A Tor Sapienza tutto normale, purtroppo

Nessun commento
Continuiamo a ricevere i comunicati del Comitato di quartiere Tor Sapienza e continuiamo a darne eco, convinti come siamo che sia inammissibile costringere migliaia di cittadini a respirare fumi tossici quotidianamente. Alla lunga ci si muore ed un medico, come il Sindaco, queste cose dovrebbe capirle da solo.
Ecco quindi l’ultimo comunicato (di martedì 1 settembre), nel solito stile diretto e irriverente che noi non apprezziamo particolarmente ma che ben comprendiamo.
“Mentre il ns Jacques Cousteau “de noantri” pur essendo Sindaco prosegue nel censimento delle tartarughe marine ai Caraibi, anche ieri “le fornaci della morte” in Via Salviati e in Via Severini, hanno portato a termine la loro produzione- giornaliera irrefrenabile e incontrastata- di Roghi Tossici, con o senza la presenza della Municipale all’ingresso del Campo e a prescindere dalle Dichiarazioni del Prefetto.
Prefetto Gabrielli – che sbeffeggiando il Sindaco Palombaro Ciclista Stolto- dichiara: «Se l’ho sentito? Sì, fra un’immersione e l’altra…»
A Tor Sapienza, l’abbandono è evidente, gli effetti dell’amministrazione Comunale sono più trasparenti di un bicchiere di acqua, inutili e privi di ogni effetto benefico e concreto fresca.
Ecco cosa ci spetta dopo l’ennesima rata in acconto di IMU e TASI !!
— 

Giuseppe Giorgioli
Segretario C.d.Q. e addetto ai rapporti Stampa e Istituzioni 

ts1

ts2

ts3

ts4

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

La disavventura dei disabili che aspettano il tram o usano la metro a Colli Albani raccontata da una mamma. @andreavenuto sappiamo che non ha la bacchetta magica ma davvero @virginiaraggi è sorda a basilari istanze di civiltà? #barrierearchitettoniche diarioromano.it/?p=37833

Video diario