Ai bimbi insegniamo lo sport e la sosta selvaggia

Nessun commento

A Roma, accompagnare il proprio figlio ad un torneo equivale ad avere licenza di sosta impunita. Accade ogni volta che agli impianti sportivi dell’Acqua Acetosa si svolge un concorso o un campionato cadetto. E sabato scorso non ha fatto eccezione, anzi questa volta si sono raggiunte vette di sfacciataggine mai viste prima.

Una segnalazione ci fu inviata nell’ottobre 2015 da Marisa P. che – abitando nella zona – si sente sequestrata in casa quando al Centro Giulio Onesti c’è un evento sportivo. Sabato 28 maggio, abbiamo fatto un salto sul posto per vedere se in seguito alla denuncia di Marisa a “Io Segnalo” ci fosse stato qualche miglioramento. E invece la situazione è addirittura peggiorata. Tutti, ripetiamo tutti i marciapiede sono occupati dalle auto. I pedoni sono costretti a camminare sulla carreggiata dove i veicoli sfrecciano ad alta velocità.

Acqua Acetosa sosta selvaggia2

Acqua Acetosa sosta selvaggia

Acqua Acetosa sosta selvaggia5

 

Molte vetture sono addirittura posizionate metà sul marciapiede e metà sulla strada, costringendo i pedoni a spostarsi al centro della carreggiata, con un rischio altissimo.

Acqua Acetosa sosta selvaggia7

 

Ma prima di andare avanti col nostro post, dobbiamo farvi notare questa Citroen blu. Da non crederci, ma quest’auto è parcheggiata nel bel mezzo della strada, sulla striscia continua doppia.

Acqua Acetosa sosta selvaggia3

Acqua Acetosa sosta selvaggia4

 

Questo papà o questa mamma non hanno avuto nessuno scrupolo a mollare la macchina così e portare il figlio a giocare a pallone. Che messaggio, che insegnamento hanno potuto trasmettere questi genitori? E il bambino una volta diventato adolescente come pretendiamo potrà rispettare la cosa pubblica?

La scena si svolge a tre minuti dal comando della Polizia di Roma Capitale di viale Parioli. E’ possibile che in una intera giornata nessuna auto dei vigili sia passata da qui? Evidentemente è impossibile, ma è chiaro che si vuole chiudere un occhio. Come se il fatto di portare i figli a fare sport rendesse i genitori al di sopra della legge.

Una vergogna che difficilmente potrà cambiare senza una reale volontà politica. Eppure a pochissimi giorni dal voto, nessun candidato parla di sosta selvaggia e di legalità che deve partire proprio dal parcheggio. Perché a Roma è impopolare. Ed è meglio fingere che il problema non esista, salvo poi piangere lacrime di coccodrillo quando si leggono le statistiche sulla mortalità stradale nella capitale.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

E' proprio nei momenti di crisi come quello che sta vivendo adesso la giunta che un Sindaco spinge per atti concreti di buona amministrazione. @virginiaraggi cominci dalle bancarelle e dal Tavolo del Decoro. diarioromano.it/?p=31517

Il doppio fallimento del M5S a Roma: non solo la pessima capacità di governo ma soprattutto la scarsa trasparenza negli atti e nelle decisioni. L'apriscatole e gli streaming sono solo un ricordo. #DeVito diarioromano.it/?p=31495

Un articolo di @rep_roma ricorda quante bancarelle impallano i monumenti più belli di Roma. Una risposta da @virginiaraggi anche sul caldarrostaro di piazza di Spagna sarebbe utile. Ma forse oggi la Sindaca ha altro cui pensare #DeVito diarioromano.it/?p=31400

Video diario
  • Sosta libera, ovunque

    Parcheggia pure la tua Lamborghini sui posti moto e davanti palazzo Chigi, tanto le possibilità che ti multino sono pari a zero! Lorenzo A.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.