mi ricorda il film MEMENTO: ogni giorno si ricomincia sempre dallo stesso punto, come niente fosse.

Ieri ho accettato di partecipare a un confronto sul progetto urbanistico di Tor di Valle con Paolo Berdini. Nel corso della puntata precedente, l’assessore indicato dal sindaco Virginia Raggi, aveva sostenuto che il Comune con quel progetto sperpera circa 1 miliardo di euro, mentre la città è piena di debiti.
Avevo replicato a distanza per segnalare l’enormità della ennesima bugia. Ho accettato quindi di partecipare a una trasmissione che è un po’ surreale, andrà in onda domenica alle 15 su Radio Radicale, nel tentativo di avere un confronto nel merito (la campagna elettorale è finita), di contribuire a fare chiarezza e per avere da Paolo Berdini argomenti a sostegno di quanto detto.

Niente da fare.

I dati, gli atti i documenti ufficiali dicono cose del tutto diverse, non opinioni, ma fatti e delibere validate da organi competenti ed esaminate dai magistrati, chiamati in causa da esposti, tutti archiviati, e dalla magistratura amministrativa.

Eppure il refrain è sempre quello:
1. l’area è esondabile! Allora leggo il parere rilasciato in conferenza di servizi dalle autorità competenti che dice una cosa diversa..mettere in sicurezza il fosso di Valleranno che è a Decima..fuori dall’area ecc… niente. Dopo dieci minuti si riprende come prima.
2. Senza provare quanto asserisce ripete che il pubblico avrà mancati incassi degli oneri di urbanizzazione per 400 milioni, ma forse anche per il doppio (non più quindi un un miliardo) e per questo motivo bisognerà cercare un’altra area. Spiego che non è vero, fornisco i conteggi degli oneri di legge che sono circa 90 milioni mentre il privato realizza opere pubbliche per circa 115 milioni. Inoltre il privato realizza in regime di concorrenza instratrutture per 195,5 milioni di euro. Niente neanche qui. “Lo Stadio è esempio di mala urbanistica romana, bisogna smetterla col regalare soldi ai privati , una modalità che ha portato il comune in bancarotta”. Faccio notare che i numeri dicono altro, faccio comparazioni con esempi, quelli si di mala urbanistica, Porta di Roma dove il comune a fronte di oltre 3 milioni di metri cubi di costruito ha ricevuto opere per neanche 90 milioni. Si è costruito il triplo di quanto previsto a Tor di Valle (per altro la maggior parte case) ma il comune ha ricevuto opere pari a 1/3 di quanto otterrà con il progetto di Tor di Valle (a chi stiamo regalando cosa?). Lo stesso si può dire di Ponte di Nona. Niente, neanche questa volta, si ricomincia con il refrain.
3. Il progetto provoca un consumo di suolo per 89 ettari. Falso, degli 89 ettari solo 44 saranno occupati da edifici, attrezzature e immobili, esattamente quelli già individuati come edificabili dal PRG, il resto sono solo sistemazioni a parco fluviale, parchi e aree verdi. Ciò che è verde resta verde, viene solo curato, manutenuto e reso accessibile…fiato sprecato.
4. ..e potrei continuare…

La vera domanda allora è: a chi fanno comodo tutte queste bugie ripetute e ripetute ormai da circa due anni e mezzo tanto da farle diventare “verità fasulle”?
Questo è il nodo, e non è tecnico né amministrativo, ma politico.

Fa comodo a Cinquestelle che vogliono far vedere che loro ora sono “forti con i poteri forti” che sono contro “i palazzinari” e la cementificazione, e sposano la posizione di Berdini, già messa per iscritto sul suo Blog nel gennaio del 2015, un’anno e mezzo fa, qui il link (http://www.ilfattoquotidiano.it/…/nuovo-stadio-del…/1335580/) (da notare che nella fretta per sostenere la tesi che l’area è “un deserto urbano” ha scritto che ci sono 100 metri di dislivello tra Tor di Valle e le aree intorno, purtroppo per lui il dislivello massimo a Roma, quello tra Ostia e Ottavia è di 153 metri, come può essere quello tra Tor di Valle e l’Eur di 100 metri? Si dice la qualsiasi pur di darsi ragione!)

Succede però che sono proprio i poteri forti, quelli stessi abituati a dare una mancia al pubblico in cambio di enormi profitti (quelli che hanno creato il debito urbanistico di cui parla Berdini) a non volere che il progetto vada avanti e conducono una battaglia contro a prescindere fin dal primo giorno. D’altronde sono stati abituati a pubblicizzare i debiti e a privatizzare i profitti. Non si è mai visto a Roma che il pubblico in un intervento tutto privato patrimonializzi opere per oltre 300 milioni di euro, il 30% dell’investimento (la prassi romana è intorno al 9/10%).

Ecco la nuova Roma che avanza: una confluenza inaspettata di interessi, entrambi “privati”, che cancellano l’interesse pubblico, quello della città, e che avrà come esito di mettere tutti i bastoni tra le ruote a un progetto che cambiava la prassi dell’urbanistica romana, sfidava il privato sulla qualità e portava investitori e risorse economiche vere.

No, questo a Roma non si può fare, neanche con i Cinquestelle, peccato.

Ci abbiamo provato a pensare in termini di regia pubblica e di interesse generale e non di meri interessi di parte, siamo stati mandati via, ora tocca a loro.
Sul progetto di Tor di Valle non serve dire più nulla, tanto è inutile. Riparte il film come in Memento, e si ricomincia da capo.

 

L’ex assessore Caudo ha dimostrato durante il suo mandato di essere persona ragionevole, competente e non asservita a questo o quel potente di turno. E per quanto ci consta lo stesso può dirsi del prof. Berdini, con cui si potrà non essere d’accordo rispetto all’idea di città ma la cui competenza ed autorevolezza non è in discussione.

Si direbbe quindi un dibattito tra giganti, di quelli a cui a Roma non siamo proprio abituati. Perciò godiamocelo nella trasmissione odierna e nel prosieguo della discussione che senz’altro non mancherà.

 

Spereremmo che anche per gli altri assessorati si trovassero persone dello spessore di Berdini; al commercio, ad esempio, vorremmo proprio vedere qualcuno in grado di discutere con l’ex assessore Leonori cosa è meglio per affrontare il problema del commercio ambulante, per mandare avanti la riforma dei cartelloni, ecc. Stando ai nomi che si sussurrano temiamo di dover rimanere molto delusi. Sorge però spontanea una domanda: ma se proprio non si trova nessuno all’altezza, che male ci sarebbe a proporre proprio a Marta Leonori di riprendere il posto di assessore al commercio. Non è detto che lei accetterebbe, ma in passato ha già dato prove di indipendenza e coraggio fuori dal normale (si è dimessa da parlamentare per fare l’assessore a Roma!?!), oltre che di capacità e competenza. E se le cose non dovessero andare il Sindaco potrebbe sempre sfiduciarla dall’oggi al domani, senza dover rendere conto a nessuno.

Purtroppo non avverrà mai, ma si converrà che l’ipotesi ha una sua straordinaria suggestione. E noi siamo sicuri che funzionerebbe alla grande!!!

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Via Pellegrino Rossi, all’Esquilino, un orinatoio e “defecatoio” a cielo aperto a pochi passi dall’arco di Gallieno (parte delle mura serviane del VI secolo a.C.). Urge presidio fisso #AMA❗ . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Via Pellegrino Rossi, all’Esquilino, un orinatoio e “defecatoio” a cielo aperto a pochi passi dall’arco di Gallieno (parte delle mura serviane del VI secolo a.C.). Urge presidio fisso #AMA❗
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/OHS4MryqfS

Cosa succede al canforo di via Cernaia? L'albero secolare mostra evidenti segni di sofferenza e c'è il timore che venga prima ignorato e poi abbattuto❗ @Retake_Roma @Roma @RiprendRoma @PLRomaCapitale ▪️ 👇 diarioromano.it/cosa-succede-a…

“Nestore, l’ultima corsa”. Un vecchio vetturino e il suo cavallo non si rassegnano alla mancanza di rispetto dei più giovani. Una questione ancora attuale denunciata con grazia e amore per la vita. #film #Roma @PiccoloAmerica @cinematografoIT ▪️ 👇📰 diarioromano.it/nestore-lultim…

Asfalto e segnaletica rifatti, finalmente anche il tratto che collega la Moschea con la Tangenziale è ora transitabile. La strada era stata chiusa parzialmente per buche a gennaio. . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Asfalto e segnaletica rifatti, finalmente anche il tratto che collega la Moschea con la Tangenziale è ora transitabile. La strada era stata chiusa parzialmente per buche a gennaio.
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/Vf2LB6wVvs

La maggioranza #M5S sempre più in confusione sulle #OSP. Normativa ancora rimandata, col presidente @AndreaCoiaM5S che accusa il #PD di ostruzionismo mentre è la sua maggioranza che si sta dividendo sul disastro da lui orchestrato🤷🏻‍♂️ ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-maggioranza…

La PA a #Roma è come un acquario in acqua stagnante. Intervista ad Alfredo Martini (@CCantiere). Una classe amministrativa più giovane, 15 veri comuni autonomi e flessibilità urbanistica. Una ricetta per uscire dalla crisi tremenda del dopo #Covid. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-pa-a-roma-e…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close