A piazza Annibaliano il parcheggio va in rovina

1 Commento

 

Sono tanti i parcheggi interrati conclusi e mai aperti. Ma lo scandalo del garage di piazza Annibaliano è tra i più gravi. Realizzato assieme alla fermata della Metro B1 Sant’Agnese e firmato dallo studio di architettura ABDR, sta andando in rovina. Chiuso da 7 anni, indispensabile per lo scambio con la metro e per i residenti, potrebbe ospitare fino a 300 auto. Viale Eritrea e viale Libia sono sommerse dalla sosta selvaggia e l’apertura di questo parking potrebbe cambiare il volto del quartiere. Un abitante della zona, Andrea Ferraretto, lo ha inserito tra le proposte del Pums e ha ottenuto molti consensi.

La presidente del II° Municipio, Del Bello, ha promesso una gara per l’assegnazione entro un anno. La struttura, dopo la scadenza del contratto con la società di vigilanza, sta sprofondando nel degrado. Sbandati e senza tetto l’hanno scelta come abitazione di fortuna e basta avvicinarsi all’area per capire che le parti più nascoste del parcheggio sono diventate delle latrine.

Il parking sarebbe molto utile agli abitanti della zona. Secondo l’accordo tra società costruttrice e Comune, infatti, una parte del parcheggio sarà destinata ai residenti con tariffe agevolate e un abbonamento mensile per 60/70 euro. Giuseppe Gerace, ex presidente del Municipio, racconta di aver sollecitato più volte prima l’assessore Improta della giunta Marino e poi il Commissario Tronca. Ma il via libera al bando non è mai arrivato.

Nel frattempo tutta l’area è un fiorire di doppie file e sosta selvaggia. Soprattutto la preferenziale di viale Eritrea e viale Libia è praticamente annullata dalle auto che la invadono in sosta vietata. I trecento posti sotterranei sarebbero fondamentali per un nuovo disegno della corsia e per il montaggio di cordoli che impedirebbero le doppie file.

 

Articoli correlati

1 Commento

  1. Andrea Ferraretto

    Un anno per fare una gara, altri sei mesi per affidare la gestione. Un parcheggio, chiuso dal 2011. Queste sono le situazioni dove nessuno interviene, creando danni alla collettività.

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Prosegue il successo di @nonsonorifiuti, che da marzo ha un nuovo punto di raccolta al Mercato Irnerio, nell'indifferenza di @MontanariPin, che invece dovrebbe aiutare a moltiplicare l'iniziativa in tutta Roma. diarioromano.it/?p=25087

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.