Una storia di ordinaria anarchia sui mezzi del TPL romano

Una storia di ordinario degrado accaduta sul trenino di Ostia Lido. L'anarchia regna sovrana a Roma senza che nessuno provi neanche a metterci un freno

Riceviamo e pubblichiamo una storia accaduta qualche giorno fa sul trenino Roma-Lido.

 

 

 

A proposito del rispetto delle regole anti-Covid e delle misure di controllo inesistenti del comune di Roma.

Agosto, ore 21:15. A bordo del trenino di #OstiaLido in partenza dalla non presidiata stazione di Cristoforo Colombo, una “signora” viene invitata a mettere la mascherina, dato che la mascherina è obbligatoria a bordo di mezzi pubblici.

La “signora” replica che lei la mascherina non la mette. E non la mette.

L’invito le viene ripetuto, avvisandola che in caso contrario sarà segnalata a vigili e carabinieri. La “signora” a quel punto con strafottenza e sberleffo si mette in posa e sfoggia una specie di sorriso per le foto-segnalazioni che alcuni passeggeri iniziano a scattare. Poi dice un po’ di volgarità e parolacce scurrili, costringendo le mamme prima a tappare le orecchie ai bambini invitandola a smetterla dicendole che appunto c’erano dei bambini, e poi a spostarsi proprio da un’altra parte con i loro piccoli visto che “la signora” continuava totalmente indifferente e incurante delle lamentele. Alle proteste dei passeggeri verso questo linguaggio, dicendole che il suo comportamento era disdicevole e vergognoso, la “signora”, si alza, si gira di spalle e poi alzando la minigonna e mostrando il sedere dice ai passeggeri: “Parlate con il mio culo!”

Poi, all’ennesima contestazione da parte dei passeggeri, aggiunge sempre con fare strafottente: chiamate i carabinieri, chiamate chi ve pare, tanto io lavora alla finanza e non mi fanno niente. E tira fuori un tesserino di colore verde chiaro e lo mostra da lontano, ripetendo che lei la mascherina non la mette e che tanto lavora alla finanza. Cosa che dubito fortemente sia vera, e che se così non è, sarebbe pure reato .

Non contenta ingaggia subito un battibecco con due ragazzi di colore seduti poco lontano da lei, chiamandoli a ripetizione parassiti, idioti, e dicendo a voce alta che lei, italiana, paga le tasse per mantenerli. E mente uno di loro le ha dato giustamente della razzista e i passeggeri l’hanno invitata a vergognarsi (di nuovo) del suo comportamento razzista, la “signora” si rivolge prima ai passeggeri insultandoli e offendendoli, poi si rivolge al ragazzo di colore (giovane, sui 30 anni) dicendo: guarda che te dò una pizza e ti faccio saltare i denti ! Io lavoro alla finanza, a n’hai capito !! Il ragazzo risponde dicendole di chiamare i carabinieri.

Le fermate del trenino sono tutte deserte e non presidiate, e il telefono è al 2%, troppo poco per chiamare i carabinieri. La “signora” continua a fare il suo show, andando avanti e indietro nello spazio intorno a lei, senza mascherina, e avvicinandosi ogni tanto al ragazzo di colore lo insulta e ripete che gli farà saltare i denti con una pizza in faccia. E tra una cosa e l’altra annuncia pure, sempre con strafottenza, che lei sta andando ad Ostia Antica per vedere il teatro. Tutto questo mentre poco più in là c’è seduto un signore di 80 anni (o forse più) che poi scende. Le dicono che varrà segnalata agli organi competenti e che tanto tutta la scena è ripresa dalle telecamere del trenino, allora “la signora” risponde con sberleffo e ridendo scandisce: si come no, beati voi che vivete nel mondo delle favole! Le telecamere sono spente!

Ribrezzo.

 

 

Può accadere di tutto sui mezzi del TPL romano senza che nessuno tra il personale Atac e le forze di polizia pensi o possa mai intervenire.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Tutto vero quello che si dice sulla mancanza di sorveglianza. Rimane il fatto che anche se fossero intervenuti controllori, carabinieri o polizia con le leggi che abbiamo sarebbe stata denunciata a piede libero, forse un giorno chiamata davanti ad un giudice per poi scoprire che a) I reati sono depenalizzati, b) E’ passata la prescrizione, c) Sotto una certa soglia di pena c’é la non menzione e la non reclusione, d) Con una pena del genere si può pagare e si evita la prigione. e) Qualsiasi altra cosa che impedisca una punizione giusta di un simile comportamento.

    Il che NON GIUSTIFICA ASSOLUTAMENTE il non controllo dei treni roma-ostia e di tutto il resto della città sia chiaro ma aiuta a comprendere perché poi molti delle FFOO si sentano de-motivati e poco spinti ad interventire, non è questo il caso qui le FFOO proprio non c’erano.

    Questo discorso ovviamente, ma è bene specificarlo, non vuol dire che ci si augura una polizia stile USA che spara a destra e a manca (oddio proprio a destra e a manca no visto che colpisce solo persone di colore ma ci siamo capiti), ma che il sitema giustizia italiano funzioni dalla prevenzione alla riabilitazione passando per il controllo, la repressione, la veloce verifica dei presunti reati e la carcerazione in forme umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Gravi criticità per la raccolta carta al Tuscolano. Uno dei motivi è che i cassonetti vengono chiaramente usati anche dai negozi, cosa sbagliata e non sostenibile. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Gravi criticità per la raccolta carta al Tuscolano. Uno dei motivi è che i cassonetti vengono chiaramente usati anche dai negozi, cosa sbagliata e non sostenibile.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/nYBeEDPlv1

Recuperiamo il 150esimo anniversario dalla breccia di #PortaPia, ricorso ieri. Che sia da stimolo per tutti affinché con le elezioni del prossimo anno #Roma sia liberata dalla cappa di depressione che la opprime da troppo tempo. #21settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/150-anni-dalla… Retweeted by diarioromano

Recuperiamo il 150esimo anniversario dalla breccia di #PortaPia, ricorso ieri. Che sia da stimolo per tutti affinché con le elezioni del prossimo anno #Roma sia liberata dalla cappa di depressione che la opprime da troppo tempo. #21settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/150-anni-dalla…

Camion della #spazzatura che strappa la busta fa cadere i #rifiuti e li lascia lì. A volte viene da chiedersi quale sia il compito dell'AMA (o delle cooperative che lavorano per loro). . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Camion della #spazzatura che strappa la busta fa cadere i #rifiuti e li lascia lì. A volte viene da chiedersi quale sia il compito dell'AMA (o delle cooperative che lavorano per loro).
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/JmLevyCZV0
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close