Allarme polveri sottili in Metropolitana

Riprendiamo l’interessante illustrazione che Mercurio Viaggiatore fa del problema delle polveri sottili nelle metropolitane di Roma. ATAC sembra non voler fornire i dati delle rilevazioni trincerandosi dietro un presunto “segreto industriale”.

Se però ha ragione Mercurio a parlare di un problema di salute pubblica, è la Sindaca Raggi in persona che dovrebbe intervenire.

 

 

di Mercurio Viaggiatore (@mercuriopsi)

 

Si torna a parlare del rischio polveri sottili sotto la Metropolitana (PM10 e PM2,5), c’è una verifica della Procura di Roma in corso, ed è nata una discussione sulla mancata pubblicazione integrale degli esiti di uno studio commissionato da ATAC all’Università di Tor Vergata. Dal canto suo ATAC dice di aver dato tutti i chiarimenti ai lavoratori. Ma se i macchinisti subiscono un’esposizione prolungata, anche i pendolari sono esposti ad elevati picchi di inquinanti, che possono agire in maniera rilevante sulla salute respiratoria. Si tratta quindi di un problema di salute pubblica e non solo dei lavoratori addetti al servizio.

Da numerosi studi effettuati in Italia e in varie metropolitane del mondo, è emerso che le polveri sottili nelle metropolitane sono composte per lo più da ossidi di ferro, manganese e rame, e sono generate in larga parte dall’usura meccanica dei freni, ma anche dallo sfregamento tra i cavi elettrici della catenaria e il pantografo, e dall’attrito tra ruote e rotaie. Si possono trovare anche idrocarburi aromatici, gruppi carbonilici, funghi e batteri.

Il luogo più esposto in assoluto è la banchina, e la fase più critica è in fase di ingresso in stazione del treno, quando la turbolenza indotta dall’arrivo del convoglio provoca la ri-sospensione delle particelle già presenti, oltre all’apporto di nuove polveri dovute alla fase di frenatura. Nella fase di apertura porte, le polveri sottili ancora sospese in aria entrano nei vagoni. Particolarmente esposti al rischio sono i vagoni di vecchio tipo che viaggiano con i finestrini aperti.

Un sistema per contrastare questo fenomeno, oltre al lavaggio periodico delle gallerie, è la polverizzazione di acqua nelle gallerie delle stazioni. Le particelle d’acqua nebulizzata infatti intrappolano le microparticelle di polvere, facendole precipitare. Ma il modo più efficace in assoluto per abbattere in maniera drastica la concentrazione di inquinanti, è l’adozione delle porte di banchina a tunnel chiuso, che separa totalmente la banchina passeggeri dal tunnel in cui viaggia la metropolitana.

Le porte di banchina sono un sistema costituito da pareti alte fino al soffitto lungo tutta la banchina sul lato di arrivo del convoglio, intervallate da porte di vetro che si aprono in corrispondenza delle porte del treno esclusivamente quando arriva e si arresta il convoglio. A Roma sono già presenti sulla MetroC.

Con questo sistema si ottengono una serie di vantaggi:

  • prevenzione della caduta accidentale di persone sui binari, specialmente in caso di sovraffollamento della stazione
  • riduzione della caduta di oggetti sui binari, con minor rischio di incidenti o guasti
  • protezione della banchina dalle polveri presenti in galleria
  • miglior controllo della ventilazione e del clima nella stazione, che non è sottoposta a periodici sbalzi

 

Cosa si aspetta ad ammodernare le stazioni ed adottare questo sistema anche su MetroA e su MetroB?

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close